Domenica, 14 Luglio 2024
Il crowdfunding / Campi Bisenzio

La raccolta fondi dell’influencer di viaggi fa il pieno: oltre 15mila euro in due giorni

“Volevo aiutare la mia comunità, ma non mi aspettavo così tanto sostegno in così poco tempo”

Oltre 15mila euro in due giorni destinati alle famiglie di Campi Bisenzio alluvionate. È un piccolo caso di grande solidarietà la raccolta fondi sulla piattaforma Gofundme di Emanuele Bartolini, influencer di viaggi, “ma influencer è una parola che non mi piace, sono un viaggiatore”. Ce ne sono più di venti dedicate all’emergenza che ha colpito le province di Firenze, Prato e Pistoia, iniziative più ‘snelle’ su progetti mirati e per ricevere aiuti in tempi rapidi, che vanno ad aggiungersi alle campagne istituzionali (Regione, Anci Toscana, Comune di Campi Bisenzio) politiche (ad esempio il Partito democratico) o dal basso (come le Brigate di solidarietà attiva): c’è chi chiede una mano per sé, chi per i genitori o i conoscenti oppure per un’attività economica.

E sono più 550 (ma i numeri sono in continuo aggiornamento) le persone che hanno aderito all’appello di Bartolini che si è dato come traguardo la soglia dei 20mila euro: con questo ritmo dovrebbe essere superata agevolmente a stretto giro. “Un qualsiasi tipo di sostegno economico dallo Stato (se arriverà) impiegherà mesi, forse anni. Per questo ho deciso di creare un canale diretto lanciando questa raccolta fondi con l’obiettivo di donare i ricavi ad alcune di queste famiglie in difficoltà. Negli ultimi anni ho condiviso con voi esperienze e consigli di viaggio senza mai chiedervi nulla in cambio! In questo momento la necessità di sostegno è urgente e vitale, vi chiedo quindi un piccolo sforzo per aiutare queste famiglie a superare la crisi”, le parole affidate alla piattaforma per lanciare il crowdfunding. E l’invito ha funzionato: “Sono molto contento, mi aspettavo che andasse bene, perché conosco la ‘comunità’ di Campi, ma non pensavo a così tanto sostegno e in così poco tempo - ammette - Infatti inizialmente l’obiettivo era raccogliere 10mila euro in una settimana”. 

“L’idea - racconta - è nata dal bisogno enorme della mia comunità, di amici e concittadini. Io non vivo a Campi ma ci sono cresciuto; ho visto con gli occhi gli enormi danni causati dall’alluvione. Nel weekend ero a casa malato e non ho potuto dare una mano nell’immediato, quindi ho messo a disposizione le mie ‘armi’, ovvero i canali social ed ho pensato alla raccolta fondi per essere utile anche io e dare un’assistenza diretta. Poi ieri ho preso il motorino e sono andato a vedere di persona ed a portare agli amici dei beni di prima necessità. È bello vedere l’aiuto che stanno ricevendo da tantissimi volontari, arrivati da tutta la Toscana e non solo, per spalare”. Quanto ricevuto, spiega, sarà poi girato con bonifico bancario, ad alcune delle famiglie bisognose. “Ieri ho chiamato un notaio per stilare un regolamento e poi rendicontare tutto in maniera ufficiale perché quello delle donazioni è un terreno delicato e le cose vanno fatte per bene”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La raccolta fondi dell’influencer di viaggi fa il pieno: oltre 15mila euro in due giorni
FirenzeToday è in caricamento