rotate-mobile
Cronaca

Alluvione: il rischio frane preoccupa i comuni del Mugello

Palazzuolo sul Senio il più colpito. Si spera nei fondi del governo. Omoboni: “Se non arrivano si rischiano problemi di tenuta sociale”

“Si va verso il peggio, verso l'inverno e speriamo non succeda niente: un'altra cosa così, noi non la reggiamo. Il nostro territorio non è in condizione di sostenere una situazione così. La verità è questa”. Gian Piero Moschetti, sindaco di Palazzuolo sul Senio, riassume in poche parole la gravità della situazione nel suo comune. In tutto il Mugello l'alluvione ha lasciato il segno ma il suo comune forse è stato quello più colpito. “Ogni giorno scopriamo un danno nuovo – spiega Moschetti – come la briglia sul Senio che è saltata tutta: va rifatta. Abbiamo due ponti pedonali distrutti e quello principale danneggiato. Questa alluvione è stata peggio dell'evento di maggio e del terremoto: non c'è stato un solo angolo risparmiato. A questo poi si aggiunge il rischio frane col quale conviviamo dal 2014”. 

Il problema delle frane

A preoccupare più di tutto i sindaci della zona sono le frane. “Abbiamo ancora una frana molto importante che sta ancora isolando una famiglia in una frazione – afferma Tommaso Triberti, sindaco di Marradi – È una frana sulla quale avevamo già lavorato con somma urgenza a maggio e che avevamo riaperto con fatica. Se continuano a esserci queste bombe d'acqua, timore e preoccupazione per possibili frane future, c'è”. Mentre a Firenzuola, ci fanno sapere dal comune, non si registrerebbero particolari criticità, anche Giampiero Mongatti, sindaco di Barberino del Mugello, ha qualche preoccupazione a causa delle frane. “Abbiamo diverse frane da sistemare – precisa Mongatti – tra cui due che stanno isolando due nuclei di case nelle frazioni di Bovecchio e Fresciano. Per la prima dovremmo risolvere entro domani per la seconda nell'arco di qualche giorno. Anche la strada che ci collega a Vernio da Montecuccoli è interrotta. Ci sono situazioni da tenere sotto controllo ma non abbiamo criticità. Poi ovviamente dipende dal tempo: se ripiove, piove sul bagnato”. 

Si spera nei fondi del governo

Insieme alla paura per le frane, a preoccupare i comuni del Mugello sono le spese. Anche perché riparare gli effetti di una frana, costa. “Non ci sono particolari situazioni emergenziali da noi – dichiara Filippo Carlà Campa, sindaco di Vicchio – però abbiamo avuto 5-6 frane. Quelli del genio civile ci hanno detto che per ognuna è stimata una spesa tra le 300 e 600mila euro”. Si spera quindi nell'arrivo dei soldi promessi dal governo. “Ci sono dei problemi con delle frane e i reticoli minori – commenta Federico Ignesti, sindaco di Scarperia e San Piero – su cui vanno fatti degli interventi per rimozioni di detriti e tronchi oltre a intervenire sugli argini. Andremo a spendere tra le 150mila e le 200mila euro per interventi di somma urgenza che prenderemo dal bilancio comunale. Aspettiamo di sapere le risorse che arriveranno dal governo e speriamo che questi fondi ci ritornino”. Rimarca l'importanza dei fondi, anche Paolo Omoboni, sindaco di Borgo San Lorenzo. “Le criticità che avevamo sono state risolte – sottolinea Omoboni – ma, oltre a possibili allerte meteo, è la conta dei danni ci preoccupa. Aziende e abitazioni hanno subito danni importanti. Ci sono due temi: il primo sono i ristori per aziende e abitazioni colpite, il secondo sono le opere da fare nei prossimi mesi, non anni, sui torrenti più piccoli che sono pieni di detriti. Senza considerare le zone con smottamenti dove i semafori rischiano di restarci in eterno, se non arrivano fondi dal governo si rischiano seri problemi di tenuta sociale”.  

Continua su FirenzeToday

Tutte le notizie sul maltempo 

Il Pd contro il ministro: "È venuto a fare politica"

Il ministro a Campi: "Sulla prevenzione siamo all'anno zero"

Aiuti dai tifosi del Bologna

I salvataggi dei volontari

La paura dei tempi per i risarcimenti

Sospesa l'attività di volontariato 

Ditta vinicola svende tutto dopo l'alluvione 

Hub Hidron e la fake news 

Sale la rabbia tra i cittadini

Il climatologo: "Eventi che si ripeteranno" 

La raccolta fondi dell'influencer 

I tombini intasati

Arriva il maltempo sulle zone alluvionate 

Alluvione: il meteo non farebbe paura 

Gli studenti saltano la scuola per andare a spalare il fango 

Il veterinario di Campi: "Abbiamo bisogno di aiuti"

Prolungata la chiusura delle scuole

Come ricostruire? Intervista all'ingegnere

L'allarme sul tunnel tav

Tra gli alluvionati: "Qui portavamo il cane, ora è un lago" / VIDEO

La stima dei danni

Il vicepremier Tajani a Prato: "300 milioni per le imprese"

Capitan Biraghi in incognito ad aiutare gli alluvionati

Giani lavora all'ordinanza per la sospensione dei mutui

La Fiesole va a spalare il fango e non va allo stadio contro la Juventus 

Tra gli alluvionati

Reticolo minore:"I soldi investiti nell'ultimo triennio"

L'esperto: "Paghiamo le scelte degli anni passati"

Il cuore dei volontari 

I tifosi della Fiorentina: "Non andiamo allo stadio contro la Juventus"

Allagata la tramvia

Treni: ancora sospesa la linea tra Prato e Pistoia 

Le persone in lacrime \ VIDEO

Il sindaco: "Come una tempesta tropicale"

Allagati anche gli ospedali, è stato di emergenza regionale

Esonda fiume, auto portate via come giocattoli / VIDEO

La task force di Autostrade sul posto

Alia sul posto per la raccolta degli ingombranti 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione: il rischio frane preoccupa i comuni del Mugello

FirenzeToday è in caricamento