Diabete: destinati 170mila euro ai campi scuola per bambini e ragazzi

I campi scuola hanno lo scopo di aiutare i bambini ad affrontare la malattia ed essere più indipendenti

La Giunta regionale ha stanziato 170mila euro per i campi scuola dedicati a bambini e ragazzi. In particolare sono stati assegnati 110mila euro all’Azienda ospedaliero universitaria Meyer (sede del Centro regionale di riferimento per il diabete dell’età evolutiva), 30mila euro alla Asl nord ovest e altrettanti 30mila euro alla Asl sud est.

“La Regione è impegnata da anni, fin dal 2000, nel sostenere progetti di organizzazione di campi scuola per bambini e adolescenti con diabete - ha commentato l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi -. Sono iniziative fondamentali che aiutano i ragazzi a imparare a essere autonomi e sempre più responsabili nel gestire la propria patologia. Le esperienze maturate in questi anni sono state tutte estremamente positive ed efficaci. E’ per questo motivo che, in sinergia con le associazioni di volontariato, abbiamo voluto dare continuità a progetti di grande valore educativo e terapeutico, che migliorano e rafforzano le capacità di autogestione e di integrazione sociale fra i minori”.

I campi scuola per bambini e ragazzi con diabete

Sono parte integrante dei programmi di educazione all’autocontrollo e all’autogestione del diabete. I programmi prevedono nozioni teoriche, addestramento pratico e supporto psicologico per imparare a superare le problematiche legate alla convivenza con la malattia nel quotidiano. In questi campi scuola, organizzati al di fuori delle strutture ospedaliere, all’interno di una sorta di vacanza, sono presenti medici, infermieri, psicologi, pediatri, dietisti, preparatori atletici delle Scienze motorie, personale dell'associazione diabetici, con l’obiettivo di fornire le competenze per la gestione del diabete in assenza dei familiari e creare i presupposti per una maggiore indipendenza e sicurezza verso esperienze di gruppo proposte dalla scuola; favorire il confronto con i coetanei; sviluppare l’autostima, la responsabilizzazione, il controllo emotivo; impegnare i ragazzi in attività ricreative e sportive, dimostrando la loro compatibilità con il diabete; favorire il confronto con famiglie che condividono il problema; aiutare i genitori a sostenere il peso della diagnosi della malattia, fornendo loro tutti gli strumenti necessari per l’accettazione della malattia e la crescita serena dei propri figli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Toscana rischia il ritorno in zona rossa

  • Coronavirus, volontaria della Croce Rossa di 23 anni trasferita dalla Maremma a Careggi: è molto grave

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 4 marzo 2021: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 3 marzo 2021, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, scenario 'mini zone rosse' in provincia di Firenze: cosa cambia se un Comune va 'in lockdown'

  • Coronavirus, Toscana arancione un'altra settimana

Torna su
FirenzeToday è in caricamento