rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Arte: i tesori di Firenze

Opinioni

Arte: i tesori di Firenze

A cura di Rosanna Bari (Guida turistica qualificata di Firenze)

Chi sono Nata ad Augusta, in Sicilia, da quasi 20 anni vivo a Firenze, culla del Rinascimento. Ho sempre lavorato nel campo dei Beni Culturali, occupandomi di Catalogazione di Beni Archeologici presso la Soprintendenza di Siracusa e Palermo, e di Beni Storico-Artistici a Firenze. Infine, per curare un altro aspetto del mio lavoro, quello della divulgazione, mi sono qualificata come Guida turistica, per poter così trasmettere, a chi mi ascolta, la mia grande passione per l'Arte. Inoltre collaboro con riviste di settore. Contatti cell. 339-1667051 e-mail: rosannabariguida@gmail.com

Arte: i tesori di Firenze

Largo Piero Bargellini: ricordo del "Sindaco dell'alluvione"

Conosci la città insieme a Rosanna Bari

Largo Piero Bargellini, dedicato nel 1988 allo scrittore e politico fiorentino, si trova sul lato sinistro della basilica di Santa Croce, ed è il primo tratto di Via San Giuseppe a cui prima apparteneva. Piero Bargellini nacque a Firenze il 5 Agosto 1897, e morì il 28 Febbraio 1980.

Quest'anno, come omaggio nell'anniversario della sua morte, è stato ristampato il libro "Lui, racconti di vita di Gesù", prezioso messaggio di fede, dove lo scrittore descrive i più toccanti episodi del Vangelo, con la finalità di avvicinare giovani e adulti alla religione cristiana. Era il sindaco di Firenze nel Novembre 1966 durante i tragici giorni della catastrofica alluvione che colpì la città, sebbene la sua giunta fosse dimissionaria e avrebbe dovuto lasciare l'incarico: per questo è ricordato come il "Sindaco dell'alluvione".

Figura di spicco nell'ambito culturale e religioso fiorentino, nel 1929 fondò e fu il direttore de "Il Frontespizio", periodico letterario di ispirazione cattolica. Appassionato di arte e di storia, scrisse numerosi libri a carattere divulgativo molti dei quali su Firenze, in particolare si ricordano "La splendida storia di Firenze" e "Le strade di Firenze", punti di riferimento indiscussi per tutti gli studiosi.

A Piero Bargellini, che abitava in Via delle Pinzochere a fianco di Santa Croce, nel palazzo da lui acquistato nel 1946, piaceva molto il nome della strada a cui era legato per la sua antica storia. Le Pinzochere erano donne laiche dedite alla vita monastica appartenenti al terzo ordine francescano, vivevano in un vicino convento, poi soppresso da Cosimo I, ed avevano cura della basilica di Santa Croce.


E a tal proposito, ricorda affettuosamente la figlia Antonina detta Bocci, che egli diceva spesso sorridendo: "Spero che quando non ci sarò più, non mi facciano lo scherzo di cambiare il nome di questa strada in Via Piero Bargellini!" Questo per fortuna non è successo e, come ricorda sempre la figlia, fra tutti i Santi, suo padre amava la figura di San Giuseppe, e il fatto di essere la strada a lui dedicata adiacente alla strada dedicata al Santo, sicuramente è un qualcosa che avrebbe apprezzato molto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Largo Piero Bargellini: ricordo del "Sindaco dell'alluvione"

FirenzeToday è in caricamento