Aeroporto, Nardella preme sulla nuova pista: “L'impatto sulle persone diminuirà”

Il sindaco rilancia sull'ampliamento e attacca Lega e 5 Stelle: “La decisione sul futuro dello scalo spetta ai fiorentini”

Il sindaco Dario Nardella è tornato a invocare l'ampliamento dell'aeroporto di Peretola, nuova pista parallela all'autostrada da 2.400 metri compresa. Lo ha fatto questa mattina in un incontro stampa nei giardini di San Piero a Quaracchi, dove gli aerei in arrivo o in partenza sorvolano le case a bassa quota: uno dei punti dove il rumore dei velivoli è più forte.

Riguardo l'aeroporto, “non può essere una signora da Cascina, per quanto rispettabilissima, o un ministro che sta a Roma e non conosce Firenze neanche da lontano, a decidere il futuro della nostra città, che spetta ai fiorentini", ha spiegato Nardella.

I riferimenti, chiari, sono alla sindaca di Cascina Susanna Ceccardi, commissaria della Lega in Toscana e che in passato si è espressa contro l'ampliamento dello scalo, e al ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, con il quale lo scontro è aperto anche sulla questione tramvia e sul passante fiorentino dell'alta velocità (tunnel e stazione Foster).

“Mi auguro - ha aggiunto il sindaco - che la politica non entri più di tanto nel lavoro della conferenza dei servizi”, convocata a Roma, dopo l'ultimo rinvio, per il prossimo 29 gennaio e dove si deciderà il futuro di Peretola.

“Oggi per circa 2mila persone che vivono non distante dall'aeroporto di Firenze il rumore tocca i 65 decibel, è come avere un televisore ad alto volume davanti all'orecchio e non una sola volta, ma un centinaio di volte al giorno. Con la nuova pista l'impatto sarà incredibilmente inferiore e per quanto riguarda l'esposizione, oggi altissima, si passa da 2mila persone esposte a solo 70 persone”, ha proseguito Nardella.

All'appuntamento di questa mattina, per sostenere l'ampliamento, anche l'ex Forza Italia Gabriele Toccafondi, eletto in parlamento alle ultime elezioni con il Pd, e Paolo Gambaro, l'amministratore del gruppo Facebook 'Viva la nuova pista di Peretola'.

“Chiediamo la nuova pista, perché le criticità legate a questi decibel ricadrebbero con l'ampliamento in zone non abitate. Qui il problema dei sorvoli oggi è notevole, e aumenterà sempre di più visto che ogni anno aumentano ad un tasso del 5-10%. Non riusciamo a sentire la televisione, la radio. Oppure interrompiamo le telefonate o le conversazioni con i vicini. Anche a scuola ci sono gli insegnanti che devo interrompere la lezione al passaggio degli aerei”, ha detto Gambaro.

“Nardella è un provocatore. Nel tentativo di recuperare gli errori suoi e del Pd la butta in politica - attacca invece il consigliere regionale di Fdi Paolo Marcheschi -. La Lega e la commissaria Susanna Ceccardi sanno benissimo che Pisa, senza Firenze, non potrebbe essere uno scalo di interesse strategico nazionale. La Lega farà valere il proprio peso anche a Roma”. Ceccardi però, come detto, ha messo più volte in dubbio il sostegno all'ampliamento di Peretola. Vedremo se si piegherà ai voleri nazionali e 'fiorentini' del suo partito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Rinnovo della patente di guida: tutte le informazioni

  • Coronavirus: un nuovo Dpcm, dieci giorni per i regali e regole per lo shopping. Come sarà il Natale 2020

  • Coronavirus Toscana, 50.000 commercianti: "Sciopero fiscale, non paghiamo più le tasse"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento