Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Prostituzione, Novoli quartiere a luci rosse: strade piene di lucciole / VIDEO

Il triangolo tra Viale Guidoni, Via Forlanini e Via Baracca si ripopola di donne sui marciapiedi

 

Le lancette hanno appena passato la undici quando i marciapiedi della zona di Novoli diventano caldi. Quasi bollenti sebbene in cielo non splenda il sole della giornate estive. Un'iperattiva e un'operosità dilaganti con auto che fanno su è giù nei controviali sui cui si mercanteggia. I conducenti chiedono tariffe, prestazioni e qualcuno solo un po' di compagnia. In un passaggio rapido di un giorno feriale si contano almeno una trentina di lucciole nel triangolo Guidoni-Forlanini-Baracca. 

Movimenti e tacchi attraccati al marciapiede che fanno pensare. Una riflessione condivisa già un paio di anni or sono anche dall'amministrazione comunale che decise di applicare un provvedimento piuttosto severo andando a "colpire" i clienti. Si rischiava fino a 500 euro di multa per chi veniva beccato a contrattare con una signora del marciapiede. L'ordinanza antiprostituzione, che puntava a intaccare lo sfruttamento, si concluse nel Marzo 2018 con almeno 27 clienti denunciati. Nel luglio dello stesso anno il sindaco Dario Nardella, ancora nel suo primo mandato, precisò come l'attenzione sul fenomeno fosse alta grazie a un monitoraggio costante. 

Ormai però è trascorso più di un anno e, nel frattempo, le strade della periferia fiorentina sono di nuovo affollate. Il mercato del sesso non sembra essersi ridotto, anzi. Tante ragazze, gran parte delle quali giovani straniere, battono il marciapiede per ore mercificando se stesse con prestazioni pagate tra i 20 e i 50 euro.

"Monitoriamo costantemente la situazione anche grazie alla polizia municipale - ha spiegato nei giorni scorsi l'assessore comunale alla sicurezza Andrea Vannucci -. L'ultima ordinanza ha prodotto buoni risultati, se dovessero verificarsi nuovamente le condizioni che abbiamo verificato in passato l'ordinanza potrebbe essere riproposta"."Affinché possa essere riproposto un tale provvedimento infatti devono verificarsi le condizioni di contrasto ad un fenomeno contingibile e urgente".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento