Iachini: "Ripresa con tante incognite ma vogliamo concludere al meglio la stagione"

Il tecnico viola ha parlato alla vigilia della sfida con il Brescia che segnerà la ripresa del campionato per la Fiorentina dopo il lungo stop dovuto all'emergenza coronavirus

Giuseppe Iachini (it.violachannel.com)

A distanza di oltre tre mesi dallo 0-0 della Dacia Arena contro l'Udinese, ultimo impegno ufficiale prima del lungo stop imposto dall'emergenza coronavirus, la Fiorentina si prepara a riprendere il proprio campionato, al Franchi contro il Brescia.

Della sfida con le rondinelle ha parlato Beppe Iachini, tecnico dei gigliati che ha rilasciato alcune dichiarazioni al sito ufficiale del club, partendo dalle condizioni di forma dei suoi giocatori: "La squadra si è allenata bene però affrontiamo una ripresa dopo 3 mesi dallo stop del campionato. Punti interrogativi ed eventuali letture li affronteremo dopo la gara per poter capire a che punto siamo. Non abbiamo potuto fare amichevoli per verificare il lavoro fatto in allenamento. I ragazzi hanno dato disponibilità, si stanno allenando bene, vogliamo affrontare queste ultime partite nella maniera giusta cercando di dare continuità ai risultati e alla crescita della squadra".

Per recuperare il tempo perso, la Serie A si sottoporrà ad un autentico tour de force, con gare ogni tre giorni per un totale di 12 sfide di fila: "È una situazione mai capitata: star fermi tutto questo tempo, in casa, senza poter fare grandi attività sportive. Ricominciare a livello professionistico determina incognite con 3 partite a settimana, temperatura alta e umidità incideranno sulla partita e sull'intensità. Ci auguriamo di riuscire a gestire le situazioni individuali per evitare infortuni. Vedremo strada facendo cosa riusciremo a fare, certamente vogliamo coniugare i risultati".

Di fronte ci sarà il Brescia, ultimo in classifica e sempre più vicino allo spettro retrocessione ma non per questo i viola dovranno abbassare la guardia: "Ho detto ai ragazzi che è una sfida da affrontare con grande concentrazione. Il Brescia ha valori, qualità e organizzazione e ha messo in difficoltà tante squadre pur non riuscendo a raccogliere risultati. Tutto questo tempo di inattività può ribaltare i valori come ha dimostrato anche la Coppa Italia con la vittoria di un Napoli che prima della sosta aveva qualche problema. Questo la dice lunga sull'attenzione che dovremo mettere nella partita"

Il finale di stagione richiederà il coinvolgimento di tutta la rosa e di soluzioni tattiche diverse visti i tanti impegni ravvicinati, tra energie da dosare e infortuni da evitare: "Abbiamo preparato delle situazioni compatibilmente con le caratteristiche dei nostri ragazzi. Valutiamo chi sta meglio, dobbiamo essere pronti a fare più cose, giocando ogni tre giorni ci sarà bisogno di tutti. Tra diffide, infortuni, bisognerà studiare di volta in volta il modo per non stressare i calciatori. In 35 giorni dobbiamo fare 12 partite che normalmente si svolgono in 3 mesi, la cura del dettaglio sarà fondamentale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine un pensiero rivolto ai tifosi e al presidente Commisso: "Un'altra incognita sarà legata al fatto di non avere il nostro pubblico, il nostro dodicesimo uomo. Come dico sempre, il calcio è dei tifosi, ci mancheranno molto. Ci vorrà ancora più attenzione rispetto al normale per essere ancora più dentro la partita. Dovremo essere bravi a richiamare tutte le nostre energie fisiche e mentali. Non ci sarà neanche il presidente ma lui ci è sempre vicino nonostante la lontananza, c'è un ottimo rapporto con lui e tutti gli altri dirigenti. Speriamo in queste 12 partite di poterci ritagliare altre soddisfazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento