Cronaca Vinci

Alluvione, l'azienda vinicola non si arrende: “Vendiamo i vini a prezzo di saldo per ripartire”

Il fango ha danneggiato le etichette di 12mila bottiglie ma il vino è buono. La campagna social è partita 4 giorni fa: gli ordini stanno arrivano da tutto il mondo.

Dodicimila bottiglie con l'etichetta rovinata e quindi diventate invendibili. È il pessimo regalo dato dall'alluvione dei giorni scorsi all'Agriturismo Il Piastrino di Vinci, azienda che produce vini come  Chianti, Chianti riserva, Rosso Toscano, Igt toscano, rosè e bianchi oltre alle grappe. L'esondazione del Vincio tra il 2 e il 3 novembre scorsi, ha colpito duramente la zona. E, per quanto riguarda l'agriturismo, a subire la sorte peggiore sono stati il magazzino e la cantina, situati più in basso rispetto alle camere dell'agriturismo e quindi sommersi dalle acque. I proprietari però non si sono persi d'animo e, cogliendo il suggerimento della figlia Martina, hanno deciso di provare a vendere a prezzo di saldo le bottiglie. “Il vino è buono e non ha subito danni. Quattro giorni fa abbiamo lanciato sui social questa idea che ha subito riscosso successo: ci arrivano ordini da tutta Italia e anche dall'estero” ci dice Luigi Micheli, marito di Daniela Cavazzini nonché figlia dei fondatori dell'azienda. 

18mila bottiglie a settembre

L'alluvione aveva sommerso sotto più di un metro d'acqua la cantina. “Un disastro – ammette Micheli – Abbiamo finito ieri sera di togliere il fango esterno e dobbiamo ancora finire di pulire le ultime bottiglie. Nonostante il vino sia salvato, le etichette si sono danneggiate: se un Chianti per così dire perde la fascetta, dopo in pratica non è vendibile. Però il prodotto non aveva subito danni e ci siamo detti, perché no?”. Oltre al vino imbottigliato, nelle cantine era presente anche la produzione di quest'anno nei tini. “Non hanno subito danni – precisa Micheli – solo una damigiana ha perso da una valvola un po' di vino ma nulla più. Il vino danneggiato era stato tutto imbottigliato a settembre: 18mila bottiglie di cui due terzi hanno avuto l'etichetta danneggiata dall'alluvione. Un danno incredibile”.

Tanta solidarietà

In tante persone sono arrivate anche dai comuni vicini per dare una mano a spalare via il fango dall'agriturismo così come dalle case colpite. Via social invece sono arrivati tanti messaggi di solidarietà per i titolari. “Ci hanno scritto da tutta Italia – prosegue Micheli – e quando abbiamo lanciato quest'idea venuta a mia figlia e un suo amico, gli ordini hanno iniziato a fioccare. Questo ci conforta e ci fa ben sperare per il futuro. Sono arrivate richieste da Germania, Francia, Stati Uniti...da ovunque. In maggioranza erano privati”. Sulla possibilità di 'dedicare' una mandata di vino a quanto successo come simbolo di ripartenza, Micheli non si sbilancia. “Al momento non riusciamo ancora a capacitarci di quello che è successo – commenta – e se non era per nostra figlia che spingeva per questa idea, non credo che saremmo riusciti a provare a ripartire subito, come invece stiamo facendo. La solidarietà che stiamo ricevendo, ci riempie il cuore”. 

Alluvione Vinci 3 novembre 2023

Continua a leggere su Firenzetoday

Tutte le notizie sul maltempo 

Sospesa l'attività di volontariato 

Ditta vinicola svende tutto dopo l'alluvione 

Hub Hidron e la fake news 

Sale la rabbia tra i cittadini

Il climatologo: "Eventi che si ripeteranno" 

La raccolta fondi dell'influencer 

I tombini intasati

Arriva il maltempo sulle zone alluvionate 

Alluvione: il meteo non farebbe paura 

Gli studenti saltano la scuola per andare a spalare il fango 

Il veterinario di Campi: "Abbiamo bisogno di aiuti"

Prolungata la chiusura delle scuole

Come ricostruire? Intervista all'ingegnere

L'allarme sul tunnel tav

Tra gli alluvionati: "Qui portavamo il cane, ora è un lago" / VIDEO

La stima dei danni

Il vicepremier Tajani a Prato: "300 milioni per le imprese"

Capitan Biraghi in incognito ad aiutare gli alluvionati

Giani lavora all'ordinanza per la sospensione dei mutui

La Fiesole va a spalare il fango e non va allo stadio contro la Juventus 

Tra gli alluvionati

Reticolo minore:"I soldi investiti nell'ultimo triennio"

L'esperto: "Paghiamo le scelte degli anni passati"

Il cuore dei volontari 

I tifosi della Fiorentina: "Non andiamo allo stadio contro la Juventus"

Allagata la tramvia

Treni: ancora sospesa la linea tra Prato e Pistoia 

Le persone in lacrime \ VIDEO

Il sindaco: "Come una tempesta tropicale"

Allagati anche gli ospedali, è stato di emergenza regionale

Esonda fiume, auto portate via come giocattoli / VIDEO

La task force di Autostrade sul posto

Alia sul posto per la raccolta degli ingombranti 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione, l'azienda vinicola non si arrende: “Vendiamo i vini a prezzo di saldo per ripartire”
FirenzeToday è in caricamento