rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca Palazzuolo sul Senio

Mettere all’asta i cimiteri abbandonati per dargli nuova vita

Il caso a Palazzuolo sul Senio con l’ex camposanto di Salecchio

Salvare gli ex cimiteri delle frazioni più isolate, ormai abbandonati, dal degrado e provare a dargli una nuova vita. Questo l’obiettivo del Comune di Palazzuolo sul Senio che ha “portato a casa” il primo risultato: giovedì infatti è stato venduto il primo camposanto, quello di Salecchio, acquistato da Massimo Cirri, autore e conduttore radiofonico di ‘Caterpillar’ oltre che drammaturgo, che qua ha comprato casa ed ha poi scoperto il cimitero, dove poi negli ultimi due anni ha realizzato eventi culturali.

Tremila la base d’asta per immobile e spazio esterno (12 metri quadri la ex cappella e circa 240 la resede dove si trovavano le salme, traslate altrove da tempo), sua l’unica offerta arrivata all’amministrazione comunale.

L’intenzione di acquistare il cimitero, abbandonato da oltre mezzo secolo, Cirri l’aveva annunciata qualche settimana fa sui social per poi ribadirlo pochi giorni fa in un articolo su ‘Il Post’, dove rendeva pubblica anche l’offerta: 3050 euro, 50 in più della base d’asta. L’altro ieri l’apertura delle buste, senza alcuna sorpresa, né sull’importo né sui partecipanti alla ‘gara’.

Adesso viene il ‘bello’, recuperare il cimitero e capire cosa farci. “Il bosco se lo è ripreso, nascondendolo alla vista, sommergendolo di rampicanti, invadendo con alberi grandi e arbusti storchignaccoli il terreno che ha ospitato i corpi trasformandoli in nuova terra. Adesso urge rendere nuovamente “abitabile” il camposanto. Per salvarlo”, scriveva pochi giorni fa Cirri. Tra le ipotesi più suggestive quella di un “network di teatro nei cimiteri”, collaborando con Archivio Zeta che sempre in Alto Mugello, a una quarantina di chilometri di distanza, da vent’anni porta in scena spettacoli nel suggestivo scenario del Cimitero militare germanico.

"Siamo molto contenti perché in questo modo restituiamo quelli che consideriamo spazi pubblici a tutti gli effetti, a una funzione pubblica”, le parole all’Ansa del sindaco Gian Piero Moschetti.

Insieme a Salecchio nel piano delle alienazioni c’era anche l’ex camposanto di un’altra frazione, Lozzole per il quale il Comune aveva ricevuto una manifestazione di interesse che poi non si è concretizzata: l’asta è andata deserta. Il prezzo era lo stesso, più piccola la superficie (180 metri quadri tra cappella e resede), ma soprattutto peggiore lo stato di conservazione e maggiori le difficoltà per accedervi. Una comunità vicina alla Chiesa si era però mostrata interessata e probabilmente, fa sapere il sindaco, si andrà a trattativa diretta. L’elenco è comunque più lungo. A Palazzuolo sul Senio ogni parrocchia, infatti, aveva il proprio cimitero, 13 in tutto e tutti abbandonati; il “caso” di Cirri potrebbe non restare isolato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mettere all’asta i cimiteri abbandonati per dargli nuova vita

FirenzeToday è in caricamento