Vigili armati anche fuori servizio: “Aiutateci”

Aumentano casi di autolesionismo, suicidi ed omicidi. La proposta di legge di Fattori (Sì Toscana) per lasciare le pistole ai comandi

Avere le pistole anche fuori dall'orario di lavoro è troppo pericoloso, per se stessi e per gli altri. Lo denunciano i vigili urbani, gli agenti della polizia municipale, che hanno visto in Italia nel corso degli anni numerosi casi di autolesionismo, suicidi e omicidi compiuti con le armi utilizzate in servizio e che sono costretti a portarsi a casa.

Perché molto spesso, come a Firenze e nella gran parte dei comuni toscani, mancano depositi o armadietti blindati dove lasciare le pistole.

In Toscana tutti ricordano la tragedia dell'estate del 2017 a Porto Santo Stefano, all'Argentario: in quell'occasione Loredana Busonero, 55enne comandante della polizia municipale di Monte Argentario, sparò e uccise il figlio 17enne Francesco Visconti e poi si suicidò.

Un appello ad intervenire arriva dagli stessi agenti. “La polizia municipale di Firenze non ha un deposito di armi e il nostro è un corpo di polizia di 800 persone, con molte sedi distaccate e vari reparti. Avere un luogo dove lasciare la pistola sarebbe essenziale per la sicurezza nostra e delle persone che ci sono vicine”, dice Marco Andrei, vigile urbano e rappresentante per la sicurezza del corpo della polizia municipale fiorentino.

Un altro rischio è anche quello di subire un furto e 'perdere' così la pistola. “Veniamo spesso a lavoro con i mezzi pubblici, in treno o in autobus, ed è molto pericoloso trasportare un’arma dal luogo di lavoro a casa e viceversa”, prosegue Andrei.

L'appello è stato raccolto dai consiglieri regionali di Sì Toscana a Sinistra Paolo Sarti e Tommaso Fattori. Quest'ultimo ha presentato questa mattina in consiglio regionale una proposta di legge per istituire depositi-armerie dove lasciare le pistole in tutti i comandi della regione, assieme ad una più presente assistenza psicologica.

“Il possesso delle armi è sempre un pericolo per sé e per gli altri, anche quando riguarda le armi di ordinanza degli operatori di polizia al termine dell’orario di servizio”, dichiara Fattori, presentando la proposta di legge assieme allo stesso Andrei e ad Alba Giovannetti, madre di un agente che si suicidò nel 2006, agente dal cui nome è nata l'Associazione Amici di Daniele.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono purtroppo molti i casi di violenza e di autolesionismo, fino all’omicidio e al suicidio, compiuti da agenti con le armi d’ordinanza. La nostra proposta di legge - spiega Fattori -, vuole porre rimedio a queste mancanze prevedendo la necessaria predisposizione di luoghi in cui poter depositare le armi quando gli agenti finiscono il proprio turno di lavoro e si apprestino a tornare a casa. Chiediamo anche l'istituzione di visite periodiche biennali che possano verificare le loro condizioni psicologiche attivando, quando ve ne sia bisogno, percorsi di sostegno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento