Rivoluzione stazione SMN: Palazzo Vecchio cambia verso a via Nazionale

L'ipotesi è allo studio del Comune. E' stato Nardella ad annunciare la possibile svolta che prevede via Valfonda porta di accesso in stazione: la "stiamo valutando" perché "l'uscita di via della Scala è un imbuto"

Via Nazionale cambia verso, per dirla alla Matteo Renzi? Può darsi e non si tratta di un tormentone da campagna elettorale ma di un’ipotesi concreta allo studio di Palazzo Vecchio. Dai viali alla stazione di Santa Maria Novella, direzione che nel corso del 2015 potrebbe invertirsi: dalla stazione ai viali. L’annuncio è arrivato ieri dal sindaco di Firenze, Dario Nardella, ospite a Lady Radio: si tratta di un’idea che “stiamo valutando” perché “l’uscita di via della Scala è un imbuto”. Due strade per raggiungere la stazione (via Nazionale e via Alamanni), un’unica uscita, via della Scala appunto. Da qui l’effetto imbuto.

Da qui l’alternativa proposta a Nardella dagli uffici mobilità di Palazzo Vecchio: la soluzione del rebus? Trovare un’altra via d’uscita, via Nazionale. Come? Rendendo via Valfonda la porta di accesso, ad altezza Fortezza, della stazione. Via Valfonda che in questa ipotesi si farebbe in tre: una corsia dedicata alle auto e motorini in entrata, una alla tramvia, la terza ‘promiscua’ tramvia-auto. Dall’altra parte della stazione, invece, l’ingresso sarebbe garantito dalla carreggiata di via Jacopo da Diacceto sgombra dai binari della tramvia e l’uscita sempre da via della Scala, alleggerita però dal traffico in uscita di via Nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo scomparso: trovato morto, deceduto in incidente stradale

  • Tramvia, destra e 5 Stelle attaccano: “No allo scempio, sì al modello cinese senza binari”

  • Ragazzo scomparso a Firenze, l'appello della madre: “Aiutateci, siamo disperati”

  • La terza e ultima stagione de I Medici: tutte le informazioni

  • Meteo, arriva il primo freddo: le previsioni della settimana

  • Morto il giovane rapper Cry Lipso 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento