menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Natale 2020, zona rossa e arancione: cosa si potrà fare e cosa no. Il calendario dei divieti e delle deroghe per parenti e amici

Le regole in vigore dal 24 dicembre al 6 gennaio: quando scattano le restrizioni, con chi si può trascorrere Natale e Capodanno e quali sono le raccomandazioni per Cenone e Veglione

Il decreto legge 18 dicembre 2020 n. 172 del governo Conte pubblicato in Gazzetta Ufficiale dopo la firma del presidente della Repubblica Sergio Mattarella chiude l'Italia in zona rossa e arancione.

La zona rossa, scrive Today, viene proclamata sull'intero territorio nazionale dal 24 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, tranne che nei giorni 28, 29 e 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021, quando sarà in vigore la zona arancione.

Vediamo il calendario delle regole e dei divieti nelle festività.

Zona rossa e arancione a Natale 2020: il calendario delle regole e dei divieti

In primo luogo ricordiamo che il ministero della Sanità ha lasciato scadere le ordinanze che ponevano in zona arancione la Campania (dove però Vincenzo De Luca ha annunciato un'ordinanza per vietare gli spostamenti), la Toscana, la Valle d'Aosta e la provincia di Bolzano, lasciando soltanto l'Abruzzo in zona arancione.

Quindi da ieri, sabato 19 dicembre, queste regioni e quel territorio sono tornate in zona gialla. E ricordiamo anche che il decreto legge 18 dicembre non cambia le regole disposte dal governo sul divieto di spostamento tra regioni con il decreto legge 2 dicembre n. 158 e con il Dpcm 3 dicembre, che entra in vigore il 21 dicembre (ma permette in qualunque momento il rientro nella propria residenza, nel proprio domicilio o nella propria abitazione). In base a quanto detto sopra ecco il calendario della zona gialla, della zona arancione e della zona rossa:

  •     Oggi, 20 dicembre, rimane l'ultimo giorno a disposizione per chi vuole spostarsi liberamente fuori regione; è in vigore la zona gialla: sono aperti tutti i negozi compresi i bar e i ristoranti, ma questi ultimi chiudono alle 18;
  •     nei giorni 21, 22 e 23 dicembre entra in vigore il divieto di spostamento del decreto legge 2 dicembre: non ci si potrà spostare fuori dalla propria regione se non per motivi di lavoro, salute o necessità e urgenza (tra queste ultime ragioni rientra anche l'assistenza a un parente non autosufficiente); si potrà comunque far rientro al proprio domicilio, nella residenza o nell'abitazione principale; il coprifuoco è proclamato dalle 22 alle 5; sono aperti tutti i negozi fino alle 22 tranne bar e ristoranti che chiudono alle 18;
  •     nei giorni 24, 25, 26 e 27 dicembre entra in vigore la zona rossa decisa dal Dl 18 dicembre: ristoranti, bar e negozi sono chiusi tutto il giorno tranne gli alimentari, le farmacie, le parafarmacie, i tabaccai e quelli di generi di prima necessità; non si potrà uscire di casa se non per ragioni di necessità e urgenza ma sarà consentita per una volta al giorno l'uscita di due persone per fare visita a parenti o amici (ma si dovrà tornare a casa entro le 22); non rientrano nel limite di due persone i minori di 14 anni e chi vive in comuni con meno di 5mila abitanti potrà spostarsi entro un raggio di trenta chilometri; questi spostamenti vanno autocertificati, come ha specificato ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi;
  •     nei giorni 28, 29 e 30 dicembre entra in vigore la zona arancione: i negozi sono tutti aperti tranne bar e ristoranti così come gelaterie, pasticcerie, pub e pizzerie al taglio. Si può uscire di casa ma non dal proprio comune, a meno che questo non abbia meno di 5mila abitanti: in quel caso è possibile superare i confini ma non oltre i 30 chilometri di distanza;  
  •     nei giorni 31 dicembre e 1, 2 e 3 gennaio torna in vigore la zona rossa;
  •     il 4 gennaio torna in vigore la zona arancione e questo sarà l'unico giorno disponibile per fare shopping e uscire di casa ma non dal comune (tranne quelli al di sotto dei 5mila abitanti in un raggio di 30 chilometri);
  •     il 5 e il 6 gennaio torna in vigore la zona rossa e valgono le limitazioni di cui abbiamo parlato sopra.

Il 7 gennaio è la data in cui si dovrebbe tornare al regime di zona gialla, in vigore fino al 15 gennaio, che varrà finalmente per tutta l'Italia compreso l'Abruzzo che dovrebbe essere uscito dalla zona arancione.

Per quel giorno è anche in programma la riapertura delle scuole per il 75% del totale degli alunni (un quarto dovrà comunque continuare a fare lezione a distanza). Ci si potrà muovere anche fuori Regione, pur se fino al 15 con il coprifuoco alle 22.

Cosa si potrà fare e non fare dal 24 dicembre al 6 gennaio

Ecco poi un prontuario delle regole, dei permessi e dei divieti nella zona rossa e arancione in vigore dal 24 dicembre al 6 gennaio.

Ricordiamo prima di tutto che il coprifuoco resta dalle 22 alle 5 così come il divieto di assembramento e l’obbligo di mascherina al chiuso e all’aperto. Si potrà fare attività sportiva all’aperto.

Per chi va all’estero tra il 21 dicembre e il 15 gennaio c’è l’obbligo, al rientro in Italia,di rimanere in quarantena per 14 giorni. Tutti gli spostamenti nei giornirossi e arancioni dovranno essere giustificati con il modulo di autocertificazione.

Andare nelle seconde case in regione sarà possibile sempre durante l'intero periodo delle feste, cioè dal 21 dicembre al 6 gennaio.

Nella zona rossa:

  •     gli spostamenti sono consentiti solo per ragioni lavoro, salute, necessità e tra questi rientra l’assistenza ad una persona non autosufficiente; si potrà rientrare nella propria residenza, nel domicilio o nell’abitazione in cui ci si ritrova abitualmente con il partner e anche nelle seconde case (si veda edit alla fine dell'articolo); si potrà andare a fare la spesa e a messa oltre che in farmacia e dal tabaccaio;
  •     ci si potrà recare a casa di altre persone (in due, ma nel totale non sono contati gli under 14) con spostamenti all'interno del proprio comune;
  •     Bar e ristoranti chiudono dalla vigilia di Natale per riaprire il 7 gennaio; è consentito solo il servizio a domicilio o l’asporto entro le 22. Restano aperti gli autogrill lungo le autostrade e i bar in stazioni e aeroporti;
  •     I negozi aperti sono: supermercati, alimentari, parrucchieri, barbieri, tabaccai,  farmacie, parafarmacie, librerie, edicole, fiorari, negozi di giocattoli e abbigliamento sportivo, tabacchi e ferramenta, lavanderie e negozi per animali;

Nelle zona arancione:

  •     ci si può muovere all'interno del proprio comune e tutti i negozi, tranne bar e ristoranti, sono aperti;
  •     potranno aprire gli esercizi commerciali di qualsiasi tipo, con orari continuati e allungati fino alle 21 per evitare che, soprattutto nei primi giorni della prossima settimana, si creino assembramenti;

Covid: Toscana gialla, poi rossa/arancione

Il Corriere della Sera pubblica oggi anche una serie di domande e risposte su Natale e Cenone:

    Con chi si può trascorrere il Natale?
    Nelle abitazioni private non è possibile imporre divieti. La raccomandazione è di trascorrere Natale con le persone conviventi.

    Si possono invitare parenti?
    La raccomandazione è di ricevere soltanto due persone al di fuori del nucleo familiare.

    E gli amici?
    Sì, le due persone possono anche essere due amici.

    Le due persone possono essere invitate con i figli?
    I minori di 14 anni non vengono conteggiati e quindi possono aggiungersi, i ragazzi più grandi invece si computano.

Covid, Giani: "Zona gialla domenica"

Per quanto riguarda le feste in casa, la raccomandazione degli scienziati è di usare la mascherina quando non si sta a tavola e di rispettare il distanziamento sia mentre si mangia, sia quando non si sta a tavola.

Gli esperti ricordano che è sempre raccomandato lavarsi le mani e utilizzare il disinfettante. Attenzione a posate, piatti e bicchieri, che non devono essere scambiati.

131824000_3414248528701630_8059470851667211945_n-2

Lo schema fornito dall'ANCI

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento