← Tutte le segnalazioni

Altro

Arno: pescare nella storia, dal 1984 al 2020

Ponte Vecchio · Firenze

Nel 1984 una turista scattò questa foto a dei pescatori che pescavano in uno scenario a dir poco suggestivo: Ponte Vecchio. Oggi siamo a raccontarvi questa storia particolare di due ragazzi che, proprio come nel 1984, hanno ripreso le loro orme. 

Armati di stivali, gilet da pesca e canna "bolognese" hanno ricreato quell'immagine bellissima a distanza di ben 36 anni. I protagonisti si chiamano Lorenzo Lastraioli e Tommaso Torsoli, due amici con la passione per la pesca, inventori anche di un canale YouTube dal nome "Che Bollano?"

I loro video di pesca hanno lo scopo di riportare pescatori di tutte le età sui fiumi, rispettando la natura e mantenendo un'etica rispettosa nei confronti dei pesci. 

Diamo la parola a loro. Tommaso Torsoli: "Appena il premier Conte ha dato la possibilità dopo il periodo di quarantena di poter tornare a pescare, io e Lorenzo abbiamo deciso di farlo in una location molto particolare, affascinati anche da una foto del 1984 che raffigurava tre pescatori sulle rive dell'Arno a pescare con lo sfondo stupendo di Ponte Vecchio". "Quindi siamo scesi con la nostra attrezzatura dalla spiaggetta di San Niccolò e ci siamo diretti verso Ponte Vecchio". "Ci teniamo a precisare che in questo periodo dalla pescaia di San Niccolò al Ponte alle grazie il tratto di Arno è chiuso per frega, ma dal Ponte alle Grazie in poi si può pescare". 

"Iniziamo a pescare e con stupore misto a felicità, e abbiamo catturato delle grosse carpe. Ottimo segno per le acque del nostro amato Arno che per anni aveva subito una carenza notevole di pesce". "Nel nostro piccolo abbiamo cercato di ricreare quell'atmosfera magica di quella foto del 1984. Certo, magari il fiume era diverso, i pesci erano altri, ma Ponte Vecchio è sempre quello, sempre stupendo". Insomma questi ragazzi, a loro modo, hanno ricreato un'atmosfera magica. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
FirenzeToday è in caricamento