Tramvia e attese sotto il sole: Cellai chiede coperture alle pensiline 

In alcuni tratti le fermate non sono dotate di "schermi"

Il sole degli ultimi giorni ha fatto scattare le allerte e indicazioni rivolti soprattutto alle fasce più deboli della popolazione, tanto che il sindaco ha utilizzato il sistema Alert System per consigliare ai fiorentini comportamenti idonei per contrastare la canicola. Ovviamente nel quotidiano rimangono alcune esigenze, come la mobilità. Come documentato da Firenzetoday, le attese per chi si muove in tramvia possono essere faticose soprattutto nei punti dove non è presente una copertura sulle pensiline e la relativa ombra. Per questo il consigliere comunale di Forza Italia Jacopo Cellai ha presentato un'interrogazione per sapere se "sono state elaborate soluzioni progettuali specifiche per la realizzazione delle coperture" a quelle fermate "prive di protezione da irraggiamento solare e pioggia ed entro quali tempi verranno installate" sottolineando che già un anno fa la questione era stata sottoposta all'attenzione dell'amministrazione comunale.

"Lungo il tracciato della linea 1 della tranvia – ricorda Cellai – la maggior parte delle fermate sono dotate di panchine e pensiline di protezione da irraggiamento solare e pioggia, mentre presso le fermate della Stazione di Santa Maria Novella e la fermata Leopolda/Porta al Prato gli utenti sono costretti a sostare senza alcuna protezione in balia degli agenti atmosferici sia nel periodo estivo che invernale. La mancanza di adeguati ripari veniva attribuita al diniego espresso dalla sovrintendenza belle arti e paesaggio che riteneva le tettoie un disturbo al godimento della vista sulla basilica di Santa Maria Novella e della prospettiva architettonica della zona della di Porta al Prato". 

"La problematica – si sottolinea nell'interrogazione – era già stata evidenziata con precedente interrogazione nell'agosto 2018 alla quale già nel mese di ottobre 2018 era stato risposto che “l’Amministrazione Comunale ha parlato con la Sovrintendenza ed ha evidenziato le difficoltà dell’utenza. L’Amministrazione provvederà quindi a chiedere ai progettisti di ipotizzare delle soluzioni con progetti specifici che si integrino con il tessuto storico ed architettonico dei luoghi”.

"Anche nel nuovo tracciato tranviario T2 – scrive Cellai – si rilevano alcune fermate prive di ripari come ad esempio via Gordigiani con disagi per l’utenza. Gli eccessi climatici che si stanno registrando con sempre maggiore frequenza possono divenire anche fonte di pericolo sanitario, specialmente nelle ore di maggiore irraggiamento per l’utenza costretta a sostare presso le fermate senza protezione". Senza dimenticare che "con l’entrata a regime della linea T2 la proiezione porta a superare i 40 milioni di utenti annui sulle linee tranviarie". Per questo il capogruppo di Forza Italia chiede all'amministrazione comunale se "ritiene accettabile che, a fronte di un’utenza sempre crescente anche di tipo turistico, si costringa i passeggeri ad evidenti e pesanti disagi specialmente se appartenenti alle fasce più deboli come anziani, bambini e portatori di handicap". 


 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo morto nella sua auto: è il genero di Roberto Cavalli

  • Via Palazzuolo: completamente nuda semina il panico in strada

  • Tramvia sovraffollata, la Cgil: “Situazione insostenibile"

  • Firenze Rocks 2020: fan in fermento per la quarta edizione

  • Versilia: fiorentina muore durante una gita in montagna

  • Aeroporto di Peretola: nuovi voli da Firenze grazie a Vueling

Torna su
FirenzeToday è in caricamento