rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

Acqua: caro depuratore per 18mila fiorentini

Publiacqua scopre nuovi utenti serviti nella provincia: dovranno pagare sei anni di arretrati

Sono 18mila le utenze dei 46 comuni del territorio dove il servizio idrico è gestito da Publiacqua che hanno ricevuto nelle scorse settimane una bolletta per adeguare la fatturazione ai servizi effettivamente goduti. Tutto dopo le verifiche effettuate dall’azienda sugli effettivi utenti che usufruiscono del servizio di fognatura o di fognatura e depurazione e che saranno oggetto di un adeguamento della tariffa applicata. Fino a questo momento questo servizio non era stato fatturato.

Una brutta sorpresa per tante famiglie, che hanno ricevuto così la bolletta con il conguaglio 2015 ed una lettera con cui sono stati informati dell’importo stimato e dovuto per le annualità precedenti. Su queste somme è possibile concordare con l’azienda un piano rateale. Il censimento di Publiacqua è servito anche ad individuare un numero importante di utenze associate a servizi di cui in realtà non usufruiscono. Sono circa 39mila, a cui l'azienda ha già restituito la quota parte relativa all’anno 2014 ed alle quali restituirà automaticamente le annualità precedenti (anche in questo caso fino al 2009) nei tempi e nei modi che stabilirà l’Autorità Idrica Toscana.

"Un lavoro fatto in assoluta trasparenza - spiegano dall’azienda - tanto che dal 2 dicembre sul sito internet di Publiacqua (www.publiacqua.it) è disponibile di un’apposita sezione dove tutti i cittadini interessati dalla variazione di tariffa potranno verificare i servizi erogati alla propria utenza". Una posizione non condivisa da associazioni e sindacati che difendono i consumatori.

Si conclude così il lungo lavoro di verifica e revisione svolto dai tecnici dell’azienda sulle tariffe applicate all’utenza. Un lavoro iniziato in conseguenza della sentenza 335 della Corte Costituzionale (restituiti circa 6 milioni di euro per il periodo 2003-2008) e che ha comportato una completa verifica delle banche dati, attraverso un controllo sul campo, la georeferenziazione dei contatori e la mappatura del sistema infrastrutturale. I risultati scaturiti da questa prima fase di lavoro, poi, sono stati verificati assieme agli uffici tecnici dei comuni, ai quali è stato poi consegnato il database completo delle informazioni raccolte.

In alcuni comuni le amministrazioni sono corse ai ripari per aiutare i cittadini ad orientarsi nelle nuove tariffe. Borgo San Lorenzo ha richiesto al gestore del servizio idrico che venisse garantito un collegamento diretto tra il front office di Borgo San Lorenzo e gli uffici tecnici centrali in modo da rispondere esaustivamente alle domande degli utenti. Publiacqua pertanto presso l'ufficio al pubblico di Borgo San Lorenzo sarà a disposizione per rispondere ai quesiti dei cittadini offrendo una duplice possibilità: un filo diretto con gli uffici centrali e l'opportunità di mettersi in contatto con i tecnici di competenza. Il front office borghigiano situato in piazzale Curtatone e Montanara n. 29 è aperto il lunedì, il martedì, il giovedì e il venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e il giovedì dalle ore 14,30 alle ore 16,30.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua: caro depuratore per 18mila fiorentini

FirenzeToday è in caricamento