Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Palazzuolo sul Senio

Bambino scomparso, il sindaco di Palazzuolo: "Da sandali a ricerche, storia Nicola plausibile" 

Le parole di Gian Piero a Moschetti 

"A noi la madre ha detto che lui faceva un pisolino tra le 6 e le 7, lei lo ha messo sul lettone con i sandali e poi è andata a lavorare. Il bambino si è alzato ed è uscito di casa probabilmente per cercarla. Questo è ciò che a noi risulta, è la soluzione più semplice e immediata". Gian Piero Moschetti, sindaco di Palazzuolo sul Senio, ai microfoni della trasmissione 'L'Italia s'è desta', su Radio Cusano Campus, è tornato a parlare della scomparsa e del ritrovamento del piccolo Nicola Tanturli. "Loro non avevano ancora fattorizzato che il bambino potesse aprire la porta- ha spiegato- questa è una storia secondo me assolutamente plausibile. Probabilmente si è svegliato prima di quanto la madre si aspettasse, ha aperto la porta ed è uscito. Qui da noi la gente lascia le chiavi nella serratura, nelle automobili, funziona così. Non essendoci alcun tipo di recinzione, di cancello, si è incamminato su questa strada, a un certo punto o lo ha sorpreso il buio o si è stancato e si è fermato. I genitori quando sono tornati non l'hanno trovato, sono andati a cercarlo con i vicini nella zona più ampia possibile, a un certo momento hanno sentito un pianto interrompendo le ricerche. Quella sera era molto calda e molto ventosa, probabilmente il pianto che loro hanno sentito è stato spostato dal vento". "Queste storie qua, in un ambiente forestale sono plausibili- ha continuato- Il contesto urbano è differente da quello di campagna, di foresta. La gente continua a parlare di particolarità, l'unica loro particolarità è quella di non avere l'energia elettrica. Loro hanno fatto questa scelta, che non è così strana in quel contesto. In America gli Amish rifiutano addirittura il motore. Se sei in città a volte ti perdi al supermercato, se sei in campagna ti perdi in campagna. Il bambino è stato trovato sotto un tronco rotto che gli faceva un po' da riparo, in maniera molto simile a quello che fanno molti animali perché i bambini hanno delle reazioni istintive. Quella è una famiglia di apicoltori, se avesse l'energia elettrica non avrebbe alcuna differenza dagli altri abitanti". (Agenzia Dire)  

Giani: il Pegaso al sindaco

Il giornalista che ha visto Nicola

Il racconto del volontario

Bambino scomparso a Palazzuolo: il carabinieri l'ha portato in salvo

Festa in Paese: "E' un miracolo"

La soddisfazione del sindaco di Palazzuolo

Visitato al Meyer, come sta il piccolo Nicola

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino scomparso, il sindaco di Palazzuolo: "Da sandali a ricerche, storia Nicola plausibile" 

FirenzeToday è in caricamento