Cronaca

Assalto alla Cgil, centinaia al presidio fiorentino. Giani: "Sciogliere i movimenti fascisti" / LE IMMAGINI

La Cgil: "Giù le mani dal sindacato, inaccettabile e gravissimo l'assalto fascista di ieri"

In centinaia questa mattina al corteo e al presidio fiorentino in solidarietà alla Cgil, dopo che la sede nazionale di Roma ieri è stata assaltata e devastata da estremisti di destra e neofascisti, distaccatisi dalla manifestazione dei 'No Green Pass' in corso nella capitale.

"Un gesto gravissimo, no al ritorno dello squadrismo fascista", le parole del segretario nazionale Landini, che ha subito indetto per questa mattina alle 10 presìdi in tutta Italia, di fronte a tutte le Camere del Lavoro, oltre che ovviamente di fronte alla sede romana assaltata ieri.

E di fronte a quella fiorentina, in Borgo dei Greci, sono arrivati questa mattina come detto in centinaia. Nel corteo anche lavoratori Gkn, con l'ormai inconfondibile striscione 'Insorgiamo'. Di fronte alla sede della Cgil è arrivato a portare solidarietà anche il presidente della Regione Eugenio Giani.

Devastata la sede della Cgil, le reazioni

"Solidarietà piena alla Cgil per l'attacco subito ieri a Roma, fascista e squadrista. Quando ieri sera ho visto le immagini di Roma mi sono reso conto della gravità di quanto accaduto. Si è trattato di un vero e proprio attacco squadrista che ci riporta indietro di cento anni, quando episodi come questo portarono in breve tempo alla Marcia su Roma e all'avvento del fascismo", ha detto Giani.

"Si tratta di un metodo politico che non può avere cittadinanza in una democrazia ed è bene che le istituzioni tutte, e i cittadini stessi, si attivino al più presto per fermarlo definitivamente. Oggi siamo tutti vicini alla Cgil per l'offesa senza precedenti che l'ha colpita. Porto ai suoi tanti iscritti e iscritte la mia solidarietà personale. Verso Forza Nuova, verso tutti i movimenti politici che praticano il fascismo, dobbiamo essere duri e far rispettare la Costituzione che ne prevede lo scioglimento", ha aggiunto Giani.

Assalto alla Cgil, arrestati i neofascisti Fiore e Castellino

Giani ha anche criticato i presidenti di Regione che chiedono una proroga nell'applicazione delle nuove norme sul Green pass (che entreranno in vigore il 15 ottobre) e l'allungamento della validità dei tamponi fino a 72 ore, perché "è bene andare avanti con forza nella campagna vaccinale, l'unico modo per una ripartenza rapida e sicura. Non condivido le posizioni di alcuni governatori che chiedono una proroga nell'applicazione del green pass e l'allungamento della validità dei tamponi fino a 72 ore, perché così si scoraggiano le persone a vaccinarsi e si rallenta una ripartenza sicura del Paese. Questo è il momento della fermezza sul Green pass".

Tra gli altri, oltre ai vertici locali della Cgil, in piazza c'erano i sindaci di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi e quello di Campi Bisenzio Emiliano Fossi, oltre agli assessori comunali di Firenze Benedetta Albanese e Federico Gianassi (il sindaco Nardella è in missione istituzionale a Expo Dubai).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assalto alla Cgil, centinaia al presidio fiorentino. Giani: "Sciogliere i movimenti fascisti" / LE IMMAGINI

FirenzeToday è in caricamento