Scuola: come sarà il nuovo polo scolastico 'Meucci-Galilei'

Dopo il crollo al Meucci presentato lo studio di fattibilità, interventi per oltre 40 milioni: "Sarà un modello, un vero campus"

Il nuovo polo scolastico 'Meucci-Galilei' sara' pronto nel 2026 e complessivamente costera' 41,4 milioni di euro.

Lo studio di fattibilità del nuovo istituto che ospiterà i ragazzi delle superiori è stato presentato dal sindaco di Firenze Dario Nardella questa mattina, dopo il crollo di un controsoffitto avvenuto poche settimane fa.

Le due scuole, in pratica, si trasformeranno in "un vero e proprio campus, diventando un modello per l'edilizia scolastica. La scuola infatti sarà la più ecologica nel territorio metropolitano", si spiega dalla Città metropolitana.

Nel polo, che si svilupperà su 40mila metri quadri complessivi, sono previste 110 aule, due palestre, 32 laboratori e un auditorium in comune tra i due istituti.

Sempre nel 'campus' saranno realizzati spazi di servizio (bar, magazzino, archivi, infermeria), aree verdi attrezzate e parcheggi. Il tutto per ospitare 2mila400 studenti contro gli attuali 2mila148.

I lavori comporteranno l'abbattimento degli attuali edifici che ospitano le scuole e la costruzione delle nuove e più moderne strutture. Sotto lo studio di fattibilità in dettaglio:

Allegati

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

  • "Non ci resta che piangere": 35 anni dopo il film in piazza del Carmine

I più letti della settimana

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Bambino di 8 anni muore dopo una settimana di agonia

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Addio allo stress da posto fisso: così amore e viaggio ci hanno cambiato la vita

  • Incidente in montagna sulle Dolomiti: muore escursionista fiorentino

  • Terremoto: nuova scossa, la terra trema ancora

Torna su
FirenzeToday è in caricamento