Fiorentina, Castrovilli rinnova fino al 2024: "Vorrei diventare un simbolo del club"

Adeguamento e rinnovo per il giovane centrocampista viola che ha firmato per le prossime cinque stagioni

Importante rinnovo di contratto in casa Fiorentina: il club viola ha annunciato il rinnovo di contratto di Gaetano Castrovilli fino al 2024. Il giovane centrocampista da inizio stagione è stato lanciato nell'undici titolare da Vincenzo Montella ed è riuscito a rimanervi in pianta stabile collezionando prestazioni sempre più convincenti (contro il Milan è arrivato anche il suo primo goal in Serie A).

Il talento pugliese è intervenuto in conferenza stampa nel primo pomeriggio accompagnato dal direttore sportivo Daniele Pradé. Accostato da Antognoni dallo stesso Montella, Castrovilli ha dichiarato: "Ripercorrere la carriera di Antognoni sarebbe fantastico. Ringrazio il mister per le belle parole. Mi piacerebbe diventare un simbolo della Fiorentina. Sono contento di far parte di questo gruppo. Lavoriamo ogni giorno per migliorare".

La Fiorentina si è mossa in anticipo prima che qualche squadra potesse fiondarsi sul suo gioiello blindandolo fino al 2024: "Ho accettato questo progetto perché c’è grandissimo entusiasmo da parte di tutti. Qui posso crescere. È un traguardo che dedico alla mia famiglia, mi hanno sempre supportato".

Dopo due stagioni passate a farsi le ossa in Serie B il 22enne di Minervino si è ritrovato titolare in Serie A dimostrando di avere la personalità giusta per un palcoscenico così importante: "Ringrazio il mister e il suo staff per l'importanza e per l’aiuto che mi stanno dando. Lavoro per migliorarmi ogni giorno e voglio essere sempre al livello migliore. Ho capito che stavo facendo la cosa giusta nel momento del cambio con la Juventus, con la risposta del pubblico".

Le prestazioni di Castrovilli nelle prime giornate di campionato hanno persino indotto buona parte della critica sportiva a pensare che il suo nome potesse rientrare tra i convocati di Roberto Mancini per il doppio impegno dell'Italia nelle qualificazioni europee. "La Nazionale? Amo le sfide, voglio affrontare e superare anche questa e superarla". Poi spegne eventuali dualismi con Benassi: "Io e Marco siamo spesso insieme, mi aiuta molto ed è uno stimolo per migliorarmi. Non credevo di partire titolare, è sicuramente un aiuto in più per me, lavoro per essere sempre migliore".

"Migliorare" è un ternine molto ricorrente sentendo parlare Castrovilli, consapevole di poter crescere ancora sotto tanti punti di vista: "Devo essere più freddo sotto porta e sicuramente nell’ultimo passaggio". Tesserato due stagioni fa insieme all'altro barese Scalera, ora le carriere dei due hanno preso strade diverse: "Con lui mi sento spesso, siamo molto amici. Lui ora gioca nella Viterbese e gli faccio un grande in bocca al lupo".

Castrovilli conferma l'importanza del prestito biennale alla Cremonese: "L’esperienza di Cremona mi ha aiutato molto, sono cresciuto moltissimo. Devo molto anche ai miei ex compagni che mi hanno aiutato sotto ogni punto di vista, quello tecnico sopratutto". La sua fonte d'ispirazione sono i grandi campioni ma il giovane viola vuole scrivere la sua storia: "Ho sempre ammirato Ronaldinho e Kakà, ma mi piace pensare di essere Gaetano Castrovilli".

Curiosamente il primo goal in Serie A è arrivato a San Siro contro il Milan: "Da bambino ero tifoso del Milan, un po’ mi è dispiaciuto, per me è stata una grandissima emozione. Mi stavo quasi commovendo dopo il gol a Milano. Consigli da parte dei più grandi? Rimanere concentrato e con i piedi per terra”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Via de'Pucci: chiuso lo Shot Cafè

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Crac Costruzioni Margheri: sette condanne per bancarotta

  • Carceri: sesso per i detenuti, chiesto intervento della Regione  

  • San Jacopino: allarme bomba / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento