Apri su Maps 05523588560 @grandhotelbaglioni

Al B-Roof del Grand Hotel Baglioni lo skyline della città si mostra in tutta la sua profondità. Al quinto piano di questo indirizzo storico fiorentino, un lussuoso hotel situato vicino alla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, il B-Roof è tra le terrazze più famose della città. Gettonatissimo dai turisti, e molto amato dai residenti, si viene per un cocktail al tramonto o per cenare nei suoi spazi eleganti con la Cupola del Brunelleschi sullo sfondo. Menu internazionale con incursioni locali: antipasti dai 18 ai 26€, primi piatti dai 20 ai 28€, secondi dai 24 ai 26€.

B-Roof a Firenze

Se siete in cerca di una serata romantica venite al Loggia Roof Bar, fiore all'occhiello dell'Hotel Palazzo Guadagni. Questa meravigliosa terrazza, situata all'ultimo piano della struttura risalente al 1500, si affaccia sulla piazza e la Basilica di Santo Spirito e offre scorci unici sulla città e le colline circostanti. Sembra quasi di essere in una vecchia residenza signorile, dal quale si gode la vista delle cupole del Carmine e del Cestello, oltre che i caratteristici tetti rossi fiorentini. Curiosità: nel 1999, il maestro Franco Zeffirelli girò in Loggia alcune scene del celebre film «Un té con Mussolini» con Maggie Smith e Cher. Fermatevi qui per un cocktail a fine giornata.

Apri su Maps 0557967025 @xinge_gogo

Rimaniamo in tema e nei paraggi. Lo scorso novembre 2023 la stessa Xin Ge ha raddoppiato inaugurando Xinge Go Go, piccolo nuovo ristorante che propone wonton, dim sum, anatra arrosto e bao in versione street food, offrendo così la possibilità di provare la sua cucina anche a costi ridotti e in un ambiente meno formale.

Alcuni dei piatti di Xinge Go Go

Apri su Maps @grandhotelminerva

Un bar con piscina in cima a un Palazzo del ‘200, con una vista a 360° gradi sulla città e i suoi monumenti. Il pool bar del Grand Hotel Minerva, uno degli hotel più antichi di Firenze e che custodisce al suo interno opere d’arte e manufatti di pregio, è una ottima scusa per godersi Firenze con un cocktail in mano. Dalle 19:30 fino a mezzanotte, sono tutti invitati a godere della vista sulle chaise long e sui divanetti, aspettando il BBQ. Infatti ogni sera fino alle 22:30 lo chef accende i fuochi per un barbecue gourmet: burger di carne, pesce o vegetariano (30€) da gustare con i signature cocktail del bar (dai 18 ai 25€).

Apri su Maps 3487716864 @fonderiaristorante

Aperto dal 2021 con il nome preso in prestito dalla strada in cui si trova, Via della Fonderia, questo ristorante di cucina 100% vegana in salsa contemporanea. Nel menu, che ha un corso ancora più breve delle stagioni, sfilano piatti di carattere che talvolta sfiorano le ricette tipiche della gastronomia fiorentina e toscana, declinandole in chiave vegetale, come il neccio, un piatto tipico a base di farina di castagne da riempire dolce o salato, come una sorta di piadina. Ma ci sono anche riferimenti alla cucina internazionale, per esempio nella tortilla e nel tempeh, con la maggior parte delle referenze sia autoprodotta. In lista una decina di voci (antipasti sui 10€, primi e secondi sui 14€) che cambiano spesso.

Fonderia Ristorante
Apri su Maps 0550161009 @wanda_caffe

Enrica della Martira, chef fiorentina ed ex concorrente di Masterchef 2014, ha inaugurato da qualche mese la caffetteria dedicata alla sua amata nonna Wanda. Un locale aperto tutto il giorno che propone un'esperienza culinaria eclettica e unisce sapientemente la tradizione toscana con influenze internazionali, frutto delle esperienze di viaggio della chef. L’offerta all day spazia dai croissant francesi alle torte homemade, dai pancakes al pane, burro e marmellata, fino all’hummus con le focaccine e il pinzimonio. Per pranzo si aggiungono altri piatti come bun, piatti di verdure e le specialità di nonna Wanda, in particolare pollo al curry e vitello tonnato. La domenica, l'attenzione è tutta per il brunch con piatti alla carta come club sandwich, smash burger, avocado toast, tegamino di uova al pomodoro e torte. Da bere caffè, ottima selezione di tè, spremute, centrifughe, vini, birre e cocktail classici e creativi, anche a ridotto contenuto di alcol, perfetti per il brunch.

Wanda Caffè-2
 
Apri su Maps 0559331341 @io_osteriapersonale

Locale intimo e accogliente aperto da Matteo Fantini con mattoni e travi a vista, che sorge nei locali di quella che fu una salumeria. Si tratta di un’osteria con ingredienti del territorio e stagionali che parte dalla cucina tradizionale toscana per essere rivisitata, resa più contemporanea e creativa. Si può ordinare alla carta o fare una sorta di menu degustazione da comporre secondo i propri gusti: da 4 assaggi (50€), 5 assaggi (58€), 6 assaggi (66€). Tra i piatti da provare Ceviche di ricciola, latte di cocco, ravanello, semi di zucca e la Fregola con lupini, crema di mandorle e cime di rapa.

Io Osteria personale

È il ristorante (con bar) dell’hotel Helvetia & Bristol di Firenze, gruppo Starhotels (a Roma abbiamo raccontato la storia dell’Hotel d’Inghilterra della stessa proprietà). Qui si è voluto portare un nome noto da anni della ristorazione fiorentina per accontentare i gusti degli ospiti in visita. L’architetto Massimo Adario ha curato la progettazione del ristorante all’interno della nuova ala dell’hotel, che un tempo ospitava la Banca di Roma. A colazione invece, ci sono i dolci di Iginio Massari in uno spazio dedicato.

Cibreo Ristorante e Cocktail Bar

Situato nell'hotel Calimala e affacciato su Palazzo della Signoria, l’Angel Roofbar & Dining è un piccolo giardino sospeso in stile mediterraneo che incanta con la sua atmosfera unica. L’albergo ospita un ristorante, due bar, una piccola piscina e un meraviglioso giardino floreale, opera del marchese Vieri Torrigiani. Dal mercoledì alla domenica si può fare brunch dalle 12 alle 15 a un prezzo piuttosto contenuto, vista anche la location d’eccezione. La formula (28€) prevede la scelta di un piatto principale dal menu, come bagel al salmone, avocado toast, french toast con frutta, più un piatto a base di uova. Ci sono anche insalate, taglieri e french fries. Da bere tè, caffè o vino. Non è da meno l’aperitivo per godersi il tramonto, sorseggiando cocktail ricercati dai 16 ai 19€, da abbinare a golosi stuzzichini.

Angel Roofbar & Dining
 

Il ristorante dello chef Vito Mollica, 1 stella Michelin, si trova all’interno di Palazzo Portinari Salviati, residenza antica e di un lusso particolare, dato che appartenne alla famiglia Portinari (lo dichiara anche il nome) di cui faceva parte la Beatrice di Dante. Nato con il nome di Chic Nonna, il ristorante ha mutato poi identità con il nuovo nome, Atto. In tavola troviamo due menu degustazione, oltre alla possibilità di ordinare alla carta. C’è La Corte degli Imperatori, a 160€, e poi c’è Grand Tour di Mare a 200€. Disponibili anche diversi abbinamenti con il vino.

Atto di Vito Mollica

Il ristorante dal nome storico e patriottico si trova all’interno dell’hotel di lusso Santa Croce, che fa sempre parte del gruppo Baglioni Hotels. In cucina troviamo lo chef Antonino Pepe che lavora solo per la cena (ma il ristorante è anche il luogo delle colazioni) in una sala d’altri tempi. Il menu è, inaspettatamente alla carta. Ci si muove tra antipasti (tra i 16 e i 32€), primi (tra i 16 e i 22€), secondi (tra i 20 e i 45€).

Guelfi e Ghibellini

È il ristorante (ma c’è anche il bar) dell’hotel 25 Hours di Firenze, tutto ispirato a purgatorio e inferno, con un arredamento assolutamente non canonico (ne abbiamo parlato qui). Il ristorante, aperto a pranzo, nel pomeriggio e anche a cena, rispetta questo filone, tipico di tutta la compagnia, e si trova all’interno di una sala enorme sormontata da una cupola in vetro e da un mastodontico camino. Un posto sicuramente per chi cerca qualcosa un po’ fuori dal comune.

Il ristorante San Paolino del 25hours di Firenze, ph. DarioGarofalo

In pieno centro d’Oltrarno, in un quartiere animato e vivace, il quarto negozio Ditta Artigianale ha un interno vibrante, dove è protagonista il murales multicolore del Collettivo Giungla. L’ispirazione per l’intervento arriva dalle terre di origine del caffè: dal Messico all’India, dal Sud America al Vietnam e l’Africa. Il locale è provvisto di dehors vista Arno, dove degustare un buon caffè filtro insieme al più classico dei French toast (10,50€).
 

Ditta Artigianale Riva d'Arno
Apri su Maps 0556144429 @babaefirenze

“Ritrovo con cucina” in zona Santo Spirito dove fermarsi dalla colazione alla cena, o semplicemente per sorseggiare un drink o un calice (anche direttamente dalla buchetta del vino) per aperitivo. In sala ci si può sedere ai tavolini, così come nelle comode poltrone a mo’ di salotto. Babae è un ristorante bistrot con un’offerta che cambia durante l’arco della giornata: si parte la mattina per le colazioni dalle 10 con toast, pane burro e marmellata, croissant e pan con tomate. Si prosegue con il menù brunch “all’italiana” che offre primi piatti, crostoni, bun artigianali, insalate, tartare, polpette e piatti unici, ma anche interessanti rivisitazioni di preparazioni americane come il Bagel del Chianti.

Babae
 
Apri su Maps 055 247 6956 @essenziale_fi

Progetto di ristorazione che lo chef Simone Cipriani ha messo su nel 2016, con l’idea di semplificare la cucina fine dining interrogandosi su cosa sia davvero essenziale a tavola. Negli anni ha sperimentato diverse forme ristorative: dallo street food al pop up. Dallo scorso gennaio il format è cambiato di nuovo (ve ne abbiamo parlato qui), adesso in un solo ristorante si possono provare tre esperienze gastronomiche diverse: menu degustazione casual fine dining (7 portate 80€), proposta alla carta Fast And Casual (8-18€) e cene tematiche al tavolo sociale (35€). Il tutto a prezzi popolari.

Essenziale

Nella cucina del prestigioso hotel di lusso St. Regis, troviamo lo chef Gentian Shehi che si occupa di preparare il menu per questo luogo, aperto sia a pranzo che a cena sotto lo sguardo di un imponente lampadario di Murano. Grazie alla presenza del vicino bar, ci sono menu di tutti i tipi, fino ad arrivare a quello dell’afternoon tea del pomeriggio o per le occasioni speciali. C’è anche un menu della pizza, tra le varie proposte.

Winter Garden Bar & Restaurant-2
Apri su Maps 055281661 @borgosanjacopo

Il ristorante 1 stella Michelin dell’hotel Lungarno Collection si affaccia direttamente sulla bellezza del fiume Arno, regalando uno scorcio imperdibile di Firenze. Qui la cucina è nelle mani dello chef Claudio Mengoni che ha saputo portare in tavola due menu degustazione diversi. Il ristorante riapre ufficialmente per la nuova stagione il giorno 1 marzo del 2024.

Borgo San Jacopo

Si trova all’interno dell’hotel Sina Villa Medici, Autograph Collection con un bel giardino e patio esterno con piscina, dove scegliere di mangiare o bere un drink. A Firenze, come sanno bene i fiorentini, c’è l’Harry’s Bar Firenze della stessa famiglia, fondato nel 1953 sul Lungarno da Enrico Mariotti e Raffaello Sabatini, amici del leggendario Giuseppe Cipriani, da cui prendono spunto per l’offerta e i cocktail. Il giardino dell’hotel è stato aperto invece nel 2011.

sina Villa Medici
Apri su Maps @thesocialhub

Prima di essere una delle terrazze più belle di Firenze, quella con la piscina che recita “The Beach is Boring”, The Social Hub è uno spazio sociale per studenti, lavoratori, turisti. Società olandese che vanta proprietà in tutto il mondo che hanno riscritto il concetto di hospitality, rendendolo più fluido e al passo con le esigenze dei nuovi “nomadi digitali”, The Social Hub è un microcosmo di attività e spazi da condividere. All’ultimo piano il rooftop: qui si viene per godersi Firenze dall’alto in un ambiente molto internazionale, sorseggiando i cocktail di Palmira Bertuca e i piatti dello Chef Gianluca Esposito.

Apri su Maps 0558311426 @ilquartinofrescobaldi

Di tutte le tenute e le proprietà dell’Azienza Vinicola Frescobaldi, questo posto a Pelago è uno dei riferimenti più accessibili. Lo si deve sicuramente al grande spazio esterno, circondato dal verde, ma anche al carattere della proposta che punta ad accogliere famiglie e gruppi di amici, che guardano il tramonto con un bicchiere di vino, ovviamente Frescobaldi. In carta si trovano fritti, primi piatti, taglieri e dessert. Ma forse il vero cavallo di battaglia sono i burger, con arrosto, pulled-manzo, verdure e in versione piccola da degustazione.

Il Quartino Frescobaldi
Apri su Maps 05526236 @plazahotellucchesi

Aperto nel 2014, Empireo si trova all'ultimo piano dell'Hotel Plaza Lucchesi, vicino al Ponte Vecchio. Una terrazza moderna, che svetta sulla città di Firenze, accessibile dalle 19:30 a tutti i clienti (non solo quelli dell’hotel) e su prenotazione. C’è una bellissima piscina e controllando il calendario di eventi tante sono le serate con musica e intrattenimento. Una proposta gastronomica di qualità, che proviene dal ristorante al piano inferiore, gestito dallo chef Daniele Lambruschi che mette in linea piatti della tradizione ma con piglio internazionale. Stesso discorso per i cocktail, grazie alla mano del bar manager Enrico Cascella, una sicurezza per L’Empireo.

Apri su Maps @beduschicioccolato

All'interno del Mercato Centrale di Firenze, l'angolo di Cristian Beduschi è sia una cioccolateria, con una materia prima di origine venezuelana e alcune varietà ibride africane, dove si possono trovare praline, tavolette o frutta secca ricoperta di cioccolato fondente o al latte; sia gelateria, con un bancone fornitissimo di tanti gusti diversi, tutti senza aromi artificiali e con una grande attenzione verso ingredienti a km0 e di produzione biologica, ma la qualità del gelato è data anche dalla ricerca che il mastro pasticcere fa per lavorare con prodotti sempre particolari e di nicchia. I gelati vanno dai gusti alla frutta fino alle creme, e gli amanti del cioccolato non possono perdersi il Sette Veli: una rivisitazione della torta con cui Beduschi, insieme a Luigi Biasetto e Gianluca Mannari, ha vinto la Coppa del Mondo di Pasticceria nel 1997. La cioccolateria Beduschi ha aperto nel 2021 anche una sede sulle Dolomiti, a Caralte nella piccola frazione di Perarolo di Cadore - a poca distanza da Cortina d'Ampezzo. 


 
Apri su Maps 0552399798 @bambitrippaelampredotto

La storia dei Bambi è nata nel quartiere di San Frediano nel 1890, con l’apertura del magazzino di trippa in via di Camaldoli ad opera del signor Guido. Oggi i Bambi sono gli unici a seguire tutta la filiera del lampredotto, dall’arrivo al macello alla lavorazione nel quartier generale di Barberino del Mugello, fino alla preparazione nei punti vendita di Firenze, Milano e Torino. Nel capoluogo toscano li si trova negli spazi rinnovati al primo piano del Mercato Centrale, dove l’esperienza di generazioni è rinchiusa in panini che mettono tutti d’accordo. Le rosette sono tuffate nel brodo e farcite col lampredotto — cucinato con una ricetta segreta — ma è possibile anche ordinarle con la trippa, il peposo (uno spezzatino di manzo con aglio e pepe) oppure il bollito.

Bambi

La prima caffetteria del gruppo è stata inaugurata nel 2014 in pieno centro storico. L’ispirazione del negozio viene da numerosi viaggi intorno al mondo, assemblati con stile italiano degli architetti dello studio q-bic. La formula è quella della caffetteria di qualità con carta delle vivande completa, da mattina a sera, e gin bar dall’ora dell’aperitivo. Le estrazioni filtro costano dai 4 ai 7 €.

Ditta Artigianale Via de Neri
Apri su Maps 05527152783 @sestoonarno

Il Se.sto on Arno, terrazza al sesto piano dell’Hotel Westin Excelsior non ha certo nulla da invidiare ai rooftop delle più grandi città nel mondo. A partire dalla vista, che offre un grand’angolo sul fiume e sulla città intera. Nonostante si trovi all’interno di un luxury hotel, niente risulta affettato o troppo costretto. A partire dal servizio: i ragazzi dell’ultimo piano sanno essere professionali senza invasioni di campo nel proporre e servire una buona offerta di mixology (qui c’è una grande selezione di Martini Cocktail, 22€) e piatti da condividere. Per l’aperitivo due le formule: quella gourmet con un drink e 6 piattini (38€) e royal che si differenzia per la presenza dell’astice e del caviale (58€).

Apri su Maps https://www.hotellascaletta.it/

Il rooftop dell’Hotel La Scaletta al Ponte Vecchio, un indirizzo all’interno di un palazzo storico di Firenze, che si distingue dai classici 5 stelle della città per una dimensione più umana e raccolta. Sky Bar, aperto nel periodo estivo da aprile a fine ottobre, è perfetto per chi vuole rilassarsi senza troppi fronzoli e godersi in un ambiente informale e accogliente Firenze dall’alto. Passate anche per una cena romantica al Panorama Restaurant: cucina toscana e vino del territorio vista giardino di Boboli.

Al Four Seasons di Firenze, l’hotel lussuoso con il giardino privato più grande di tutta la città, da anni organizzano uno dei brunch più famosi e sontuosi d’Italia. Il Sunday Brunch viene va in scena tutte le domeniche, fatta eccezione per i fine settimana nel bel mezzo dell’estate. Qui tutto è molto italiano: un ricco buffet allestito in diverse sale con varie postazioni dove poter scegliere tra salumi e formaggi, crudo (e non solo) di pesce, primi piatti, angolo macelleria con tutti i secondi di carne, pane e lievitati, e un ampio tavolo dedicato alla proposta dolce con monoporzioni di pasticceria. Il tutto al costo di 120€ a persona, incluso acqua, caffè, selezione di vini e cocktail. Il cibo viene servito continuamente dalle 12.30 alle 15.30, ma si può rimanere nella struttura anche oltre l’orario del servizio.

Il Palagio
Apri su Maps 3669793632 @fattoria_bucolica

A soli 10 kilometri di distanza da Firenze, si allarga questo spazio immerso nel verde che dà il suo massimo durante la stagione estiva, con eventi, yoga, feste, aperitivi agricoli e cocktail estivi. L’idea è dei fratelli Riccardo e Filippo Zammarchi che hanno ripreso in mano i terreni di famiglia e li hanno portati a produrre di nuovo, dopo 15 anni, erbe, grani, ortaggi e tanto altro. Dato che oltre che a uno spazio per la ristorazione, una vera e propria osteria aperta nel 2023, si tratta anche di una fattoria, è possibile organizzare visite all’apiario nonché esperienze per i bambini che vogliono conoscere meglio il posto. 

I fondatori e la chef di Osteria Bucolica
Apri su Maps @caffetteriapiansagioberti

La torrefazione Piansa, attiva addirittura dagli anni ’80 a Bagno a Ripoli, è uno dei pionieri del caffè di qualità nel nostro paese. I loro chicchi, lavorati verdi e in piccole quantità per estrarre il massimo degli aromi, si possono acquistare on-line (anche macinati e in capsule) oppure degustare alla caffetteria cittadina di Via Gioberti. Raffinati monorigine e miscele che incontrano i gusti di tutti, in un locale animato con un bancone più che invitante: biscotti, croissant e frolle — oltre ai grandi lievitati delle feste, quando è periodo — per tirare tardi a colazione. Ma anche stuzzichini per l’aperitivo, da abbinare a un calice di vino. Un consiglio? Provate lo spumoso al caffè.

L'espresso della Caffetteria Piansa

Apri su Maps 3783050220 @ruffinoexperience

Meno di una mezz’ora separa questo posto da Firenze, eppure sembra di immergersi in un’altra realtà, quella di un’azienda vinicola con un terreno che si estende per più di 200 ettari. Il ristorante segue una strada con una sua identità, guidato dallo chef Stefano Frassineti, che cura un menu alla carta ispirato dalla generosità di questo territorio. Se il pane e la schiacciata sono fatti dalla cucina stessa, anche sui vini l’offerta è a raggio corto e serve a incorniciare una serie di proposte che vanno dagli antipasti (tra i 14 e i 18€), primi (tra i 16 e i 20€), e secondi (tra i 18 e i 24€) che provano a sfidare la ripetitività di certi menu toscani a suon di anatra in doppia cottura con salsa all’arancia, verdure di stagione e purè di patate, pappardelle integrali con ragù di piccione, topinambur e tartufo, oppure polpetta, mini crème brulée e terrina di fegatini con pan brioche alle arance e miele con marmellata di cipolla e uvetta.

Le Tre Rane Ruffino
Apri su Maps 0550881455 @opera_firenze

Sulle rive dell’Arno, a Firenze sud, Opera Riverside è un altro indirizzo estivo da segnare quando si vuole trovare un po’ di fresco e una buona offerta food. Infatti grazie a diverse collaborazioni con realtà locali, qui è possibile provare più cose nei diversi corner allestiti: cucina thailandese con Thai Living, gli hamburger e altri sfizi di Arnolds, la pizza di Pizzaman, e la cucina tradizionale di Adagio.
 
Opera riverside a Firenze
Apri su Maps 05527265987 @lungarnocollection

Si trova in cima alla Torre medioevale dei Consorti, all’ultimo piano dell’Hotel Continentale. Intorno i capolavori di Firenze, dalla Cupola del Brunelleschi al Campanile di Giotto, a Ponte Vecchio. La Terrazza Rooftop Bar incarna la Firenze più classica: quella elegante e rinascimentale, che qui trova la sua cornice perfetta. Al momento del tramonto, con l’Arno sullo sfondo, lasciatevi suggerire un cocktail classico 20€ o una rivisitazione 22€.
 

Bistecca fritta o pici salsiccia e cicoria? Ceci all’olio o peposo alla fornacina? Sono alcune delle domande che si fa l’avventore di questa graziosa osteria di provincia a Montebeni, vicino a Fiesole e non molto lontano da Firenze. Nasce alla fine degli anni ’50 come negozio di frutta e verdura per diventare negli anni, grazie all’operato del proprietario Tullio, un affidabile ritrovo per amanti della cucina toscana, attratti magari dall’antipasto Tullio che contiene affettati misti, con pecorino e marmellata, crostini di fegato su pane e polenta, bruschetta al pomodoro e al fagiolo, verdura fritta, salvia fritta e pecorino su pere fritte, tanto per cominciare.

Trattoria da Tullio a Fiesole
Apri su Maps 0552382070 @carducciofirenze

Bistrot e bottega devoto al biologico, da Carduccio si viene anche per l’ottima colazione salata — crostoni con avocado, hummus e caprino, oltre a uova in tutte le salse — oppure per un pranzo nutriente e salutare prevalentemente green. A breve distanza da Palazzo Pitti, la stessa cura è riservata alla selezione del caffè, che arriva da Le Piantagioni del Caffè ed è estratto e servito con perizia. La filosofia farm to table, qui, è valida tanto per i piatti quanto per le tazzine.


Carduccio
Apri su Maps 0558071640 @massimomacelleriafrancini

Quella della Macelleria Francini è una lunga storia di famiglia, la prima attività fu aperta nel 1968 da Ilvo Francini a Barberino Val d’Elsa, poi nel 1971 apre la seconda bottega a Tavarnelle e nel 1980 la terza a Sambuca. Oggi qui c’è Massimo Francini che negli anni, ha unito all’arte della macelleria e della norcineria, anche quella della ristorazione e dell’accoglienza. Qui ovviamente al centro della proposta c’è la carne, in primis la bistecca alla fiorentina e tante altre tipologie che vengono cotte alla griglia. Ma anche carne cruda sotto forma di carpacci e tartare e il quinto quarto, tra cui il midollo alla brace da mangiare rigorosamente “al cucchiaio”.

Macelleria Francini

Inaugurato da poco (ne abbiamo parlato qui), Luca’s è il ristorante dell’hotel La Gemma, posto sotto la guida dello chef internazionale Paulo Airaudo. Nelle splendide sale verdi, con dettagli di pregio, va in tavola un menu alla carta, oppure alcune opzioni in versione menu degustazione. Parliamo del menu La Gemma, da 4 portate al prezzo di 115€, ma anche del menu Smeraldo, in 8 portate a 175€.

Lucas' Ristorante Firenze

Il secondo punto vendita è aperto da maggio 2016 in Via dello Sprone. Uno spazio bellissimo, con un design volto a “far sentire la gente a casa”. Il locale è ampio ed è perfetto anche per qualche sessione di lavoro “smart”, per rilassarsi o per incontrare gli amici. Lo stile della ristrutturazione tiene in mente il del grande architetto fiorentino Giovanni Michelucci, colui che ha progettato il palazzo che ospita la caffetteria. Per pranzo, provate il Ditta Club Sandwich (16,5€) e, perché no, la moka (4,5€).


Ditta Artigianale Via dello Sprone

A Firenze è uno degli indirizzi più affidabili per la cucina vegetariana. Un ristorante che aspira a soddisfare tutti i palati, anche quelli che non seguono un’alimentazione vegetale. L’ambiente è fresco e accogliente, e il menu si compone di piatti stagionali che si presentano in modo gustoso. Si può provare il Ceviche di avocado, mais peruviano e patate dolci in salsa huancaina, curry vegetali, mozzarella in carrozza e parmigiana di melanzane di “Nonna Rosa”, oppure le alternative vegetali al filetto e alle salsicce ad incentivare anche i meno fiduciosi.

L'OV Osteria Vegetariana-2
Apri su Maps 055287420 Pagina Facebook

La Fiaschetteria Fantappiè si trova dal 1947 in via dei Serragli, nel quartiere di San Frediano, dove un tempo, come nelle pagine del romanzo di Pratolini “Le Ragazze di San Frediano”, viveva un mondo di umanità, originalità e arguzia tra botteghe di artigiani, alimentari, forni, pollaioli, mercerie, mesticherie e mescite di vino. Nonostante il trascorrere degli anni, questa colorata fiaschetteria è ancora oggi una tappa fissa per gli amanti del vino. Ovviamente, anche grazie alla sua ben conservata buchetta.

Fiaschetteria Fantappiè

La gelateria Strega Nocciola ha 4 sedi a Firenze - in Via dei Bardi, in Via dell'Olivuzzo, in Via Ricasoli e in Via Pisana- e una Scanidicci (in Piazza Giuseppe Di Vittorio), il piccolo comune poco fuori dalla città che conta quasi 50.000 abitanti. In questa bottega si possono trovare le classiche creme anche in versione gluten free o vegane. Non mancano poi i sorbetti, tutti a base di acqua – ideali per chi è intollerante al lattosio o segue una dieta vegana – con gusti che vanno dalla frutta fino al cioccolato fondente. La Strega Nocciola ha anche un negozio a Roma in Via della Vite 100. 

Palazzo Pucci è uno dei palazzi storici di Firenze, costruito nel XVI secolo, e si trova a pochi passi dal Duomo. Cantina de’ Pucci è invece un ristorante di cucina fiorentina di buon livello, che vanta una carta vini altrettanto valida, creata nel rispetto della storicità del palazzo e della stessa vendita di vini che veniva fatta tramite una delle classiche buchette del vino presenti nelle mura dell’edificio.

Osteria De Pucci

Poteva uno dei più antichi ristoranti di Firenze non avere la sua personale buchetta del vino? Ovviamente no. Tempio della bistecca alla fiorentina, Il Latini offre anche la possibilità di acquistare un buon bicchiere di vino direttamente dalla sua vetrina accanto all'ingresso. Il modo migliore per rompere il ghiaccio in attesa degli amici ritardatari.

Il Latini Firenze

Sembra quasi di toccare la Cupola Santa Maria del Fiore da qui, tanto si è vicini al capolavoro di Brunelleschi. Divina Terrazza, all’interno del Grand Hotel Cavour, è un American Bar aperto tutto l’anno: un piccolo rooftop (consigliata per questo motivo la prenotazione) dove sentirsi a un passo dalla storia, contemporaneo negli arredi e molto accogliente.

In pieno Santo Spirito, DiVin Boccone è una boutique gastronomica che vende prodotti alimentari della regione e vini della propria cantina. Più che una buchetta, la sua finestrella dalla forma insolita e dalla superficie superiore dà la possibilità di acquistare i prodotti proprio come una volta.

La buchetta del vino di Divin Boccone
Apri su Maps 0552654354 @dalla_lola

Giovane trattoria in Santo Spirito aperta da Matilde Pettini nel 2019, che ha seguito le orme della madre - ha un locale a pochi metri di distanza – rilevando così la sede storica della latteria e poi tavola calda. Qui si possono provare i piatti dimenticati della tradizione toscana “che non è fatta solo di bistecca”, spendendo il giusto. Un locale che ha portato aria fresca in città, specialmente in fatto di proposta che cambia ogni giorno, che è frutto dell’entusiasmo della brigata. Il menu scritto a mano è in continua evoluzione, e prende ispirazione dalla tradizione per incontrare gusti internazionali specialmente in fatto di spezie. Gli ingredienti locali vengono quindi reinventati: per esempio il lampredotto viene messo nella pasta e non in un panino e invece della classica cacio e pepe qui fanno i Tagliolini cacio e za’tar. Seguendo la linea della cucina, anche la selezione di etichette cambia spesso ma soddisfa.

dalla lola

Caffetteria con cucina degli States specializzata in brunch con atmosfera tipicamente newyorkese pur rimanendo nel centro di Firenze. L’offerta è quella del bistrot d’ispirazione americana che serve piatti espressi tra cui diversi tipi di pancakes, serviti con diversi topping e accompagnamenti. Ci sono poi french toast, bagel, insalatone, bowl, avocado toast, uova cucinate in tutti i modi, burger e sandwich, dal classico pastrami al pulled pork. Da bere succhi e centrifughe di frutta e verdura freschi, smoothies, caffè, soft drinks, birre artigianali toscane e cocktail classici.

Roster Cafè
Apri su Maps 055 771 4875 @dittaartigianale

L’abbiamo definito “il bar che ha fatto la rivoluzione del bar all’italiana”. Si tratta di Ditta Artigianale, che, inaugurata nel 2014 da Francesco Sanapo, è arrivata a contare ben cinque insegne, tra le quali questa bakery inaugurata a fine marzo 2023 nel rione San Niccolò. Una caffetteria contemporanea che propone prodotti di qualità in un contesto giovane e all’insegna del design, dove, in assoluto anticipo sui tempi, si è iniziato a parlare seriamente di cultura del caffè. I chicchi di Ditta Artigianale sono selezionati e tostati in casa e si trovano in vendita anche online. Come il MammaMia Blend, proposto espresso a 1,50€ nei loro bar. Avete mai provato un drink a base di caffè? Qui si fa addirittura il Coffeemisù, con caffè, biscotti, cacao e crema al mascarpone (6€). In questa sede c’è un bellissimo giardino con tavolini e ombrelloni, il forno che fornisce i banconi di tutti i negozi Ditta, un gin bar e un calendario di eventi culturali in collaborazione con altre realtà del quartiere.


Ditta Artigianale Piazza Ferrucci
Apri su Maps 0558071278 @osteriadipassignano

Ristorante del mondo Antinori situato nel cuore del Chianti Classico, fra le mura di un edificio situato accanto all’antica Badia di Passignano. Proprio questa è diventata la barricaia dove viene invecchiato l’omonimo vino proveniente dalle vigne che circondano il monastero. In questo contesto ricco di storia sorge l’Osteria di Passignano che vede in cucina lo chef Matteo Lorenzini. Menu stagionali che partono dall’esaltazione dei prodotti dell’Orto di Badia, da dove arrivano tutti i vegetali e le erbe aromatiche che si ritrovano nei piatti, nonché importante fonte d’ispirazione. Una proposta gastronomica contemporanea studiata anche in funzione dell’importante carta dei vini da circa 1000 referenze da tutto il mondo, con una sezione dedicata alle bottiglie della cantina di casa, il fiore all’occhiello della proprietà. Tra i piatti del menu alla carta Carciofi alla brace, topinambur e caviale, Gnocchi, guancia di manzo e cipollotti e Pan di castagne, pere e gelato allo stracchino. Menu degustazione d’autunno da 4 portate a 125€.

Osteria di Passignano

Osteria di cucina fiorentina e toscana, ma anche buchetta piena di storia. Basta bussare alla finestrella dell'Osteria San Fiorenzo per ricevere e degustare in appena pochi secondi un buon calice di Chianti. Provare per credere.

Osteria San Fiorenzo

ristorante

Indirizzo unico nel suo genere, aperto nel 2013 dallo chef venezuelano Oliver Betancourt e sua moglie Roberta Del Prete. Ambiente elegante e curato che ricorda un bistrot francese elegante, con tanto di una piccola biblioteca dove sono esposti libri di cucina italiana e internazionale. La proposta gastronomica è basata su piatti contemporanei e creativi, con radici caraibiche e forti influenze da Francia, Spagna e Italia, paesi in cui si è formato lo chef. Ecco che in menu troviamo la Lingua in salsa di asado con lenticchie e crema di lamponi, ma anche Zuppa di cipolle bianche brulèe, semi di girasole e verdure e Noodles freschi al cavolfiore, panna acida con aglio, carpaccio di cavolfiore. Ci sono anche due percorsi di degustazione da 5 (90€) e 7 portate (110€) a mano libera dello chef con piatti inediti, che possono essere serviti anche in versione vegetariana o vegana.

Cuculia
 
Apri su Maps 3409695774 Pagina Facebook

Appena fuori dal centro, in zona Campo di Marte, l’insegna rosso brillante del chiosco di Claudio Montini non passa inosservata. Già molto apprezzato, è diventato ancora più popolare durante la pandemia, quando ha sollevato l’umore degli abitanti del quartiere che venivano spesso per mangiare un panino all’aperto. La sua specialità? Chiaramente il panino col lampredotto, preparato con materie prime selezionate personalmente dal proprietario. Ci sono inoltre la trippa al pomodoro e i crostini con la lingua. Da bere, Lambrusco o rosso toscano alla mescita. 

Il chiosco de I' Trippaio di Montini
Apri su Maps 0552741583 @5ecinquefirenze

Insegna di cucina vegetariana semplice e ben fatta. Nel menu del giorno è immancabile la cecina, che sia servita semplice o con lo stracchino. Gli altri cavalli di battaglia della proposta che è molto incentrata sulla cucina ligure, sono la focaccia col formaggio alla ligure, la pizzata, ma anche formaggi, cous cous, risotti, polpettone vegetale. Qui tutto viene fatto in casa: dalle paste fresche alle torte salate, dalla focaccia ai dolci. Il valore aggiunto sta nella selezione di materie prime biologiche e stagionali che arrivano in gran parte dal territorio e dall’orto di proprietà.

5 e cinque
Apri su Maps 0552735891 @hotelsavoyflorence

All’interno dell’imponente Hotel Savoy, che si trova proprio in centro a Piazza della Repubblica, con suites particolarmente lussuose, c’è Irene, il ristorante dove convergono le ricette dello chef Fulvio Pierangelini, che spazia nel mondo della cucina italiana e qualche proposta dal tocco più internazionale. L’insegna infatti fa parte del gruppo Rocco Forte Hotels. Può contare anche su un bel bar e su un dehors elegante e riparato.

Irene Ristorante Fulvio Pierangelini-2

Attivo sin dal 1981, quando praticare la scelta vegetale non era semplice o mainstream come adesso, Il Vegetariano nasce con le migliori intenzioni di realizzare una cucina vegetariana e vegana con buoni prodotti, freschi, realizzati per lo più in casa e in continua evoluzione. Su quest’ultimo punto c’è da apprezzare la capacità di proporre ogni giorno un menu di verso, con una ventina di piatti tra primi, secondi, insalate crude o cotte e dessert, dove sbucano piatti vegani, vegetariani e senza glutine. Tra le proposte, dhal indiano di lenticchie, stufato di seitan ma anche lasagne con porri, cavolo nero e parmigiano. Piatti principali tra i 9,50 e 14€.

Il vegetariano Firenze
Apri su Maps 0555978356 @coquinarius

Non è trascurabile la vista che da questo ristorante si vede su Firenze e sui suoi monumenti. Eppure, anche se una sede è a Fiesole e l’altra proprio a Firenze, siamo lontani dal centro della città e la vista è agevolata dalla bella vetrata che cinge il ristorante. In tavola arrivano piatti organizzati in un menu dallo spirito piuttosto classico: antipasti toscani, paste fresche e carni alla griglia compongono le voci della carta. Da non perdere il carpaccio fatto in casa con crudités di funghi, i tortelli mugellani con fave, pecorino e scorza d’arancia ma anche la tartare di chianina con crema di castagne e funghi di bosco, quando la stagione lo consente.

Coquinarius Fiesole
Apri su Maps 338 527 5976 @ben_caffe

I titolari dell’Hotel Benivieni, a pochi passi da Santa Maria del Fiore, hanno pensato, qualche anno fa, di aprire la sala per le colazioni a piano terra non solo ai loro ospiti, ma a tutto il pubblico. È nata così Ben, una caffetteria, ma anche bistrot, aperto per colazione e pranzo, il cui fiore all’occhiello è il caffè di buona qualità, che da qualche mese si è trasferito però in Via Santa Margherita I chicchi sono quelli livornesi de Le Piantagioni del Caffè, serviti come espresso (1,50€; 2€ per il monorigine — da caffè proveniente dalla stessa coltivazione) e inoltre estratti a filtro, cold brew (3€), chemex, aeropress e V60 (4€). Ottima scelta anche di tè e infusi de La Via del Tè.
 

Ben Caffè
Apri su Maps 0554633414 @ora.firenze

Apertura del 2021, questo indirizzo si aggiunge ai riferimenti di Firenze per la cucina vegetariana e vegana. Si trova non lontano da San Marco e punta tutto sui colori, disseminati anche sulle pareti grazie al contributo dei murales di Giuseppe Di Carlo. Ebbene, cosa si mangia? Dal menu arrivano circa una ventina di piatti, tra taglieri in salsa vegana, hummus, bao, agnolotti e burger. C’è un po’ di tutto disseminato tra antipasti (tra i 9 e i 18€), primi (tra i 9 e i 14€), secondi (tra i 6 e i 7€). Per finire si passa anche per una golosa cheesecake vegana al caramello salato.

Ristorante Ora Firenze
Apri su Maps 05559049 @fattoriadimaiano

A pochi chilometri da Firenze, questo indirizzo è raccomandato per gli amanti dell’aria aperta. Alla tavola si potrà infatti abbinare una visita nell’immenso giardino botanico che circonda la struttura e sarà possibile anche ordinare dal ristorante alcuni piatti per consumarli all’esterno. Il ristorante della struttura, che ha anche camere e appartamenti, si chiama Lo Spaccio e offre una cucina toscana e italiana senza eccessive rivisitazioni e sbavature. Per i prodotti si può certamente contare sulla produzione interna, tra orti di verdure, mieli, uova e olio.

