Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Festa della Liberazione, Nardella: "Un 25 aprile diverso ma vinceremo anche questa battaglia"

La prima tromba del Maggio ha intonato “Bella Ciao” sull’Arengario di Palazzo Vecchio

 

Un 25 Aprile senza celebrazioni pubbliche in piazza, a Firenze come nel resto d'Italia, a causa dell'emergenza Coronavirus.

Alle 9.30, il sindaco Dario Nardella ha deposto una corona al monumento in Piazza dell'Unità. Le celebrazioni istituzionali si sono spostate poi, alle 10.30, sull’Arengario di Palazzo Vecchio, alla presenza del Gonfalone.

“Questa piazza vuota è un’immagine alla quale non avrei mai pensato di dover assistere – ha esordito Nardella - Questo 25 aprile è diverso, ma è ancora più forte e significativo di tutti i 25 aprile che il popolo italiano ha celebrato dalla fine della Seconda Guerra Mondiale in poi".

"La mia generazione e la generazione di tutte le italiane e italiani che è nata dopo la Seconda Guerra Mondiale non ha mai assistito a un momento così difficile, provate, sfidante e per certi aspetti anche angosciante" ha proseguito il sindaco.

"Se ha un senso ricordare il sacrificio di donne, uomini, partigiani e militari per restituire la libertà al nostro Paese, alla nostra Patria; il senso è ricordare, con riconoscenza e gratitudine, per essere degni di quella generazione" ha aggiunto Nardella.

"La nostra generazione ha di fronte una battaglia molto diversa, ma forse non meno difficile. Una battaglia che potremo vincere facendo ricorso proprio ai valori della libertà che celebriamo il 25 aprile. Sono i valori di popolo, unità, patria, fratellanza. Sono i valori della democrazia che sono alla base della nostra Costituzione e Repubblica" ha poi dichiarato il primo cittadino.

"Per questo, questo 25 aprile è il più importante di tutti quelli che abbiamo celebrato fino ad oggi - ha concluso Nardella -. I valori di questo 25 aprile saranno la nostra forza più grande per tornare ad essere un popolo vero, unito e per tornare a vivere con tranquillità, gioia e speranza le nostre città. Buon 25 aprile a tutti!”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento