Fiorentina, Pedro prende la 9: "So quanto è importante questa maglia. Voglio fare grandi cose"

Il giovane brasiliano, arrivato negli ultimi giorni di calciomercato dopo una lunga trattativa è stato presentato ufficialmente alla stampa

Pedro

La Fiorentina ha presentato ufficialmente Pedro, uno dei volti nuovi arrivati durante gli ultimi giorni del calciomercato estivo.

Considerato uno dei prospetti più interessanti tra gli attaccanti della sua età, il brasiliano è stato acquistato dal Fluminense. Prima di approdare in Italia era stato vicino al Real Madrid che però aveva rinunciato a tesserarlo a causa di un brutto infortunio al ginocchio patito un anno fa.

Dopo aver ringraziato la proprietà e tutti coloro i quali hanno contribuito alla buona riuscita della trattativa, Pedro ha dichiarato: “Sono contento di essere in un grande club come la Fiorentina. Non so se giocherò con la Juve. Mi sento bene, sarà l’allenatore a decidere se farmi giocare o no. Ho avuto un piccolo infortunio alla coscia ma mi sento pronto per giocare”.

A chi gli chiede a quale calciatore s’ispiri, il classe 1997 risponde senza paura dei paragoni: “Il mio punto di riferimento è Ibrahimovic, un giocatore di grande tecnica”. Sui motivi che lo hanno spinto ad accettare la Fiorentina, invece, racconta: “Quando mi hanno detto della Fiorentina ero soddisfatto. Qui hanno giocato grandi giocatori come Dunga ed Edmundo. La società sta costruendo una grande squadra. Spero di giocare una grande stagione”.

Pedro ha scelto il numero 9, una maglia che a Firenze non ha un significato qualunque: “So quanto è importante quella maglia a Firenze, so che l’ha indossata Batistuta. Voglio fare grandi cose. Seguivo la Serie A già quando ero in Brasile. Sto conoscendo i miei compagni, mi hanno accolto bene, così come la dirigenza”.

Al brasiliano non interessano i paragoni con altri attaccanti: “Li lascio fare ai giornalisti, penso a fare il mio. Sono un attaccante che vive per il gol. Al tempo stesso mi piace aprire spazi per i compagni, faccio tanto movimento”. Ogni volta che fa goal festeggia il 22enne verdeoro è solito festeggiare con un inchino: “Sarebbe bellissimo fare il primo già sabato contro la Juventus, ma prima viene il gruppo. Ciò che è più importante ottenere un risultato positivo”.

Il nuovo attaccante viola è tornato anche sulle sliding doors che potevano portarlo a vestire una maglia prestigiosa come quella del Real Madrid: “In passato ci sono state trattative con il Real ma ero infortunato. Sono contento di essere alla Fiorentina, quella vicenda fa parte del passato. Spero di centrare grandi obiettivi con questo club. Mi sono fatto male quando stavo giocando bene nel Fluminense. Per fortuna quel momento è alle spalle, anche psicologicamente. Ora sto bene, di recente ho giocato senza problemi”.

A Firenze avrà compagni di spessore mondiale come Ribéry: “Sarà bellissimo giocare con lui. È un sogno che si realizza, lo sceglievo ai videogames quando ero piccolo. Ma tutta la Fiorentina è una grande squadra. Sarà bello giocare col resto dei compagni”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo morto nella sua auto: è il genero di Roberto Cavalli

  • Tramvia sovraffollata, la Cgil: “Situazione insostenibile"

  • Via Palazzuolo: completamente nuda semina il panico in strada

  • Aeroporto di Peretola: nuovi voli da Firenze grazie a Vueling

  • Un nuovo spazio verde a Firenze: ecco dove

  • Droga a Greve in Chianti: beccati con 16 spinelli, denuciata coppia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento