Montella: "Con l'Udinese gara insidiosa. Ci vorranno pazienza, testa e determinazione"

Il tecnico dei viola è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Fiorentina-Udinese, in programma domani alle 12:30

Vincenzo Montella

Battute Sampdoria e Milan, la Fiorentina ha interrotto il suo digiuno di vittorie in campionato, portandosi a quota 8 punti. I gigliati sembrano aver trovato la fiducia e la determinazione che erano mancate nelle prime giornate del torneo e può guardare con grande ottimismo alla sfida contro l'Udinese in programma domenica alle 12:30 al Franchi.

La gara con i friuliani è stata anticipata dalla conferenza stampa della vigilia di Vincenzo Montella. Il tecnico viola in principio ha parlato dei pericoli che nasconde il lunch match di domani: "È una partita che presenta delle insidie. L’Udinese è una squadra in grado di difendersi e sa essere anche pericolosa in contropiede. Attaccano con molti giocatoriì. Ci vorranno calma, pazienza, testa e determinazione. Sarà una partita difficile".

Un ulteriore ostacolo, specie in una formazione così giovane, potrebbe essere l'appagamento derivante dai due successi consecutivi, specialmente il secondo di particolare prestigio a San Siro. Montella però allontana questa eventualità: "Dovremo mettere in campo la stessa determinazione che abbiamo avuto in questa fase iniziale di campionato. La partita di domani ci dimostrerà se possiamo andare più veloci".

Anche a Milano Franck Ribéry è stato uno dei migliori in campo tra i viola e sta continuando a stupire, soprattutto coloro che lo ritenevano un calciatore sul viale del tramonto. Il francese è stato il miglior giocatore di settembre: "Ci auguriamo possa diventare calciatore dell’anno, non solo di settembre - sorride sornione Montella -. È una bella sfida. Non mi aspettavo giocasse con così tanta frequenza. Anche chi gioca meno, però, può fare la differenza in qualsiasi momento. Metto cura nei particolari, è fondamentale la gestione di chi gioca meno".

Tra coloro che ancora non hanno minutaggio in prima squadra c'è il brasiliano Pedro, vittima di un infortunio a inizio campionato che ne ha ritardato l'esoridio in viola. Sulle sue condizioni l'Aeroplanino spiega: "Sta meglio, è ancora un po’ indietro dal punto di vista dell'intensità ma è molto disponibile e ha grandi potenzialità tecniche. Ci auguriamo di portarlo al top nel minor tempo possibile. Lunedì partirà con la nazionale. Lo stiamo gestendo in maniera personalizzata per evitare che si possa far male".

Montella non si è voluto sbilanciare sulle informazioni relative allo stato di salute della squadra e delle intenzioni di formazione: "Abbiamo un difensore con qualche acciacco, dopo l'allenamento di oggi valuteremo. Per quanto riguarda la formazione non ho particolari dubbi. Abbiamo provato alcune soluzioni, alcune ipotizzabili con molta facilità ma non mi piace dare anticipazioni quando c’è ancora un allenamento da svolgere. La sosta nel migior momento? Era programmata, se sarà positiva lo capiremo dopo il risultato di domani. Siamo ancora alla ricerca degli automatismi, la squadra deve ancora migliorare. A Milano anche con un uomo in più abbiamo fatto un po’ di fatica".

Infine il tecnico ha parlato della mancata convocazione in nazionale di Castrovilli: "Era una possibilità ma il ragazzo non ci è rimasto male. Mancini sa quello che deve fare, sono convinto che lo chiamerà. Ci può stare".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Via de'Pucci: chiuso lo Shot Cafè

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Crac Costruzioni Margheri: sette condanne per bancarotta

  • Carceri: sesso per i detenuti, chiesto intervento della Regione  

  • San Jacopino: allarme bomba / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento