Coronavirus: l'Antico Vinaio chiude e regala le schiacciate | FOTO

Impossibile rispettare le prescrizioni: cibo a volontari e dipendenti dell'emergenza sanitaria

Ha deciso di chiudere perché non più in grado di garantire il rispetto delle prescrizioni per l'emergenza coronavirus. Neanche limitare il servizio alle spedizioni a domicilio è servito, tanti erano i rider davanti alla sua attività. L'Antico Vinaio, ormai celebre esercizio commerciale di via de' Neri, si arrende e chiude il bandone.

Ma lo fa in grande stile, regalando tutto quello che era rimasto a disposizione nel suo negozio a tantissime associazioni di volontariato di servizio in ambulanza, al personale degli ospedali, alla centrale operativa del 118, alla polizia penitenziaria.

Così, molte associazioni hanno ringraziato postando sui social network le mitiche schiacciate dell'Antico Vinaio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Antico Vinaio chiudenorm

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

  • Rifiuta di indossare la mascherina: caos in Piazza della Repubblica 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento