menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appalti truccati in Atm Milano: 13 arresti, indagini anche a Firenze 

Operazione contro dipendente infedele e società di tutta Italia

Dodici custodie cautelari in carcere e una persona ai domiciliari in un giro di appalti truccati ad Atm, la società delle metropolitane milanesi, parte lesa nel procedimento. Le indagini della procura di Milano, condotte dal nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza ha eseguito le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip Lorenza Pasquinelli. Smantellata un'organizzazione capeggiata da un dipendente infedele di Atm, che dall'ottobre 2018 a luglio 2019 ha incassato promesse e dazioni in denaro di oltre 125.000 euro. 

"Le utilità più significative, per il sodalizio criminale- spiega il procuratore capo meneghino, Francesco Greco- sono state rappresentante dall'acquisizione, alle imprese gestite dall'associazione, di rilevanti subappalti di lavori pubblici nella Metropolitana Milanese". 

I magistrati sono intervenuti complessivamente su trenta persone fisiche ed otto persone giuridiche. E hanno fermato un meccanismo corruttivo che finora ha riguardato otto gare d'appalto per un importo complessivo di oltre 150 milioni. Le contestazioni vanno dalla corruzione propria alla turbativa d'asta, dal peculato all'abuso d'ufficio e al falso in atti pubblici.

Coinvolte grandi aziende di tutta Italia: Siemens Mobility, Alstom ferroviaria, Engineering informatica, Ceit, Gilc Impianti Civili e Ctf Impianti. Le perquisizioni e i sequestri di documentazione amministrativo-contabile nonchè di supporti informatici nelle abitazioni degli indagati e negli uffici di Atm si sono dunque estese alle province di Monza, Savona, Lodi, Parma, Reggio Emilia, Bologna, Firenze, Latina, Caserta, Napoli, Salerno, Benevento, Pescara e Chieti.

Tra i soggetti coinvolti nel sistema messo in piedi dal dipendente, che in sostanza guidava e istruiva le imprese interessate agli appalti con informazioni riservate che arrivavano fino al ribasso d'asta giusto per vincere, spiccano in particolare esponenti delle società Siemens Mobility, Alstom ferroviaria, Engineering informatica, Ceit, Gilc Impianti Civili e Ctf Impianti, "tutte società iscritte nel registro degli indagati", insieme alle stesse società Ivm e Mad System "create occultamente" dal dipendete per le quali si adoperava per fare loro ottenere i subappalti dalle società vincitrici. 
 

Continua a leggere su Milanotoday

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Oroscopo Paolo Fox oggi 18 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

social

Galleria degli Uffizi e Palazzo Pitti: ecco quando riaprono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Arte: i tesori di Firenze

    Museo della Misericordia: custode di storia e arte

  • social

    Volterra sarà la Città toscana della cultura 2022

Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento