Come sarà l'Estate Fiorentina 2020: più fondi e un progetto speciale

Grande attenzione sarà data alla Cavea del Maggio Musicale Fiorentino

1milione e 135mila euro (nel 2019 erano 1milione e 75mila euro), questi i fondi stanziati per l'edizione 2020 dell'Estate Fiorentina. 1 milione sarà destinato alle associazioni, imprese, cooperative etc.. che parteciperanno con i loro progetti alla realizzazione del cartellone di eventi che animerà Firenze per sei mesi: dal 1 maggio al 31 ottobre. La vera novità, a livello tecnico, è la divisione in due parti del bando: la prima, scaduta il 27 gennaio, era dedicata a 15 grandi festival, la seconda parte, che scadrà a fine febbraio, è dedicata agli eventi capillari che interesseranno il centro e le periferie della città.

"In 5 anni abbiamo aperto 17 spazi - commenta l'assessore Sacchi durante la conferenza stampa a Palazzo Vecchio - vogliamo continuare la nostra battaglia, per questo ogni anno sceglieremo un luogo da valorizzare, in occasione dell'Estate Fiorentina, per donargli nuova vita". Quest'anno è stata scelta la Cavea del Maggio Musicale Fiorentino. Risale all'anno scorso uno degli ultimi tentativi per cercare di far rivivere l'arena all'aperto del teatro dell'Opera.

La Cavea del Maggio Musicale

Saranno stanziati 134mila euro per il progetto affidato a Mus.E con la direzione artistica di Benedetto Ferrara. Alla Cavea dal 1 luglio al 10 agosto ci saranno circa 10 concerti, 4 (o 5) con artisti molto famosi e gli altri "sempre di qualità ma con un rimando mediatico leggermente inferiore" spiega Ferrara. "Siamo in trattativa e i nomi ancora non possono essere fatti, ma verso fine febbraio, inizio marzo, saranno date maggiori informazioni".

"Non sarà un festival - continua il direttore -, Firenze ne ha già molti e ben strutturati. Sarà uno spazio riqualificato con un bar che offrirà cibo e bere, si potranno fare aperitivi e il palco non sarà sfruttato solo da cantanti e band, ma la volontà è quella di portare cinema, spettacoli di teatro, stand up comedy e anche uno schermo per guardare gli Europei e le Olimpiadi, tenendo conto del sole, ovviamente".

Un bando ad hoc per il parco dell'Argingrosso

Sulla scia della riqualifica un bando speciale è stato pensato per il parco dell'Argingrosso. Negli scorsi anni il Comune aveva provato a metterlo a bando ma il luogo non era mai stato affidato. Per questo l'Amministrazione ha deciso di riproporlo per un'assegnazione della durata di 4 anni.

"E' stato fatto un grande lavoro sul Parco - spiega Mirko Dormentoni, presidente del Quartiere 4, presente alla conferenza -, ha un nuovo impianto d'illuminazione e di video sorveglianza, ci sono gli orti speciali e sta diventando un luogo frequentato dai cittadini. Ritengo che sia il momento adatto, per chi saprà gestirlo, per avviare un progetto nel parco". 

I magnifici 15

Il bando dell'Estate Fiorentina è stato diviso in due: il primo, scaduto il 27 gennaio, era pensato per 15 festival di diversa natura per un ammontare di 500mila euro. I contributi dati ad ogni progetto non potranno superare l’80% delle spese complessivamente sostenute per la realizzazione degli eventi. L'assegnazione avrà valenza triennale.

Questi magnifici 15, a cui è destinata la metà del budget dell'Estate, sono progetti a cui la città è già abituata, ad esempio si legge nel bando: "un festival di musica jazz nell'Oltrarno con artisti di fama internazionale" (100mila euro); "una rassegna cinematografica che preveda anche proiezioni di film in lingua originale nel piazzale degli Uffizi" (60mila euro); "un festival internazionale di circo contemporaneo, clownerie e laboratori per i più giovani, da realizzarsi nel Parco delle Cascine" (10mila euro). 

L'assessore Sacchi ha affermato che i vincitori del bando saranno annunciati il prima possibile. A meno che non ci siano sorprese i grandi eventi dell'Estate dovrebbero essere confermati (il cinema agli Uffizi, Musart di cui si ha già una data confermata con Paul Weller, il circo e il jazz festival...).

L'altra metà del bando

Altri 500mila euro sono destinati a progetti con fini artistici e culturali, il bando, pubblicato sul sito del Comune, scadrà il 27 febbraio 2020. Sacchi ha spiegato che sulla linea del percorso di riqualificazione intrapreso dal Comune verranno premiati quei progetti che riusciranno a includere alcuni "spazi specifici che hanno bisogno di essere vissuti" come ad esempio la Fortezza da Basso-Vasca dei Cigni, piazzetta dei Tre Re, parco dell’Anconella, piazzale Michelangelo etc.

Ecco i luoghi inseriti nel bando:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Nel Quartiere 1: Piazza del Carmine, Piazza Puccini, Piazza Bonsanti, Giardino di Porta Romana
  • Quartiere 2: Giardino di Villa Arrivabene-Piazza Alberti, Piazza delle Cure-area del mercato, piazzetta Bongo di via Rocca Tedalda, area verde del Parco Pettini Burresi in via Faentina, Piazza Savonarola, area verde di via Visconti Venosta
  • Quartiere 3: Piazza Bartali, Anfiteatro Ponte a Ema, Giardini di San Gaggio alle Due Strade, Giardino del Centro diurno Linar-Nave a Rovezzano, Piazza Istria a Sorgane, Centro incontri di via di Ripoli, “Albereta 2000”
  • Quartiere 4: Parco di Villa Vogel, Giardino di BiblioteCanova, Piazza Pier Vettori, Piazza della Crezia ad Ugnano, Giardino del Bindolo a Ponte a Greve (via Neri de Bicci-via Attavante), Giardino Montagnola (via Montorsoli), l’area aperta dell'ex Gasometro di via dell'Anconella; giardino di Pontignale (tra via del Pantano e via Stilicone)
  • Quartiere 5: Villa Pallini-via Baracca, Piazza 1° Maggio, Piazza Garibaldi, Giardino della Bizzarria, Piazza Morandi, Piazza Dalmazia, Piazza Giorgini, area di via Maddalena, Piazza Ugo di Toscana, Anfiteatro di via Nave di Brozzi, Anfiteatro del Giardino del Lippi, Giardino di via Allori, Piazza delle Medaglie d’Oro, via Magellano

I progetti non potranno ricevere più dell’80% delle spese complessivamente sostenute per la realizzazione degli eventi, fino ad un massimo di 15mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 14 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento