Il caso / Bagno a Ripoli

La denuncia: “La Città Metropolitana sloggia le rondini di Mondeggi” / FOTO

Lo rende noto l'associazione ecologista GrIg: “E nel bel mezzo del periodo di nidificazione”

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

“La Città Metropolitana di Firenze, titolare della tenuta di Mondeggi, sloggia le rondini nel bel mezzo del periodo di nidificazione dal capannone del podere Cuculio”. È la denuncia dell'associazione ecologista Gruppo d'Intervento Giuridico (GrIg) che il 1 luglio ha inoltrato una istanza di verifica dell’attuale situazione e delle conseguenze sulla nidificazione tra gli altri al ministero dell’ambiente e alla regione Toscana informando anche la procura di Firenze.

La Città Metropolitana nei giorni scorsi avrebbe avviato “Un intervento sperimentale – spiega il gruppo in una nota – che dovrebbe portare, secondo gli intendimenti, le rondini a installarsi in una struttura temporanea dove sono stati realizzati nidi artificiali e sono stati trasferiti alcuni nidi dal capannone. Ovviamente alle rondini non han chiesto nulla e vagano nel capannone alla ricerca del nido che non c’è più. Tutto questo per non aspettare il termine naturale della nidificazione, settembre, e poter demolire quanto prima il capannone nell’ambito di un ampio progetto di riqualificazione dell’intera tenuta. Difficile non considerare tutto questo un deliberato disturbo alla nidificazione”.

Il 12 maggio l'associazione aveva inviato una istanza per l'adozione di provvedimenti di tutela della nidificazione al ministero che avrebbe risposto: “dal momento che l’intervento di demolizione della struttura comporterebbe il danneggiamento dei nidi dell’avifauna ivi presente, la cui tutela va assicurata ai sensi della direttiva 2009/147/ce uccelli, ha chiesto a Regione, Città metropolitana e comune di Bagno a Ripoli d’essere informato sulla situazione attuale e i provvedimenti adottati”.

Oltre a sottolineare che l’articolo 5 della direttiva n. 2009/147/ce sulla tutela dell’avifauna selvatica , comporta in favore di “tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nel territorio europeo degli stati membri il divieto di ucciderli o di catturarli deliberatamente con qualsiasi metodo e di distruggere o di danneggiare deliberatamente i nidi e le uova e di asportare i nidi” l'associazione precisa che "Non costa nulla posticipare gli interventi di demolizione dopo l’involo dei piccoli” dato che “è ben noto che rondini, balestrucci, rondoni siano importanti sia per la difesa della biodiversità sia per l’utilità collettiva, in quanto si nutrono di insetti: una sola coppia, nel corso di una stagione riproduttiva, cattura circa 150 mila insetti, di cui i ditteri (mosche e zanzare, ndr) costituiscono dal 60 al 90 per cento della dieta”.

Nidi rondini tenuta Mondeggi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia: “La Città Metropolitana sloggia le rondini di Mondeggi” / FOTO
FirenzeToday è in caricamento