Adescava ragazze su Facebook e poi ne abusava sessualmente: condannato massaggiatore

Pena di 5 anni e 6 mesi in appello, per due episodi. Il sospetto è che ne abbia narcotizzate e violentate molte di più. Filmandole con la sua videocamera

L'amo lo lanciava sulla sua pagina Facebook: 150 euro per partecipare, come modella, alla realizzazione di un video promozionale su tecniche di massaggio. Poi però, quando la malcapitata di turno si presentava a casa sua, la faccenda cambiava. L'uomo la faceva spogliare, distendere su un lettino e poi, secondo l'accusa, la narcotizzava. Infine ne abusava sessualmente. Per ore, sotto l'occhio elettronico della sua videocamera. Il massaggiatore, un fiorentino poco più che quarantenne, è stato adesso condannato dalla Corte d'appello di Firenze a 5 anni e 6 mesi di reclusione.

In primo grado, davanti al giudice monocratico, l'uomo se l'era cavata con una condanna a 1 anno e mezzo di reclusione. Perché se è vero che in entrambi i casi non è stata provata in tribunale, al di là di ogni ragionevole dubbio, la “narcotizzazione” delle vittime, pur tuttavia i giudici dell'appello hanno riconosciuto l'uomo colpevole di due episodi di violenza sessuale. In primo grado, invece, il giudice monocratico ne aveva accertato soltanto uno.

Gli episodi accertati risalgono a sei anni fa. Secondo la procura, tuttavia, potrebbero essere stati molti di più. A mettere nei guai il massaggiatore-maniaco è stata proprio una delle sue vittime, rappresentata dall'avvocato Giacomo Passigli. La ragazza scappò dall'appartamento dopo aver subìto il solito trattamento, corse a raccontare tutto a sua madre e fece così partire le indagini.

Gli investigatori piombarono nella casa dell'uomo – che viveva con l'anziana madre e si trovava agli arresti domiciliari perché nei mesi precedenti aveva drogato e violentato una prostituta -  ma non trovarono grandi tracce utili alle indagini. Tanti video nel computer – uno dei quali lungo 5 ore – e nessun altro elemento: a parte uno straccio, che però verrà analizzato solo un anno dopo il sequestro. E alcune boccette.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalle quali però non emerse granché, data anche l'estrema volatilità delle sostanze che si suppone vi fossero contenute. I video conservati sul pc mostravano in modo eloquente quei massaggi a luci rosse, anche se le donne non erano riprese in volto. E grazie a quelli il massaggiatore è stato “incastrato”. Dalla ragazza che fuggì da casa sua. E da un'altra ritrovata - mediante il nome del file - proprio grazie ai video.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento