La nuova sede del Polimoda alla Manifattura Tabacchi | FOTO

Un luogo abbandonato e in forte degrado, in due anni ha subito una trasformazione quasi impensabile. Il Polimoda ha aperto la sua terza sede all'interno della Manifattura Tabacchi

Uno dei laboratori della nuova sede

Luminosa, bella e tecnologica: la nuova sede del Polimoda è un sogno che si realizza per gli studenti. Chi si diplomerà quest'anno probabilmente avrà mancanza della vista strepitosa che la terrazza offre su Firenze e sul Cupolone. Ambienti ampi, accessoriati, con grandi finestre e sopratutto laboratori di maglieria (2) e di confezione (10), aule di disegno e di teoria. Nei quattro piani si possono trovare 200 computer; una sala con circa 20 tavolette grafiche (le più grandi e di ultima generazione); software e strumenti professionali, uno studio fotografico e di registrazione con camerini, set e sala trucco ed infine un negozio in cui gli studenti potranno acquistare il materiale necessario per i loro progetti. Da non dimenticare un piano esclusivo per gli studenti dell'ultimo anno, pensato per la realizzazione della loro collezione, attrezzato con macchine piane, taglia e cuci e macchine specifiche per le lavorazioni sartoriali, piani stiro, telai per la maglieria, rimagliatrici e manichini di forme e taglie diverse.

Insomma un vero e proprio laboratorio di idee nato per consentire ai 2.300 studenti, provenienti da 70 paesi diversi, di aver accesso a tutti i comfort necessari per dar sfogo alla loro creatività. L'orario d'apertura sarà dalle 8:00 alle 20:00 e probabilmente un sabato al mese ci sarà un'apertura straordinaria.

I nuovi corsi

Questi spazi rinnovati permetteranno anche l'ingresso di nuovi corsi come ad esempio: Sustainable Fashion a cura di Lola Young e Digital Fashion a cura di Lisa Lang.

Il Polimoda

Il Polimoda, di cui è presidente Ferruccio Ferragamo, figura nelle più autorevoli classifiche riguardanti le scuole di moda. A Firenze rappresenta una delle realtà più multiculturali e internazionali, vanta numerosi partner e offre ai suoi studenti un percorso di apprendimento che va dai corsi di fashion design a quelli di art direction.

Il progetto della terza sede del Polimoda

La paternità del progetto architettonico dell’edificio Polimoda è di Concrete Architectural Associates, in collaborazione con Q-bic, lo studio d’architettura fiorentino fondato da Luca e Marco Baldini che ne ha curato l’esecuzione. Il progetto ha puntato sul recupero degli spazi puntando alla funzionalità e alla praticità. Sono stati rispettati i canoni estetici del complesso del '900 lasciando ben distinguibili le forme manufatturiere. 

La Manifattura Tabacchi nel 2023

L’apertura di Polimoda in Manifattura Tabacchi è il primo atto di un più ampio progetto di rigenerazione urbana che ha l’obiettivo di restituire alla città un’area strategica per dimensione e posizione, attraverso il recupero degli edifici industriali per un totale di circa 100.000 mq e la loro riconversione funzionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il completamento dei lavori è previsto entro il 2023, quando studenti e cittadini potranno passare il loro tempo in spazi comuni come co-working, co-living, atelier, laboratori, residenze, spazi espositivi e aree verdi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mick Jagger si trasferisce a Firenze

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Scosse di terremoto nel Fiorentino

  • Rissa all'Isolotto: resa dei conti in strada

  • Scappano dal ristorante al mare senza pagare: 5 giovani fiorentini rintracciati e riportati a saldare il conto

Torna su
FirenzeToday è in caricamento