L'amore di Paolo: da cinque anni regala peluche a Cristina D'Avena

Lui e il suo compagno si sono conosciuti durante un concerto della regina delle sigle dei cartoni animati

Alcuni membri del fan club. Al centro, con la maglia nera, Paolo e Giovanni

Da cinque anni regala a Cristina D'Avena ricercati peluche, non semplici pupazzetti ma oggetti originali che Paolo cerca on line. "La prima volta che ho partecipato ad un concerto di Cristina avevo 8 anni, era il 1988, da quel momento non l'ho più lasciata" confessa Paolo a FirenzeToday.

Cinque anni fa ha conosciuto Giovanni, il suo attuale compagno, ad un concerto della regina dei cartoni animati e adesso scelgono insieme i peluche da donarle. "Non so di preciso quanti gliene abbiamo regalati, ma di sicuro più di 30". Anche durante il concerto all'Hard Rock Cafe Paolo aveva con sè un pupazzo che poi ha consegnato a Cristina che l'ha ringraziato esclamando "questo ragazzo ha riempito la mia casa di peluche, grazie".

"Io e Giovanni andiamo ad una media di 15 concerti all'anno di Cristina, la amiamo, un po' perché grazie a lei ci siamo conosciuti e un po' perché regala sempre tanta gioia e speranza. Partecipare ad un suo concerto è come ritrovare la vita".

Il fan club di Cristina, di cui fanno parte anche la coppia, conta tra le 6 e le 7mila persone "non posso dire che siamo tutti amici, ma ci conosciamo e condividiamo l'amore per la nostra regina, qui stasera siamo un bel po'".

Dopo il concerto, parlando con Cristina D'Avena, è emerso che il suo peluche preferito è un Doraemon gigante che tiene sul letto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Rinnovo della patente di guida: tutte le informazioni

  • Coronavirus: un nuovo Dpcm, dieci giorni per i regali e regole per lo shopping. Come sarà il Natale 2020

  • Coronavirus Toscana, 50.000 commercianti: "Sciopero fiscale, non paghiamo più le tasse"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento