Via Tornabuoni, nel 'salotto buono' della città cori e proteste dei tifosi contro i Della Valle / VIDEO

Centinaia di persone in pieno centro per chiedere alla proprietà di vendere e andarsene

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Protesta sabato pomeriggio in pieno centro, in via Tornabuoni, di fronte ad un negozio di un noto marchio legato alla famiglia dei Della Valle, da parte dei tifosi della Fiorentina contro la proprietà.

Cori contro la proprietà e inviti espliciti ai due fratelle Diego ed Andrea di andarsene e vendere la societa. "Dirigenti peggiori di questi non ne ho mai visti", dice un anziano tifoso. E un altro, molto più giovane: "Da anni i Della Valle promettono e creano false speranze, siamo stanchi. La protesta proseguirà fino a quando non andranno via, non si sono mai comportati correttamente con Firenze e i fiorentini".

"Diciassette anni solo di disgrazie", dice ancora un altro supporter viola, con in mano il cartello 'Della Valle vattene'. "Tengo alla mia città e alla mia squadra. E' vero che (i Della Valle, ndr) non spendono e non fanno una squadra decente, però è giusto che rimangano perché finora nessuno si è fatto avanti per comprare", focalizza la realtà un altro tifoso.

E' solo l'ultima protesta dei tifosi contro la società. Ormai i rapporti tra tifoseria e Della Valle sembrano davvero compromessi. E ieri Diego Della Valle ha risposto alle critiche con un duro sfogo: "Svegliatevi, usate il cervello. Abbiamo speso centinaia di milioni", ha detto, attaccando gli "avvoltoi che vogliono solo il caos e la distruzione della società".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    Maggio con la neve: imbiancati i passi intorno a Firenze / VIDEO

  • Cronaca

    Cinghiali a Careggi: il video

  • Video

    Milano, spettacolo al concerto: i Metallica suonano i Litfiba / VIDEO

  • Video

    Mille Miglia, lo spettacolo della 'corsa' in pieno centro / VIDEO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento