Calciopoli toscana: il Firenze Ovest riammesso in Promozione

Accolto in Appello il ricorso: partirà con 7 punti di penalizzazione. Ridotte squalifiche e ammende

La Corte d'Appello Federale grazia il Firenze Ovest e lo riammette nel campionato di Promozione, pur con una penalizzazione di sette punti nella nuova imminente stagione sportiva. E' questa la decisione più importante della sentenza emessa ieri in seguito ai ricorsi presentati in seguito alla pronuncia di primo grado, che era costata in Eccellenza anche un punto di penalizzazione al Porta Romana e allo Zenith Audax.

Le sanzioni sono state decise dopo la vicenda sul tentativo di illecito per la gara di campionato 2016-2017 contro l’Aglianese, che inizialmente era costata alla squadra di Firenze la retrocessione in Prima categoria. L'accusa nata dalle intercettazioni riguardava anche l'utilizzo di calciatori ivoriani, che ha portato molti tesserati a patteggiare.

Il secondo grado pene ridotte anche per l'ex allenatore della Sestese Enrico Gutili, la quale radiazione decisa in primo grado viene trasformata in una squalifica di quattro anni di squalifica. Per quanto riguarda il Grassina, anch'esso colpito dalle sanzioni in primo grado, restano invariati i dodici mesi di squalifica per i presidenti Tommaso Zepponi e Massimo Colucci, ma scendono le ammende che vengono scontate, oltre a Gutili, anche al presidente dell'Ovest Piero Colzi.

Squalifica dimezzata per l’ex calciatore del Firenze Ovest Nicolò Terrafino: da due a un anno di squalifica e 5mila euro di ammenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo scomparso: trovato morto, deceduto in incidente stradale

  • Tramvia, destra e 5 Stelle attaccano: “No allo scempio, sì al modello cinese senza binari”

  • Ragazzo scomparso a Firenze, l'appello della madre: “Aiutateci, siamo disperati”

  • La terza e ultima stagione de I Medici: tutte le informazioni

  • Meteo, arriva il primo freddo: le previsioni della settimana

  • Morto il giovane rapper Cry Lipso 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento