rotate-mobile
Attualità

Gino Bartali sarà cittadino onorario dello Stato di Israele

Per il suo contributo a salvare centinaia di cittadini ebrei durante l'occupazione nazifascista

Gino Bartali, per tutti 'Ginettaccio', diventerà cittadino onorario di Israele. La nomina postuma all'ex campione di Ponte a Ema è stata annunciata ieri dal Yad Vashem, il museo della Shoà di Gerusalemme. La notizia è stata riportata dall'agenzia Ansa.

Bartali, morto a Firenze nel maggio del 2000, già dalla stessa istituzione era stato nominato 'Giusto tra le nazioni' nel 2013, per aver contribuito a salvare circa 800 cittadini ebrei durante l'occupazione nazifascista.

Con la scusa degli allenamenti, Bartali nascondeva nel telaio della bici, d'accordo con la Curia di Firenze, diretta dall'arcivescovo Elia Dalla Costa, documenti fondamentali per gli ebrei che, nascosti ad Assisi, cercavano di sfuggire alle persecuzioni nazifasciste. Documenti importantissimi per consentire l'espatrio e cercare così di salvarsi.

La cittadinanza onoraria sarà consegnata durante una cerimonia  allo Yad Vashem, il prossimo 2 maggio, due giorni prima della partenza del Giro d'Italia, che quest'anno partirà proprio dallo Stato d'Israele, dove si svolgeranno tre tappe (decisione che ha suscitato forti proteste, e un movimento di boicottaggio, da parte delle associazioni che si battono per i diritti del popolo palestinese). La prima tappa partirà il 4 maggio da Gerusalemme.

Secondo quanto riportato dall'Ansa, alla cerimonia dovrebbe partecipare anche un rappresentante della famiglia Bartali, oltre ad alcuni ciclisti che poi parteciperanno al Giro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gino Bartali sarà cittadino onorario dello Stato di Israele

FirenzeToday è in caricamento