Fattoria di Maiano
Apri su Maps 0550944877 @labracfirenze

Si scrive libreria si legge “spazio polivalente” questo creato a Firenze, in pieno centro storico, e adattato nel tempo ai cambiamenti e al costante flusso di persone che ne apprezza lo stile e l’identità unica, sebbene trasversale. Questa libreria infatti ospita non solo libri, eventi e incontri, ma anche vini e cucina, rigorosamente vegetariana e vegana. In menu si trovano piatti realizzati con ingredienti freschi e stagionali, votati complessivamente alla semplicità ma con tocchi internazionali e fusion (guardare alla voce “piatti speciali” per il seitan masala o il tempeh di legumi). Insalate, primi piatti, torte salate e caffetteria fanno il resto.

Libreria Brac
Apri su Maps @caffetteria_emmeti

Emmeti si trova nei pressi della Stazione Campo di Marte e ha deciso di raffinare la sua proposta in tema di caffè nel 2020. Tommaso Falli e Mattia Barchielli hanno scelto la torrefazione artigianale fiorentina La Sosta Specialty Coffee, dalla quale si riforniscono per le loro preparazioni ma di cui vendono anche le confezioni al pubblico. Una sala semplice ma curata e qualche tavolino all’aperto, dove venire anche a colazione — con biscotti, lievitati e torte fresche — per l’aperitivo o per un pranzo leggero.


Caffetteria Emmeti

Sulle colline che guardano Firenze non è difficile innamorarsi del profilo dei campanili e di palazzi storici della città, soprattutto lontano dal caos e dalla frenesia che ne attanaglia le strade. Se si aggiunge un hotel da sogno, che fa parte della catena internazionale Belmond, i giardini, la facciata disegnata dalla scuola di Michelangelo, non è difficile capire perché Villa San Michele sia una delle destinazioni più apprezzate in Italia. Certo non per tutti, ma ci si può comunque concedere, se amanti della buona tavola, una sosta sui tavoi della Loggia, il ristorante dove lo chef Alessandro Cozzolino mixa una vista strepitosa sulla città, gli ingredienti del territorio e la sua personale creatività. Ne escono fuori 3 percorsi degustativi: Legami il menu autobiografico a 190€, Contrasti, ispirato a Firenze a 160€, Sensualità Vegetale, il menu vegetariano che omaggia i produttori locali a 140€. C’è anche la possibilità di mangiare nell’altro ristorante della struttura, il San Michele, dove la cucina è più aderente al territorio.

La Loggia Villa San Michele-2
Apri su Maps 3332773184 @ilpiccolotrianon

Già spaccio alimentare dal 1883, questa antica casa sulle pendici a ridosso di Firenze ospita una trattoria a conduzione familiare, molto apprezzata dai viaggiatori e dai fiorentini. Le sale si organizzano all’interno e all’esterno, dove un piacevole giardino accoglie gli avventori pronti a sedersi a tavola. In menu uno dei piatti più gettonati è la frittura in ragnatela, che viene fatta per coniglio e cervello e crea con la panatura proprio l’effetto di una ragnatela. I piatti sono scritti su un grande lavagnone che campeggia di fronte ai tavoli dal quale è possibile attingere tagliata di filetto, crostini toscani, lampredotto “trippato” e tortelli di patate mugellani.

Il piccolo Trianon

I sapori e il ritmo di Cuba si trovano all’Habana 500, il locale sul Lungarno conosciuto per le notti danzanti. Chi ama la cultura, il gusto e la musica di questa isola caraibica di certo farà un salto qui anche quest’estate, o parteciperà ai tanti corsi di ballo in programma. All’Habana 500 si mangia con un’offerta gastronomica ispirata alla tradizione cubana.

Habana 500 a Firenze

Maykol Martino e Alice Risani, dopo tre anni vissuti in Australia, nel 2023 sono rientrati a Firenze e hanno aperto Manly The Office nella vivace San Frediano. Ne abbiamo parlato per esteso in questo articolo, spiegando come hanno trasformato un localino di 30 mq in un contesto accogliente e tutto dedicato a colazioni, brunch e caffè specialty (d'altronde l'Australia è capofila della cosiddetta 'Third Wave' del caffè). I chicchi sono quelli della torrefazione fiorentina D-612, da abbinare a proposte cosmopolite come bagel farciti, avocado toast, carrot cakes, brownies e bowl di yogurt con granola.

Gli interni di Manly The Office
Apri su Maps 055679366 @insolitatrattoriatresoldi

All’estro dello chef Lorenzo Romani viene lasciato il compito non semplice di stupire i suoi ospiti con piatti che non sono mai quello che sembrano. I piatti di Romani sono pensati proprio per sembrare qualcosa che non sono, un hamburger per esempio, un pomodoro e una carbonara, lasciando la possibilità al cliente di indovinare quali sono gli ingredienti che ha assaggiato senza l’ausilio della vista. Le esperienze che si possono fare in questo ristorante fuori dagli schemi sono due: quella “unconventional” e quella “classic”. Per le esperienze non convenzionali le opzioni di menu sono 3: 15 ricette a 185€, 9 ricette a 110€, 5 ricette a 85€. Per l’esperienza classica invece, le portate sono 5, con i classici collaudati della cucina di questo indirizzo, da assaggiare anche nel piacevole spazio esterno.

Insolita Trattoria Tre Soldi-2

Giovanni e Laura Benini hanno aperto la loro caffetteria in un’area ex-industriale vicina alla Chiesa di Sant’Ambrogio nel 2018, per assecondare e diffondere la loro passione per il caffè specialty. Stile minimal e atmosfera Nord Europea in un locale con tanto legno e un’enorme lavagna che racconta il percorso dei monorigine e i vari metodi di estrazione e servizio: espresso, flat white, cold brew. Ma anche cappuccino ed “espresso tonic”. Veniteci anche a colazione, con un buon lievitato o un bagel farcito. 


Coffee Mantra

Un locale come MAD non poteva che trovarsi nel cuore del quartiere più vivo e vivace della citta, molto frequentato da fiorentini e turisti da ogni dove. Questo è il bar di riferimento di San Frediano, con prezzi accessibili e miscelazione di qualità. Dopo il successo portato ai tempi da Julian Biondi dietro al bancone, oggi la bar manager è Ginevra Gabrielli. Qui non vengono serviti spritz: “permetteteci di intrattenerci con qualcosa di meglio”, scrivono. E così la drink list si compone di cocktail dai nomi provocanti come Non c’è cosa più divina… Che mezcal e caffeina, il Tempio delle mele o il Losco Mule.

Mad Soul & Spirits
Apri su Maps 055281661 @borgosanjacopo

Ristorante fine dining con una Stella Michelin all’interno dell’Hotel Lungarno Collection di proprietà della famiglia Ferragamo, a pochi passi da Ponte Vecchio. Un ambiente, come d’altronde quello dell’albergo, molto elegante e ricercato dove lasciarsi coccolare dalla cucina di Claudio Mengoni. Con una meticolosa scelta di ingredienti italiani, crea piatti sofisticati a base di carne, pesce o verdure, che rispettano la stagionalità e colpiscono alla sola vista. La carta dei vini, curata dal sommelier Salvatore Biscotti, vanta una vasta selezione di circa mille etichette, che comprende sia grandi nomi che qualche chicca di piccoli produttori. Per un’esperienza ancora più esclusiva si può prenotare uno dei due tavoli romantici sul balcone con vista sull'Arno.
Borgo S.Jacopo
 

Vi abbiamo già raccontato tutta la storia di Robert Marrandi, il panificatore estone autodidatta che dopo aver conquistato Firenze con i suoi pop up di dolci nordici ha aperto la sua insegna. Un forno scandinavo che ha ristrutturato personalmente, con lampadine sospese, ripiani in legno, sgabelli in metallo, qualche pianta, cucina a vista e giusto qualche sgabello. Qui i prodotti vengono sfornati continuamente: tantissimi tipi diversi di panini dolci e salati che cambiano ogni giorno e anche con la stagionalità. E poi non possono mai mancare bun (a partire da 3,50€) alla cannella, al cardamomo, all’uvetta (anche vegani), l’iconico bun al caramello salato che, su ordinazione, possono essere realizzati anche nel formato XXL da 1.5 kg (per 8-10 persone).

Wild Buns Bakery
Apri su Maps 055223914 @la.pepiniere

Vegano e senza glutine (certificato) questo indirizzo è molto apprezzato da diverse tipologie di clienti che vi ritrovano anche un luogo piacevole, sia all’interno che all’esterno, dove mangiare al di là dell’Arno. Gnocchetti, tartare, polpette, persino la pizza senza glutine affollano il menu costruito sulla stagionalità, con un occhio di particolare riguardo ai dolci molto golosi, come la bavarese al cioccolato e salsa al caramello salato, oppure la frolla con farina di castagne, ganache al cioccolato, burro di arachidi e panna. Si parte con i cicchetti (tra 1,50 e 3€) tra cui il cacio vegano affumicato e le frittelle di lenticchie con salsa di yogurt. Si prosegue poi con i primi (tra i 14 e 15€) e i secondi (tra i 16 e i 18€). Carta dei vini, dei mocktails (cocktail senza alcool) e birre senza glutine completano l’offerta.

La Pepiniere
Apri su Maps 3805938793 @rawveganfirenze

Aperto dalla tarda colazione a prima di cena, questo indirizzo di cucina vegana e crudista è il riferimento giusto vicino a Santo Spirito per chi cerca un pranzo in compagnia o semplicemente una merenda o uno spuntino durante la giornata, che sia dolce o salato. In menu troviamo sia piatti completi come wrap (piadine farcite), tacos e sandwich (15,50€), sia le pizze, realizzate con farina di grano saraceno quindi naturalmente senza glutine e a lunga lievitazione (15€). Infine tantissime opzioni per le bevande, fresche realizzate con frutta e verdura di stagione. È possibile anche comporsi una poke, un’insalata in stile californiano-hawaiano, scegliendo gli ingredienti da una lista di frutta, verdura, semi, salse e proteine come quinoa e polpette vegetali (15€).

Raw Vegan
 
Apri su Maps 055699000 @torre_a_cona

In una tenuta di oltre 200 ettari con camere per gli ospiti, verde, vigneti e tanto vino, si può andare per trascorrere una bellissima giornata fuori dalla frenesia della città. Il caso è quello di Torre a Cona, al confine tra Chianti Classico e Valdarno, dove le tracce dell’antica struttura si perdono nella storia. All’interno di questa molteplicità di offerte, c’è anche L’osteria, gestita dalla coppia di chef Maria Probst e Cristian Santandrea che con semplicità ed eleganza, quella che ci si aspetta da un wine resort in Toscana, portano avanti la cucina del posto. Pasta fresca, acciughe e fegatini punteggiano le voci del menu, che permette di ordinare alla carta (antipasti tra i 13 e i 14€, primi tra i 13 e i 18€, secondi tra i 22 e i 28€). Qualche esempio? La millefoglie di trota salmonata, formaggio fresco di Magi, e uova di salmone, oppure la piadina di farina di Mais, ripiena di asparagi, cipollotto fresco, pomodorino e ricotta vaccina, il risotto Maremma con cavolo viola, crema di zafferano e cozze, oppure l’ossobuco di vitella Maremmana, crema di polenta Garfagnana e taccole al dragoncello.

Torre a Cona-2
Apri su Maps 3441719976 @suguanfirenze

In questo piccolo e insospettabile ristorante non troppo lontano dalla stazione di Santa Maria Novella si consuma una più che piacevole cucina vegetariana cinese (con qualche incursione nelle cucine asiatiche in generale). Il lungo menu è popolato da piatti, corredati da foto per agevolare la fruizione, che arrivano in tavola piuttosto abbondanti. Ravioli, tofu in tutte le salse (anche la pelle, che va sotto il nome di yuba), il seitan nero e bianco, la melanzana fritta in salsa Su Guan, dal sapore agrodolce, poi funghi di diversi tipi (quelli lunghi, o le orecchie di giuda) fritti o in salsa e anche l’hotpot piccante con misto di verdure. Prezzi tra i 6 e i 12€ per i piatti principali. L’ambiente interno è molto spartano, c’è anche qualche tavolino esterno.

Su Guan

Un chiosco estivo aperto da due giovani amici e imprenditori, classe ’88 e ’93, presso l’area Pettini Burresi in via Faentina, alle Cure, che anche per questa stagione estiva conferma la propria presenza. Si ascolta musica, si guardano spettacoli (ogni martedì una serata con i buskers ovvero gli artisti di strada) e ovviamente si mangia, sotto il bellissimo pergolato: pinse (dagli 8 ai 12€), hamburger (9,14€), proposte vegetariane (dai 6 ai 9€) e sfizi come olive all’ascolana, patatine fritte (4€) e nuggets di pollo (8€)

Fico Bistrò a Firenze
Apri su Maps 0554939902 @gunesanfrediano

Ristorante di alta cucina che però omaggia la tradizione casalinga. Nei piatti l’idea è quella di fondere i sapori della cucina della Basilicata, regione d’origine del patron Nicola Langone, e della Toscana dove si è trasferito giovanissimo. Lo chef Mirko Margheri propone un menu con ricette creative e ben presentate Locale molto intimo e raccolto pensato per gli amanti del bere bene. Oltre alla carta, ci sono tre menu degustazione (dai 55 ai 120€) - “Ricordi di un viaggio”, “Tradizione ed Evoluzione” e “Cromatismi vegetali” – a cui si può abbinare una selezione di vini o cocktail. Infatti, da qualche mese, proprio nella porta accanto hanno aperto il cocktail mar Next Door, che si ispira allo stile del vicino Gunè ma lo restituisce in maniera più lounge. La drink list è curata della bar manager Eleonora Romolini.

Gunè San Frediano