Aeroporto, "Killeraggio": il sindaco Falchi riaccende lo scontro

Il primo cittadino di Sesto contro le pagine a pagamento della società: "E' pubblica, Nardella e Rossi che dicono?". La replica: "Dite cose false"

Da Toscana Aeroporti "un inaudito attacco a rappresentanti delle Istituzioni, un tentativo di killeraggio mediatico inaccettabile per una società a capitale parzialmente pubblico che si candida a gestire un bene pubblico e a beneficiare di finanziamenti pubblici. L'acquisto di pagine a pagamento sui giornali per contestare con nomi e cognomi i rappresentanti dei cittadini e delle Istituzioni democratiche evoca un metodo che porta alla mente momenti inquietanti della nostra storia. Nel merito delle dichiarazione rese dal vicesindaco Sforzi, in particolare, dobbiamo prendere atto di come la società non riesca a contestarne il merito, a riprova del fatto che non ci sono depositari della verità". Lo afferma il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, commentando l'uscita su alcuni quotidiani odierni delle inserzioni a pagamento "Ora basta - Terza puntata", da parte di Toscana Aeroporti.

"Colpisce il silenzio della altre Istituzioni, del sindaco metropolitano Nardella, che non esita a prendere la parti del privato dimenticando il proprio ruolo istituzionale, e della Regione Toscana, azionista di Toscana Aeroporti - dichiara Falchi - al di là delle opinioni sull'opera, mi aspetto dal Presidente Rossi una ferma presa di posizione e un richiamo al rispetto delle istituzioni da parte della società di cui è azionista insieme ad altri Enti pubblici. Il silenzio avalla l'idea che se si hanno sufficienti risorse economiche possa venir meno il dovere di rispettare la democrazia e le Istituzioni". 

"Vorremo sommessamente ricordare" al sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi, che Toscana Aeroporti "ha pubblicato pagine a pagamento sui giornali per fronteggiare una serie di calunnie e di falsità messe in atto contro una società quotata alla Borsa Italiana e che ha quindi l'obbligo di tutelare anche dal punto di vista della comunicazione societaria i risparmi degli azionisti investitori", replica una nota diffusa dalla società.

"Nella pubblicazione di ieri abbiamo semplicemente detto e lo ribadiamo ora che la dichiarazione del vice sindaco di Sesto secondo cui il Mibact ha dato un parere solo parzialmente favorevole per lo spostamento di un bacino idrico è falsa. Oppure se Falchi lo preferisce non è vera. Non abbiamo solamente contestato questa dichiarazione ma abbiamo pubblicato stralcio della lettera con cui il Mibact ha espresso parere di competenza (lettera protocollo 24006 del 6 dicembre u.s.) formulando 'parere favorevole' di compatibilità urbanistica dell'intervento", spiegano dalla società.

Toni aspri che non vengono smorzati dalla "delibera risolutiva", così chiamata, assunta ieri dalla giunta regionale per il masterplan per l'ampliamento dell'aeroporto di Firenze, con la realizzazione della nuova pista, per "superare la perplessità del Mibac". Così "confidiamo che la Conferenza dei servizi del 29 gennaio possa dare parere favorevole all'unanimità, senza quindi dover passare dal Consiglio dei ministri" per la decisione finale, ha spiegato  il governatore Enrico Rossi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus: Giani preme per anticipare il ritorno in zona arancione (e gialla)

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Ex Panificio Militare: i lavori per la nuova Esselunga slittano ancora

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 1 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento