La partita del cuore del Rugby Florentia: una doccia e un pasto caldo per i più bisognosi

La società sportiva da metà aprile ha aperto i suoi spogliatoi e la sua palestra per aiutare i senza fissa dimora

Volontari e giocatori nella palestra dell'Istituto Marco Polo

Il Rugby Florentia è tornato in campo, ma non per giocare. La meta della partita è aiutare i più bisognosi. Da metà aprile, infatti, hanno aperto i loro spogliatoi e palestra per offrire ristoro alle persone in condizioni di difficoltà economiche e sociali. 

Tre giorni a settimana, il lunedì, mercoledì e venerdì (i servizi erano garantiti anche ieri 1 maggio), circa 40 persone possono lavarsi, farsi la doccia, cambiarsi e prendere un pasto caldo. La società sportiva, in collaborazione con la Caritas, offre prodotti per l’igiene personale, asciugamani e biancheria intima per uomini e donne, e si occupa anche del lavaggio degli asciugami. Rugby Florentia ha messo anche a disposizione i propri pulimini e provvede alla sanificazione degli ambienti con i detersivi forniti dalla Caritas.

Giocatori, genitori di piccoli sportivi e volontari nei tre giorni di apertura forniscono assistenza a chi ne ha bisogno, rispettando le misure e le distanze di sicurezza. Oltre a questo, la società sportiva mette a disposizione i propri pulmini e provvede alla sanificazione degli ambienti con i prodotti forniti da Caritas.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Noi saremo a disposizione per aiutare chi ha bisogno fino a fine emergenza - afferma Giuseppe Moncada, responsabile di Rugby Florentia. Quando abbiamo capito che dovevamo fare qualcosa ci siamo proposti all'assessore Vannucci e a Dormentoni, presidente del Quartere 4. Era l'unico modo per metterci in gioco. Da sempre la nostra associazione cerca di dare una mano, ad esempio a inizio anno avevamo organizzato un torneo contro il bullismo. Se dopo questo periodo di necessità ci fosse ancora bisogno del nostro aiuto noi ci saremo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

  • Coronavirus: nuovo caso a scuola, classe in quarantena

  • Detenuto per tentato omicidio ferisce un agente e scappa dal tribunale ammanettato: è caccia all'uomo in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento