Udinese-Fiorentina, Iachini: "Gare a porte chiuse diverse dalle altre, ci vorrà più attenzione"

Il tecnico dei viola ha parlato alla vigilia della sfida con i friulani in programma alla Dacia Arena sabato pomeriggio alle 18:00, match che si giocherà a porte chiuse per l'allerta coronavirus

Beppe Iachini

La Fiorentina si prepara alla trasferta sul campo dell'Udinese di sabato pomeriggio alle 18:00, una sfida particolare poiché verrà disputata a porte chiuse su disposizione della Lega Serie A in ottemperanza alle norme di prevenzione per la diffusione del Coronavirus.

Di questo e altro ha parlato Beppe Iachini nella conferenza stampa della vigilia di una gara molto particolare: “Porte chiuse? È una situazione che ho già vissuto sia da giocatore sia da allenatore. È tutta la settimana che ne parlo con i ragazzi. Sarà sicuramente una partita diversa dove mancheranno tutte quelle situazioni ambientali che fanno parte del clima della partita. Anche per questo dovremo essere ancora più concentrati. Solo con l’attenzione il e lavoro riusciremo a uscire bene da questa partita, che sembra quasi un allenamento. In una situazione di precauzione generale, è giusto che venga tutelata prima la salute di tutti”.

Ancora presto per il tridente

Al tecnico viola è stato chiesto anche del possibile impiego del tridente in attacco: “In tante occasioni abbiamo cambiato schieramento, ma tutto passa dalla condizione di tutti gli effettivi. Chiesa ha recuperato e sta bene, ma ci stiamo concentrando sul pieno recupero di altri giocatori come Castrovilli e Duncan. Nel calcio vanno valutati tanti aspetti, basti vedere la Juve, l’Inter o la Lazio, che hanno tanti talenti, eppure Sarri, Conte e Inzaghi non li fanno giocare tutti insieme”.

Con l'Udinese sfida complessa

A proposito dell’Udinese, avversaria di domani, Iachini ha dichiarato: “Ci aspetta una gara molto difficile, con una squadra che si conosce bene allenata da un tecnico che sta facendo un ottimo lavoro. Sono molto bravi nell’attaccare gli spazi e difficili da bucare dietro. Sarà una sfida complessa tatticamente che richiederà il giusto approccio in entrambe le fasi. L’Udinese crossa tanto, ha questa caratteristica, li abbiamo studiati. Dovremo giocare più alti e farli crossare meno, dovremo aggredire alti e alzare la linea del centrocampo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti a disposizione tranne Ribéry

L’allenatore viola ha poi fatto il punto sulle condizioni della squadra: “Stiamo crescendo, facendo il nostro bel percorso e in tanti stanno migliorando. Guardiamo avanti con fiducia, stiamo diventando una squadra e cresceremo ancora. Per domani sono tutti disponibili, stanno bene. Ribéry? Purtroppo non l’ho mai visto in campo. Nella mia idea lo vedo chiaramente da esterno, con lui potrei cambiare molto in attacco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Conte firma il nuovo decreto: l'elenco delle attività aperte

  • Coronavirus: dipendente Esselunga risultato positivo al Covid-19

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: il quartiere è deserto e una famiglia di anatre arriva fino alla farmacia

  • Coronavirus: la foto in fila al supermercato diventa un simbolo 

  • Coronavirus: sì all'uso dei droni per monitorare gli spostamenti dei cittadini

Torna su
FirenzeToday è in caricamento