Santa Croce, restaurato il tabernacolo di Mino da Fiesole

Il tabernacolo ha una lunga storia, solo nel 1972 ha trovato casa nel complesso monumentale di Santa Croce

Il tabernacolo di Mino da Fiesole, custodito nella Cappella Castellani, nel complesso di Santa Croce è stato restaurato. L’opera, di immacolato marmo di Carrara, ha trovato nuova luce grazie all’intervento di Inner Wheel Club Firenze Medicea che dal 1998, con il contributo a diversi restauri, accompagna l’Opera di Santa Croce nella sua missione di tutela e salvaguardia. Il progetto completato è stato presentato il 23 gennaio.

Il delicato e originale complesso scenografico dell’opera, composto da otto pezzi e caratterizzato dalla presenza di una colomba e di una schiera di angeli e cherubini, è stato oggetto di un accurato intervento di ripulitura condotto dalle restauratrici Paola Rosa ed Emanuela Peiretti. L’intervento è stato presentato da Eleonora Mazzocchi, conservatrice dell’Opera di Santa Croce e Francesca Maria Di Lollo, presidente di Inner Wheel Club Firenze Medicea con Claudio Paolini, funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Firenze e le Province di Prato e Pistoia. È intervenuto Stefano Filipponi, segretario generale dell’Opera.

Il tabernacolo ha una lunga storia, un po’ tormentata, come ha raccontato la conservatrice Eleonora Mazzocchi. Realizzato intorno al 1473 per il Convento delle Murate vi è rimasto fino al 1808 quando, in seguito alle soppressioni napoleoniche, viene trasferito in Santa Croce e murato nella Cappella Medici. Nel 1945, per proteggerlo dai rischi della guerra, il ciborio viene smembrato e riposto in tre casse custodite nella cappella Bardi di Vernio. Soltanto nel 1972 il soprintendente Guido Morozzi, in occasione del riordino della Cappella Castellani, ne decide la collocazione nello spazio in cui si trova oggi.

La proficua collaborazione tra l’Opera di Santa Croce e Inner Wheel Firenze Medicea è iniziata nel 1998. La presidente Francesca Maria Di Lollo ha messo in evidenza che il club ha contribuito al restauro di numerose opere in terracotta invetriata policroma attribuite a Giovanni e Andrea Della Robbia e a Benedetto Buglioni, conservate nel Museo dell’Opera di Santa Croce e nella Cappella Castellani. La presidente Di Lollo ha annunciato che Inner Wheel Firenze Medicea si prepara adesso a un nuovo impegno, sempre nella Cappella Castellani: il restauro del monumento funebre dell’artista e aristocratico polacco Michael Bogoria Skotnicki, opera di Stefano Ricci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da sinistra Paolini, Mazzocchi, Di Lollo, Rosa, Peiretti e Filipponi-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento