La prima sala di registrazione a gettoni d'Italia è a Firenze

La sala si trova in un ex montacarichi della Manifattura Tabacchi

LoudLift, foto da Manifattura Tabacchi

LoudLift, la prima sala di registrazioni a gettoni d'Italia, è stata ricavata in uno degli ex-montacarichi di B9 - il prototipo della Manifattura Tabacchi del futuro -, è la versione contemporanea dei recording booth costruiti negli Stati Uniti tra gli anni ‘40 e gli anni ‘70. Il modello più diffuso all’epoca era il Voice-o-Graph®, simile alle cabine per le foto tessere e in cui si potevano registrare pensieri e musica da spedire in tutto il mondo. 

Jack White, ex-leader dei White Stripes e produttore musicale, ha interamente registrato il suo singolo, composto dal brano Lazzaretto e una cover di Power Of My Love di Elvis Presley, usando un recording booth del 1947, perfettamente conservato e in grado di incidere direttamente su vinile. Il dispositivo è stato poi installato alla Third Man Records dove musicisti come Neil Young, Richard Thompson e Brendan Benson lo hanno usato per registrare la loro musica.

Gli Zen Circus all'interno di LoudLift

I recording booth hanno rappresentato una vera rivoluzione nel panorama della registrazione – in quegli anni serviva un vero arsenale tecnologico per incidere un vinile – e sono stati portatori di messaggi d’amore e di speranza durante le seconda guerra mondiale.

Realizzato con la direzione artistica di Matteo Gioli, LoudLift si ispira proprio al Voice-o-Graph® e permette di registrare, tramite l’acquisto di un ‘gettone’, una traccia di 4 minuti su una chiavetta USB

Se al supporto digitale si preferisse conservare la propria traccia su vinile, basta imbucare la pen drive nella cassetta delle lettere fuori dall’ex-montacarichi per ricevere, dopo qualche settimana, il proprio 45 giri all’indirizzo segnalato. È inoltre possibile riprendere la performance all’interno di LoudLift con la propria action cam.

Uno spazio pensato per la musica

La sala registrazioni di Manifattura Tabacchi è un luogo pensato per dare voce a progetti musicali di professionisti e non.

In pochi minuti si possono realizzare post-card sonore inedite e vivere l’esperienza - chi non l'avesse mai fatto - di incidere una traccia audio. Uno spazio unico dove creare un’istantanea in musica.

loudlift-1-2

Come funziona

  1. Compra il tuo ‘gettone’ al bistrot di B9 (10,00 euro), riceverai una chiavetta USB e una pin che ti servirà per attivare la registrazione dentro LoudLift.
  2. Una volta dentro LoudLift sistemati seguendo le istruzioni e preparati a registrare.
  3. Dopo aver attivato il dispositivo con il pin, inserisci la USB. La registrazione inizierà dopo 10 secondi.
  4. Una volta terminati i 4 minuti di registrazione, ritira la tua USB.
  5. Adesso puoi decidere: portare subito a casa la tua traccia sul supporto digitale oppure imbucare la pen drive nella cassetta di LoudLift per ricevere, all’indirizzo segnalato, il vinile inciso in Manifattura con la tua traccia. Per realizzare il vinile (30€) chiedi il modulo al bistrot.

Ogni gettone acquistato è valido per una registrazione di 4 minuti. Quindi in caso si volesse registrare più di una traccia da 4 minuti è necessario acquistare un nuovo gettone. L'esperienza di utilizzo di LoudLift per ogni registrazione dura 30 minuti.

QUI per prenotare il proprio tempo (30 minuti)

LoudLift è aperto tutti i giorni dalle dieci a mezzanotte.
B9- MANIFATTURA TABACCHI
Via delle Cascine 33 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LoudLift, foto da Manifattura Tabacchi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, maxi-multa all'automobilista romantico: "Sto andando dalla mia fidanzata, mi manca"

  • Coronavirus, l'Einaudi Institute: "La Toscana arriverà per ultima a quota zero contagi"

  • Fare la spesa in Toscana al tempo del Covid-19: ecco cosa cambia

  • Coronavirus: morto il primo medico fiorentino

  • Coronavirus: fase acuta dell'emergenza, i casi nel Fiorentino 

  • Effetto Coronavirus, Comune di Firenze a rischio default: "resta liquidità per tre mesi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento