rotate-mobile
Ristoranti in punta di forchetta

Ristoranti in punta di forchetta

A cura di Marco Gemelli

Menù di Pasqua: tradizione e brunch ricercati, le proposte dei ristoranti

Cosa porteranno in tavola i ristoranti cittadini

Agnello, come da tradizione, ma non solo. Per il pranzo di Pasqua, trattorie e ristoranti non si discostano dai canoni della tradizione, al massimo sostituendo l'animale simbolo della Pasqua con varianti come il capretto. E così, all’avvicinarsi del triduo – quando anche la fantasia di panificatori, pizzaioli, fornai, chef, maestri pasticceri ecc… riesce a dare il meglio di sé, tra pastiere, casatielli, uova e colombe – anche i più gettonati locali fiorentini hanno allestito menù speciali per residenti e turisti.

Per Vito Mollica sarà il primo pranzo di Pasqua sotto le insegne di Chic Nonna, e per l'occasione lo chef lucano ha allestito un menù ad hoc che rispecchia la filosofia della sua cucina: alta qualità, stagionalità e tradizione. Ecco quindi una partenza con Gamberi e calamaretti al vapore con insalata primaverile, seguita da un Flan di borragine con uova di quaglia e culatello di Zibello, un Risotto agli asparagi con triglie e salsa al cacciucco, Capretto arrostito alle erbe con cicorie e carciofi, per finire con Colomba con zabaione al vinsanto e gelato alle mandorle.

Da sempre uno degli appuntamenti più amati dai fiorentini, per la Pasqua 2023 a Firenze il brunch del Four Seasons Hotel si moltiplica approfittando delle feste. Ecco quindi il brunch di Pasqua, a partire dalle 12:30 – buffet salato e dolce con ricette tipiche della tradizione e aperitivo di benvenuto con calice di spumante – mentre alle 14:30 tutti i bambini saranno invitati a partecipare alla caccia alle uova all’interno del giardino della Gherardesca. Il giorno dopo, brunch di Pasquetta: a partire dalle 12:30, buffet salato e dolce accompagnato dalla classica grigliata e welcome cocktail preparato dal team di bartender di Atrium Bar.

Dal canto suo, il Relais Le Jardin dell’Hotel Regency (piazza Massimo d’Azeglio, 3) offre un brunch speciale che omaggia la tradizione gastronomica
pasquale con il tocco moderno dello chef Claudio Lopopolo. Tra le proposte della cucina, non mancano Vellutata di fave e cicoria, Tortelli di agnello ai carciofi, Tagliata di manzo alle erbe e Agnello pasquale al forno. E ancora: come ogni anno, alla Leggenda dei Frati Filippo Saporito e Ombretta Giovannini presentano tre variazioni sul tema della colomba (classica, ai 3 cioccolati e arancia & cioccolato) oltre a un menù di Pasqua a 200 euro in cui spiccano la terrina con lardo di Colonnata, fichi secchi e crème caramel, i ravioli ripieni di finanziera con asparagi e l’agnello con carciofi, olive all’ascolana e patate.

Proseguendo nella carrellata di menù pasquali, quello dell';Architettura del Cibo vede lo chef Giuseppe Papallo alle prese con Animelle al barbecue, Cappelletti al profumo di Castagna ripieni di verza, il Carrè d’agnello pomarancino alle erbette e chiusura con Millefoglie alla crema di nocciole e cioccolato fondente. In quanto al De' Bardi, il ristorante in Oltrarno situato nello storico palazzo della famiglia Bardi, ha creato un menù che – insieme alle Uova e asparagi in cocotte di pasta sfoglia, o ai Tortelli di burrata in brodo di baccelli e pecorino ed alla Pasta e fagioli della tradizione – celebra il grande protagonista della Pasqua, l’Agnello rivisitato con una crosta di pistacchi e riduzione al Marsala. E se il brunch pasquale del ristorante Irene dell'hotel Savoy opta per l'agnello con patate arrosto, il carrè d'agnello scottadito con carciofo alla griglia e salsa al porto è il piatto must dell'Harry's Bar.

Anche il Cibreo all'Helvetia Bristol include l'assiette d’agnello nel suo menù pasquale, al bistellato Santa Elisabetta dell'Hotel Brunelleschi lo chef Rocco De Santis ha preparerà Risotto con carciofi in consistenza, vongole e tartufo nero Marzolino, Agnello arrosto con fave, emulsione di latte & camomilla, nonché la “Pastiera in un Uovo”: un cremoso alla ricotta con cuore morbido all’arancia ricoperto di cioccolato. Da segnalare, infine, il menù pasquale di Villa La Massa che segna la riapertura dell';hotel alle porte di Firenze guidato dallo chef Stefano Ballarino: spiccano Bottoni farciti di ragù di capretto, pecorino, olive taggiasche e pomodoro confit, nonché lo Scamone di agnello con pesto di noci e uva, puntarelle e patate.

Pasqua: lo scoppio del Carro

Si parla di

Menù di Pasqua: tradizione e brunch ricercati, le proposte dei ristoranti

FirenzeToday è in caricamento