I fiori dell'estate da tenere in casa

Un veloce e pratico elenco alla scoperta di quattro piante fiorite

Arredare la casa con le piante è sempre un'ottima scelta, anche se non si ha un terrazzo o un giardino. Le piante soprattutto quelle fiorite rendono l'ambiente più bello e accogliente. Chi invece ha una terrazza - anche piccola - o il giardino dovrebbe sfruttarlo al massimo e valorizzarlo con le giuste piante. Ecco quattro idee per avere l'aria di primavera e estate sempre con voi.

Gerani

I gerani possono fiorire tutto l’anno, ma il periodo ideale è proprio l'estate. Oltre alla magnifica funzione estetica, questa pianta, oltre che a decorare il nostro giardino o il nostro terrazzo, con il suo profumo vi proteggerà dall’intrusione di zanzare e altri insetti indesiderati. Si tratta di una pianta poco esigente, per crescere non ha bisogno di particolari cure o attenzioni. Tutto ciò che serve al geranio è un’esposizione in pieno sole, del terriccio e una posizione ventilata. I gerani amano i climi caldi, quindi soffrono l’eccesso idrico e i ristagni. Evitare sempre che il sottovaso si riempia di acqua.

Arredare la casa con le piante

Agapanto

L’agapanto, o fiore dell'amore, in estate colora le aiuole con le sue bellissime fioriture blu e azzurre. La pianta non ama il vento né la luce diretta del sole. Ha bisogno annaffiature regolari e di un po’ di concime liquido una volta al mese. Gli agapanti a foglia sempreverde devono essere posizionati in un luogo soleggiato, devono essere riparati nelle ore più calde della giornata, sopratutto in estate.

Gladiolo

Di facile coltivazione sia in piena terra che in vaso, il gladiolo è in grado di regalare fiori a stelo lungo che sbocciano da luglio a settembre, a seconda del periodo di piantagione. Non ha bisogno di particolari cure, tutto quello d cui ha bisogno è una posizione in pieno sole e un buon terreno da giardino con un ottimo drenaggio. Non ama particolarmente il vento che tende a far piegare i lunghi steli su cui sbocciano i suoi fiori a trombetta. Non si devono creare ristagni che possono dar vita a marciumi e favorire l’attacco di parassiti e muffe.

Lavanda

La lavanda cresce spontaneamente in tutto il bacino del Mediterraneo, ma può essere coltivata facilmente anche in giardino e in vaso. Questa pianta può essere piantata per talea o per seme, preferibilmente durante l’autunno o all’inizio della primavera quando il clima è più mite. La scelta dello spazio da destinare alla pianta è fondamentale. Deve essere una zona del giardino o del balcone sufficientemente soleggiata, ventilata, non umida e lontana da altre piante che potrebbero limitarne lo sviluppo. Le annaffiature devono essere regolari, ma mai abbondanti. Se decidete di coltivare la lavanda in vaso procuratevene uno alto e capiente, del terriccio e dell’argilla espansa che metterete sul fondo  per favorire il drenaggio.

Le piante grasse fanno bene alla salute

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come allontanare le cimici da casa

  • 10 consigli per evitare i furti in casa

  • Aumento delle bollette di luce e gas

  • Halloween, addobbi spettrali per la casa

  • Sportello conflitti tra gli inquilini

  • Come proteggere la piscina dal freddo dell'inverno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento