Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giuramento degli allievi marescialli: 5mila alla prima nella nuova scuola / VIDEO

 

Stamani si è tenuto sotto la pioggia la cerimonia di giuramento per 555 allievi marescialli nella caserma Felice Maritano . Circa 5mila le persone che hanno assistito alle celebrazioni nella sede della scuola marescialli e brigadieri dei carabinieri di Castello. Tra le autorità civili e militari presenti, il comandante generale dell'Arma dei carabinieri, generale Tullio Del Sette, e il ministro per lo Sport Luca Lotti. Tra gli ospiti anche il maresciallo dei carabinieri Giuseppe Giangrande, rimasto gravemente feritonel 2013 nella sparatoria davanti a Palazzo Chigi.
Questa è la prima volta che la cerimonia  si tiene qui da quando l'addestramento dei frequentatori dei tre corsi triennali per marescialli è stato accentrato nella nuova sede fiorentina. 
Gli allievi marescialli del 6° corso triennale, intitolato alla Medaglia d’oro al valor militare alla memoria “Franco Pepicelli”, hanno ricevuto gli alamari, prestigioso elemento distintivo dell’appartenenza all’Arma dei carabinieri. 
Nel corso dell'evento sono stati intitolati gli spazi esterni e le aule della scuola a 79 militari dell'Arma decorati delle massime onorificenze "alla memoria", nonché celebrata la giornata delle medaglie d’oro al valor militare.
Nella circostanza sono stati anche organizzati, in occasione rispettivamente del ventennale e del quarantennale, i raduni del 1° corso biennale allievi marescialli (1996-1998) e del 29° corso biennale allievi sottufficiali (1976-1978), quale ideale momento di passaggio di consegne tra generazioni. 
"Siamo a quota 555 allievi marescialli - ha detto il generale Tullio Del Sette nel suo discorso - grazie allo sblocco del turnover. Il prossimo anno dovremmo raggiungere quota 700". Il generale ha anche ricordato che degli spazi della struttura, ancora non terminati, verranno poi aperti alla città.  Spazi, ha poi precisato il ministro Lotti nel suo intervento, che "a breve verranno aperti ai cittadini".  E poi rivolto ai militari: "Avete deciso dimettervi al servizio della bandiera più bella del mondo. La vostra è una missione di vita".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento