Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Dove mangiare

Anni di viaggi e poi ex ingegnere siciliano apre a Prato il panificio che mancava

Questo nuovo progetto si chiama Forno Mangiapane e dietro c’è Andrea Sortino, consulente di panificazione sempre con la valigia in mano

Non diremo che a Prato il pane non c’è, perché non è vero e non ci interessa fare provocazioni. Ma quello che ha portato Andrea Sortino, con la sua competenza e la sua freschezza, è sicuramente qualcosa di inedito. I romani l’hanno conosciuto all’interno del progetto Forno Conti all’Esquilino, una bakery dal sapore internazionale di cui curò l’avviamento nel 2021. Ma Andrea è molto conosciuto nel resto d’Italia anche per le sue numerose consulenze sul mondo del pane. “Lavoro soprattutto dalla Campania in su, purtroppo pochissimo in Sicilia”.

Dalla Sicilia al resto dell’Italia per portare il pane

Sfoglia extra dark da Forno Mangiapane

E perché purtroppo? Perché Sortino è proprio da Palermo che viene. “La passione per la lievitazione è una cosa di famiglia” spiega a CiboToday. Classe 1990, sangue siculo, ex ingegnere elettronico: a Prato finisce per seguire la famiglia (la compagna è proprio di questa città) e così mette anche un po’ radici. “Ma continuo a viaggiare e fare consulenze” ci assicura. Anche se dal 21 maggio ha un nuovo figlio: Forno Mangiapane proprio a Prato, il suo panificio e bakery.

Una bakery internazionale a Prato

Il pane da Forno Mangiapane-3

Abbiamo aperto al posto di un vecchio panificio” ci dice lui “poi abbiamo assunto anche il precedente proprietario”. Nulla si distrugge, tutto si trasforma nella nuova insegna dove le cose fluiscono in un’altra direzione, portando a Prato un’offerta inedita, di panetteria itinerante ma al tempo stesso radicata nel territorio. Lievitati francesi, baguette sotto il braccio, filoni di pane, “facciamo anche il pane sciapo toscano. Ma a modo mio perché non me la sento di misurarmi con questa tradizione” ci spiega. È pur sempre uno straniero in terra toscana. Da ogni viaggio e da ogni lavoro ha portato un pezzetto: la pizza romana, i panini col sesamo siciliani, la focaccia e tantissimo altro.

Cosa si trova da Forno Mangiapane

Diversi lievitati per la colazione da Forno Mangiapane

Dentro i pani finiscono farine di tutti i tipi: tenero, duro, farro, segale, orzo, grano saraceno, riso. Si può comprare per casa (chiude dopo pranzo, intorno alle 15, almeno per ora), ma si può anche venire a fare colazione. “Non abbiamo tavoli per il servizio ma possiamo fare caffè espresso grazie alla collaborazione reciproca (a loro diamo i nostri prodotti per la colazione), con la torrefazione Bhouse a Quarrata, in provincia di Prato”. L’idea poi è quella di poter crescere e, considerate le dimensioni, non fermarsi mai. Già ora continuano i viaggi e le consulenze, la formazione nelle scuole di panificazione, anche il pane consegnato ad altre attività. Era quello che ci voleva, poiché la città ha già risposto positivamente alla novità.

Gli interni e il bancone di Forno Mangiapane

Forno Mangiapane
Leggi il contenuto integrale su CiboToday

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FirenzeToday è in caricamento