rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca

Spiraglio sull'aeroporto: nuova pista inclinata di 4 gradi per mettere tutti d'accordo

"Basso impatto sui territori": apertura dei sindaci alla proposta del Presidente della Regione Giani

La telenovela dell'aeroporto di Peretola scrive una nuova pagina. Per molti potrebbe essere quella risolutiva ma, considerate il numero delle puntate precedenti, ancora è tutto da vedere. Però c'è un'ipotesi che, secondo il Presidente della Regione, Eugenio Gani, potrebbe mettere tutti d'accordo.

A far quadrare il cerchio sarebbe una proposta che egli stesso ha rivelato, emersa da una cena insieme ai sindaci dell'area metropolitana che si è svolta il 30 gennaio scorso. Sarebbe una rotazione di quattro gradi dell'inclinazione della pista ad accontentare i territori. E senza litigi, senza ricorsi, questa potrebbe essere la soluzione equilibrata. Con una lunghezza lievemente accorciata rispetto all'ipotesi precedente: da 2.200 a 2.400 metri di pista.

Dunque dopo essere divenuta "parallela", e poi "obliqua", e dopo la bocciatura da parte del Consiglio di Stato sul masterplan, dopo il freno della Valutazione di impatto ambientale, la Regione prova a salvare il salvabile. La proposta è già stata inviata dal Presidente Giani all'Enac. 

Lo stesso Giani ha spiegato la modifica a margine di una conferenza stampa che si è svolta ieri, come riporta la stampa locale. Un'opzione che "salva" Prato, non essendo più parallela all'autostrada Firenze-Mare; non impatterà su Sesto e il Polo universitario; sorvolerà Campi Bisenzio, ma sulla parte meno abitata. E si renderebbe possibile anche grazie al tramonto del progetto per la realizzazione del termovalorizzatore di Case Passerini.

Gli aerei continueranno a sorvolare in gran parte il lago di Peretola. Ma l'opzione diventerà concreta solo quando sarà il gestore dell'aeroporto, Toscana Aeroporti guidata dall'Ad Carrai, a proporla. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiraglio sull'aeroporto: nuova pista inclinata di 4 gradi per mettere tutti d'accordo

FirenzeToday è in caricamento