Psicologia: nel cuore della mente

Psicologia: nel cuore della mente

Firenze senza Narciso Parigi 

L'analisi del dottor Loris Pinzani

Gli Uomini sopravvivono al tempo oltre la vita, tramite le emozioni che lasciano e che percorrono, in una dimensione tanto determinante quanto sconosciuta.

Se ne è andato Narciso Parigi. Ognuno a Firenze lo conosceva, se non di persona, nelle emozioni che ha suscitato, certamente frutto di quelle che la sua città promuoveva in lui, con la spontaneità di chi Firenze l'avrebbe amata comunque poiché era in ogni caso sua, quanto lui le apparteneva completamente. 

Tutti Sapevano della sua indole, esposta nell'espressione aperta, suggello della passione verso una città che aveva dato a lui l'ispirazione fusa nel suo stesso essere. Quest'uomo ha testimoniato tanto la città quanto (assai più complessa da cantare) la sua magia, abbinata a nessun concreto motivo che non fosse quello di una passione che si materializza nel fiume, nelle ragazze della città, nel Parco delle Cascine e nella sua squadra di cacio. Come sempre accade il sentimento più intenso non ha una ragione dettata da un criterio logico, non è necessario a qualcosa se non quello che si ritenga più importante di sé stessi.

Quando scompaiono personaggi rappresentativi se ne scorge l'insieme, se ne distinguono gli aspetti ed interviene una forma di tristezza rasegnata, dovuta alla consapevolezza che si è perduto una parte della propria stessa storia, viva nella memoria, in cui restano i tratti di un uomo schietto, contento per il semplice fatto di essere nella sua Firenze e da lì presentarla a chi avrebbe certamente interrotto la propria distrazione per osservare la luce del suo fiume e la sua gente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Psicologicamente la morte rappresenta un aspetto ineluttabile e in esso il vano tentativo di opporvisi con il ricordo, ma ogni qualvolta se ne va qualcuno che ha intaccato le esistenze dei contemporanei, si capisce quanto sia possibile averne ragione: la fine della vita viene vinta dalle emozioni provocate dalla bellezza di cui ogni arte contiene il seme. Ciao Narciso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: nuovo caso a scuola, classe in quarantena

  • Detenuto per tentato omicidio ferisce un agente e scappa dal tribunale ammanettato: è caccia all'uomo in città

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 21 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 19 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  •  Oroscopo Paolo Fox oggi 18 settembre 2020: le previsioni segno per segno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento