rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Attualità Scandicci

Rivoluzione impianti sportivi a Scandicci: tra caro bollette, traslochi e progetti

Dalla questione Turri al sogno di una nuova casa per la Savino del Bene, ecco come stanno andando gli interventi relativi allo sport nel territorio di Scandicci

Nonostante il periodo non sia dei migliori, a Scandicci si guarda comunque al futuro. Sono numerosi i lavori e gli interventi in corso per migliorare gli impianti sportivi delle varie società presenti sul territorio. A partire dal campo dello Sporting Arno, dove il Comune ha deciso di azzerare il canone per il 2022 a carico della società, per "sdebitarsi" del ritardo per gli interventi sul manto di gioco: “I lavori sono fondamentalmente finiti – racconta il vicesindaco di Scandicci Andrea Giorgi -. I ritardi erano dovuti all'aumento del costo delle materie prime, che ci hanno imposto tempi un po' più lunghi. Abbiamo ritenuto corretto, visto che la società non aveva a disposizione il campo, di scontargli per la durata dei lavori il canone di quel periodo”.

C'è poi la situazione legata al campo del Casellina. Anche qui ci sono attualmente dei ritardi: “Il campo da calcio è finito, ma la società Autostrade ha ritenuto, per una maggiore sicurezza, di rifare i pali della recinzione del campo, per non correre il rischio che i palloni finiscano sulla A1. Sono lavori che stanno facendo loro, e ci hanno detto che dovrebbero terminare entro la fine di quest'anno”.

E poi la questione forse più problematica, quella relativa allo Scandicci Calcio. La società, che disputa il campionato di Serie D, dovrà tra poco abbandonare il Turri per far posto alla nuova scuola Fermi. L'urgenza è quella di trovare non solo una soluzione definitiva, ma anche una temporanea, come afferma il vicesindaco: “Stiamo lavorando insieme alla società. Loro ci hanno mandato una comunicazione dove prospettano una serie di investimenti a medio termine, anche dell'amministrazione, che puntano ad adeguare uno dei campi esistenti. Abbiamo individuato il campo di San Giusto, dove stiamo effettuando dei lavori di copertura anche per alcuni campi da tennis, e dove faremo dei lavori per fare il campo sintetico, secondo le misure previste per il campionato di Serie D. Questo verrà fatto a metà del prossimo anno, perché dobbiamo aspettare i fondi del PNRR. Nell'attesa di questi lavori, stiamo cercando una sistemazione temporanea per far rimanere la squadra in città. L'obiettivo è anche riprendere un progetto che la stessa società aveva fatto sull'impianto del Bartolozzi”.

Altra squadra di riferimento per il territorio la Savino Del Bene. La formazione di volley, che milita nel massimo campionato nazionale, da quest'anno giocherà le partite casalinghe al nuovo Pala Wanny. Il sogno dell'amministrazione comunale è quello di regalare in futuro una nuova casa alla società: “La squadra continuerà ad allenarsi a Scandicci, anche col settore giovanile. Le norme e le leggi ci consentono adesso tempi molto rapidi per pensare ad una nuova infrastruttura. Chiaramente il nostro palazzetto ha una disponibilità di posti per gli spettatori più bassa rispetto al Pala Wanny, anche se il calore del pubblico scandiccese da una marcia in più alla squadra. Vediamo se matureranno anche le condizioni per fare un investimento di questo tipo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivoluzione impianti sportivi a Scandicci: tra caro bollette, traslochi e progetti

FirenzeToday è in caricamento