Evade i domiciliari, trovato alla stazione: arrestato

Se ne erano perse le tracce da 15 giorni

Ieri sera i carabinieri di Empoli hanno arrestato un 35enne. L’uomo (un marocchino irregolare, senza fissa dimora e con precedenti), era ricercato da più di 15 giorni per aver evaso gli arresti domiciliari.

Il marocchino, lo scorso 29 maggio, in evidente stato di ebrezza aveva lanciato delle bottiglie di vetro da un’abitazione di Castelfiorentino (la casa di un amico in cui viveva da qualche tempo).

Sul posto arrivarono i carabinieri della locale stazione che, una volta entrati nella casa,  durante gli accertamenti furono presi a calci e pugni dal 35enne. L’uomo fu arrestato, portato nel carcere di Sollicciano e sottoposto al rito direttissimo. A conclusione del procedimento il giudice decise di sottoporlo agli arresti domiciliari presso la casa dell’amico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per 15 giorni l’uomo è risultato irreperibile ai militari, fino alla svolta di ieri sera.  Adesso il marocchino si trova nel carcere di Sollicciano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento