Danza in fiera 2020: tra le novità gli abiti riscaldanti pensati per chi balla | FOTO

L'abbigliamento di Jab Hdc è stato progettato e testato con l'Etoile Sabrina Brazzo e il Primo Ballerino Andrea Volpintesta. I due fuoriclasse saranno a Danza in Fiera domenica

A passi di danza alla Fortezza da Basso. Quattro giorni tra punte e body per il salone dedicato al ballo più grande d'Europa.​ Make it possible è lo slogan scelto per festeggiare il traguardo della quindicesima edizione. Un punto di arrivo (e di ripartenza) importante che sarà celebrato con un programma ancora più ricco e internazionale degli altri anni: tantissime audizioni e lezioni con le migliori scuole di danza.

Tra gli eventi di particolare rilievo ricordiamo la presenza inedita del Museo dell’Accademia Vaganova di San Pietroburgo con l’esposizione di alcune scarpette storiche. Il Museo è famoso per collezionare, tra i tanti cimeli, le scarpette di tutte le più importanti danzatrici del mondo. Le uniche a mancare all'appello sono quelle di Carla Fracci, ma ciò sarà vero solo fino a domenica 23 (alle 15:00) quando colmerà questo vuoto donando quelle da lei indossate in Eleonora Duse - Isadora Duncan, adieu et au revoir, balletto andato in scena con la regia di Beppe Menegatti al Teatro Mercadante di Napoli, per conto del Teatro di San Carlo, il 15 febbraio 1990. Ed anche, sabato 23, lo spettacolo con il Progetto Tango T21 (Trisomia 21), dedicato ai ragazzi con sindrome di down e normodotati, nato per promuovere l’integrazione e l’inclusione sociale in un’ottica di condivisione della passione per il tango e il ballo. Sul palcoscenico, in occasione del Gala, sarà anche ricostruita l’atmosfera della Milonga con tavoli, sedie, candele. I ragazzi del progetto Tango T21 balleranno, realizzando insieme con altri ballerini normodotati, una coreografia già presentata in televisione e in altri spettacoli dal vivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli abiti riscaldanti

Oltre alle lezioni, ai workshop e agli incontri il salone è l'occasione per gli operatori del settore di proporre nuove idee e prodotti. Dalla pavimentazione delle scuole alle scarpette, dai body agli accessori, a Danza in fiera è stata presentata la prima linea di abiti riscaldanti per ballerini. Nel 2019 (durante la scorsa edizione della Fiera) era solo un progetto, quest'anno Jab Hdc è una realtà concreta che vanta due grandi ballerini come sponsor e tester: l'Etoile Sabrina Brazzo (prima ballerina della Scala) e il Primo Ballerino Andrea Volpintesta.

Magliette, pantaloni, gilet, calze e copriscarpe sono stati pensati per le esigenze professionali dei ballerini, ma sono adatti a tutti: sportivi e non. Tramite delle batterie ricaricabili (da 7.4 volt) - che riscaldano delle piastre - agiscono sulla muscolatura pre-post e durante l'allenamento o esibizione. Riscaldando i muscoli del petto; i muscoli ai lati della colonna vertebrale, dalla parte cervicale alla parte sacrale; i muscoli quadricipiti e flessori dei cosce e polpacci, mentre le calze ed i copriscarpe tengono al caldo piedi e caviglie.

Le batterie sono state posizionate in punti in cui non creano fastidio ai movimenti. Gli abiti si accendono tramite un pulsante che assume diverse colorazioni in base al calore (il rosso è quello più caldo e continuo).

La linea d'abbigliamento è composta da: maglietta e pantalone in cotone, giacca e pantalone della tuta, gilet, calze e copriscarpe. Il prezzo va dai 90 euro di calze e copriscarpe ai 150 euro della giacca della tuta.

danza-fiera-88

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Einaudi Institute: "La Toscana arriverà per ultima a quota zero contagi"

  • Fare la spesa in Toscana al tempo del Covid-19: ecco cosa cambia

  • Bambini mezz'ora a spasso, Prato contro Firenze: "Allucinante, vi siete accorti che c'è una pandemia?"

  • Coronavirus: fase acuta dell'emergenza, i casi nel Fiorentino 

  • Coronavirus, maxi-multa all'automobilista romantico: "Sto andando dalla mia fidanzata, mi manca"

  • Effetto Coronavirus, Comune di Firenze a rischio default: "resta liquidità per tre mesi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento