Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Vinci: studentessa muore in discoteca, caccia al pusher / VIDEO

Sigilli alla discoteca di Sovigliana

 

Sarà l'autopsia disposta dal magistrato della Procura di Firenze Fabio Di Vizio a chiarire le cause della morte di Erika Lucchesi, la studentessa livornese di 19 anni deceduta alle 4,15 del mattino di domenica 20 ottobre nella discoteca Jaiss di Sovigliana di Vinci in seguito a un malore. Gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi, compresa l'assunzione di un mix alcol e droga che potrebbe essere risultato fatale. E, in attesa degli accertamenti sul corpo della ragazza, i carabinieri hanno disposto il sequestro preventivo del locale di vai Togliatti. Già avviate le ricerche del pusher che potrebbe aver ceduto la droga alla ragazza. Una misura dovuta, quella dei sigilli, almeno fino a quando non saranno chiariti i contorni della vicenda. Le indagini, infatti, stabiliranno anche eventuali irregolarità all'interno di un locale che, in passato, era più volte stato al centro delle cronache.

Sigilli alla discoteca simbolo della techno negli anni Novanta 17626651_864498373690034_3589266234482212169_n-2

Dopo quasi un ventennio di attività infatti, il Jaiss era stato chiuso nel 2004 e da allora soltanto un paio di serate evento ne avevano ricordato i fasti degli anni Novanta. Quelli in cui il locale venivano associato allo sballo, oltre che alla musica techno.

L'ultima chiusura dell'allora Mind Club risale allo scorso anno, quando nella notte di Halloween fu trovata droga all'interno della discoteca pronta per essere spacciata, per quanto nel dispositivo dei carabinieri si parlerebbe anche di episodi violenza e rischi per la sicurezza pubblica dovuti a un elevato numero di persone presenti oltre la normale capienza.

Domenica scorsa la riapertura con importanti dj del panorama nazionale: una festa che si è invece trasformata in tragedia.

Le immagini nella notte della tragedia

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento