Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Funerale di Narciso Parigi: ultimo saluto al padre del labaro viola / VIDEO - FOTO

"Il tuo inno verrà tramandato per generazioni, il tuo ricordo sarà vivo per sempre"

 

Ultimo saluto nel pomeriggio a Narciso Parigi, il padre dell'Inno della Viola. Fuori dalla chiesa di Santissima Annunziata uno striscione: "Il tuo inno verrà tramandato per generazioni, il tuo ricordo sarà vivo per sempre. Ciao Narciso". Un abbraccio caldo e contenuto in chiesa per il 92enne che si è spento nel weekend all'interno della sua casa. Presenti autorità cittadine, vertici della Fiorentina e il regista Leonardo Pieraccioni.  

LA STORIA
Esponente di spicco della scuola degli stornellatori toscani, a cavallo degli anni quaranta e cinquanta, è stato uno degli interpreti più amati dal pubblico radiofonico e da quello fiorentino. Ha debuttato a Radio Firenze con la quale ha collaborato dal 1945 al 1965 affermandosi come "cantante della radio" con le varie orchestre RAI e in particolare con la formazione di Francesco Ferrari. Il suo repertorio, inizialmente impostato su tipici stornelli, si è aperto progressivamente al genere classico melodico. Nel 1955 ha partecipato al Festival di Sanremo in coppia con Claudio Villa presentando il brano “Incantatella”, destinato a diventare un successo internazionale. Nel 1957 è stato tra i protagonisti di “Voci e volti della fortuna”, il programma radiotelevisivo precursore di “Canzonissima” .

Numerosi i premi ricevuti per una carriera che lo ha impegnato a lungo anche negli Stati Uniti. Il 25 marzo 2012 gli è stato conferito il Premio delle Arti “Fiorentini nel Mondo” . Oltre ad aver dato un decisivo contributo alla canzone italiana con “Angelina”, “Prigioniero d'un sogno”, “Tango del mare” e “Io t'ho incontrata a Napoli”, “Terra straniera”, è stato un punto di riferimento per il repertorio fiorentino e un simbolo del capoluogo toscano.

INNO DELLA FIORENTINA 
Il suo nome è indissolubilmente legato all’inno della Fiorentina (“Garrisca al vento il labaro viola…”), che accompagna l’ingresso delle squadre in campo allo stadio Franchi e festeggia le vittorie casalinghe dei Viola.
Si chiama appunto “Canzone Viola” ed è stata incisa nel 1959, sebbene conosciuta ormai dal popolo calcistico gigliato come “O Fiorentina”, reinterpretata negli anni '60 da Parigi nella versione che oggi tutti i tifosi viola conoscono. Nel 2002 lo stesso Parigi ha regalato al Collettivo Viola i diritti della canzone. Nel 2017, per i 90 anni, il sindaco Dario Nardella gli aveva conferito il Fiorino d'oro.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento