Cronaca Bellariva / Via di San Salvi

San Salvi: gli archivi dell'ex ospedale psichiatrico abbandonati e aperti

Dentro una piccola stanza, racconta Toc Toc Firenze, ci sono schede dei pazienti con tanto di foto, diagnosi e trattamento. I diari dei medici dove annotavano cosa dare e cosa fare. Il problema che la stanza è abbandonata e aperta

A San Salvi, l’ex-ospedale psichiatrico chiuso nel 1978 grazie alla legge Basaglia, c’è una piccola stanza: soffitti alti, grandi finestre e molta polvere. Dentro ci sono schede dei pazienti con tanto di foto, diagnosi e trattamento. I diari dei medici dove annotavano cosa dare, cosa non dare e cosa fare nei prossimi giorni. I bilanci con le spese e così via. La quotidiana straziante routine di un manicomio. Fin qui “tutto bene”.
Il problema è che questa stanza è aperta. Non aperta nel senso di visitabile, ma è proprio aperta e lasciata a sé stessa. C’è un corridoio, una porta mai chiusa e nessuna sorveglianza.

CONTINUA A LEGGERE IL RESTO DELL'ARTICOLO SU TOC TOC FIRENZE

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Salvi: gli archivi dell'ex ospedale psichiatrico abbandonati e aperti

FirenzeToday è in caricamento